Dal produttore al consumatore, Farmer’s Market

mercato-contadinoFare la spesa in piazza, nei mercati contadini o direttamente in azienda agricola. Nata alcuni anni fa in America, è la moda di acquistare prodotti agricoli direttamente dal produttore, olio, vino, formaggio, frutta, carne e altro ancora.


Sono sempre più numerosi, le aziende agricole che offrono la possibilità di acquistare prodotti direttamente dal produttore.
L'obiettivo è quello di accorciare la catena alimentare per fornire al cliente prodotti di stagione, quindi freschi e di maggiore qualità, dalla terra alla tavola senza intermediari, evitando, quanto più possibile il trasporto del prodotto su lungha distanza (filiera corta).
La filiera corta, o a circuito breve, rappresenta la concreta realtà di un rapporto diretto tra produttore e consumatore, singolo o associato, che accorcia (in molti casi azzerandolo) il numero degli intermediari commerciali con lo scopo di diminuire sensibilmente il prezzo finale dei prodotti aziendali.

Nel 2008 un italiano su due (52%) ha acquistato almeno una volta direttamente dal produttore agricolo, la forma di distribuzione commerciale che ha registrato la maggior crescita nel Belpaese, + 8%. Con un fatturato di circa 2,7 miliardi di euro. Fonte: Elaborazioni Coldiretti e Agri2000

Quali sono le ragioni che inducono il potenziale acquirente a comprare senza intermediari?
Prima di tutto tanta voglia di mangiar sano, anche se c'è chi lo fa per ragioni etiche, di risparmio e di comodità. E’ stato ampiamente verificato che la formula di commercio tradizionale, penalizza il piccolo agricoltore che dalla vendita ricava solo una percentuale minima. Il vantaggio di eliminare i passaggi intermedi consente di ridurre il prezzo finale del prodotto e di aumentare il guadagno per il coltivatore. Da pochi anni per abbattere ulteriormente i prezzi dei prodotti agricoli, già di loro competitivi, sempre più spesso i clienti si organizzano in gruppi (gruppo di acquisto), da qui la nascita di siti specializzati (www.campagnamica.it) per fronteggiare in modo rapido e rispettoso dell’ambiente, questa nuova formula commerciale.
I Farmer's Market. In questi luoghi, in piazza, dal contadino o direttamente in azienda agricola, si va non solo per fare la spesa in maniera impersonale, ma anche per conoscere i prodotti tipici di una località, gli affascinati luoghi circostanti ecc., il tutto condito da un ambiente sicuramente più accogliente e divertente rispetto alla grande distribuzione.

offerta assaggio olio dal produttore
"Offerta assaggio olio extravergine" clicca qui ->>

Dal produttore al consumatore

Ci sono diverse modalità di acquisto dal produttore al consumatore: la distribuzione alla spina (che riguarda soprattutto il latte,), i distributori automatici (vino, olio ecc.), la raccolta di prodotti direttamente dall’orto, l’acquisto in azienda, i mercati contadini e l’acquisto diretto tramite il sito aziendale del produttore.
Dai campi alla nostra tavola, i prodotti definiti a chilometro zero stanno rivoluzionando il modo di comprare. Anche nel settore oleario numerose aziende agricole si sono adeguate per fronteggiare questa nuova tendenza, infatti, nella nostra sezione “Frantoi e aziende agricole in Italia” è possibile localizzare, con l’aiuto di una mappa, il frantoi o l’azienda più vicina a casa tua.
Olio extravergine di oliva direttamente dal frantoio o azienda agricola:
uno scopo che si basa sulla promozione di un prodotto, olio extravergine d’oliva, considerato il principe della dieta mediterranea ma che intende soprattutto far conoscere il territorio di produzione e garantire un alimento di qualità tutta italiana.
Alcuni mesi fa sono apparsi, sul territorio italiano, anche i distributori automatici per l’olio extravergine, sicuramente una valida alternativa di commercializzazione atta a garantire prodotti di qualità a prezzi drasticamente spogliati dai numerosi passaggi di intermediazione, più convenienti e principalmente più remunerativi per le aziende olivicole che in questi ultimi anni vivono una profonda crisi del settore oleario.

In conclusione possiamo definire che i prodotti a chilometro zero sono equi e sostenibili, un binomio perfetto, non solo perché danno un giusto ricavo al produttore ma anche per il fatto che, nel totale rispetto dell’ambiente, riducono l'impatto ambientale. E’ doveroso precisare che all’interno delle varie possibilità di acquisto, bisogna comunque avere sempre l’occhio vigile sul rapporto qualità prezzo e tenere in considerazione alcuni principi di base: non è sempre detto che il prodotto acquistato direttamente dall’azienda a un costo molto ridotto e nello stesso tempo sia anche garanzia di ottima qualità; stessa cosa vale per i prodotti da agricoltura biologica o quelli provenienti da piccole aziende; non sempre ci si trova di fronte a un prezzo minore a quello proposto dalla grande distribuzione organizzata; in ultima cosa è consigliabile verificare che l'azienda sia in regola con la normativa Italiana e Comunitaria vigente, sia in materia di produzioni alimentari e sia in materia del rispetto di tutte le norme vigenti per attività commerciali, aziendali e ambientali.
Il miglior consiglio è: conoscere, confrontare e poi valutare l’eventuale acquisto del prodotto.

Gruppi d'acquisto, in crescita la rete dei GAS


Nessun commento ancora

Lascia un commento

E' necessario essere Accesso effettuato per pubblicare un commento