Pieralisi DMF e Patè

Tipologie di estrazione dell'olio di oliva, Tipologie e rese al quintale. Le varie differenze di estrazione a freddo o a caldo, ciclo continuo, tradizionale ecc.

Moderatori: Paoloadm, foxhy, torejeo, ruby

torejeo
Messaggi: 188
Iscritto il: gio gen 01, 1970 2:0 1 am

Re: Pieralisi DMF e Patè

Messaggioda torejeo » lun gen 11, 2016 6:0 1 pm

reposti69 ha scritto:Qualcuno conosce un frantoio in provincia di Cosenza dove è possibile far visita al decanter Pieralisi DMF? Grazie!
Scusa, se non erro Arena (VV) non è distante da dove risiedi. Facci sapere.
GIULIANO LODOLA
Messaggi: 924
Iscritto il: ven ott 31, 2014 2:0 1 pm

Re: Pieralisi DMF e Patè

Messaggioda GIULIANO LODOLA » gio gen 14, 2016 10:0 1 am

torejeo ha scritto:
reposti69 ha scritto:Qualcuno conosce un frantoio in provincia di Cosenza dove è possibile far visita al decanter Pieralisi DMF? Grazie!
Scusa, se non erro Arena (VV) non è distante da dove risiedi. Facci sapere.
Ho contattato Pieralisi chiedendo loro il nominativo di un frantoio che utilizza il loro macchinario ma non hanno ancora risposto.
riky
Messaggi: 43
Iscritto il: lun apr 11, 2011 9:0 1 pm

Re: Pieralisi DMF e Patè

Messaggioda riky » ven gen 15, 2016 4:0 1 pm

Finalmente le acque di vegetazione si possono immettere nella rete fognaria grazie alla nuova legge in approvazione definitiva al Senato.
Comunque occorre l'autorizzazione del Comune e di chi gestisce il depuratore comunale.
Se così fosse siamo di fronte ad una svolta. :)
GIULIANO LODOLA
Messaggi: 924
Iscritto il: ven ott 31, 2014 2:0 1 pm

Re: Pieralisi DMF e Patè

Messaggioda GIULIANO LODOLA » ven gen 15, 2016 7:0 1 pm

riky ha scritto:Finalmente le acque di vegetazione si possono immettere nella rete fognaria grazie alla nuova legge in approvazione definitiva al Senato.
Comunque occorre l'autorizzazione del Comune e di chi gestisce il depuratore comunale.
Se così fosse siamo di fronte ad una svolta. :)
Ciao , volevo già incollare l'articolo che avevo letto su Teatro Naturale del 15/Gennaio ma poi non sapevo se facevo bene o no , lo incollo ora perchè credo sia molto interessante la novità apportata.

RIPETO QUESTO ARTICOLO è PUBBLICATO SU TEATRO NATURALE DEL 15/GENNAIO/2016 ,
di T N , pubblicato il 08 gennaio 2016 in Strettamente Tecnico > L'arca olearia
************************************************
Acque di vegetazione di frantoio come quelle reflue domestiche, ma ad alcune condizioni
Approvate, dopo un lungo iter legislativo, le nuove disposizioni in materia ambientale. Ecco cosa cambia per i frantoi. “Abbiamo ristabilito un principio di equità” ci ha spiegato Carlo Bo di Aifo Liguria
547 3 Google +4 3
Pochi sanno, probabilmente, che dal 2006 i frantoi aziendali già potevano sversare le acque di vegetazione direttamente in fognatura.
Lo prevedeva l'articolo 101, comma 7 lettera c del decreto legislativo 152/2006.

Articolo 101: Criteri generali della disciplina degli scarichi
comma 7) Salvo quanto previsto dall'articolo 112, ai fini della disciplina degli scarichi e delle autorizzazioni, sono assimilate alle acque reflue domestiche le acque reflue:
lettera c) provenienti da imprese dedite alle attività di cui alle lettere a) e b) che esercitano anche attività di trasformazione o di valorizzazione della produzione agricola, inserita con carattere di normalità e complementarietà funzionale nel ciclo produttivo aziendale e con materia prima lavorata proveniente in misura prevalente dall'attività di coltivazione dei terreni di cui si abbia a qualunque titolo la disponibilità

Un'evidente disparità di trattamento tra piccoli frantoi, aventi tutti connotati di artigianalità.

“In Liguria, come in altri territori – ci spiega Carlo Bo di Aifo Liguria che si è dedicato anima e corpo a far approvare il nuovo testo legislativo – non ci sono le condizioni per lo spandimento in campo dei reflui di frantoio. Una situazione a noi nota fin dalla legge Merli del 1976 e da allora è cominciata la nostra battaglia.”

Il percorso si è snodato attraverso diversi governi, fin all'approvazione del disegno di legge: “Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell’uso eccessivo di risorse naturali” in procinto di essere pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale.

“L'articolo 101 comma 7 lettera c del dlgs 152/2006 creava le premesse per una disparità di fatto tra frantoi aziendali e piccoli frantoi artigianali, anch'essi al servizio di limitati territori e piccole aziende agricole – spiega Carlo Bo – così com'era rappresentava quindi un vulnus costituzionale. Perchè due frantoi, aventi stesse caratteristiche e capacità di lavoro, avrebbero dovuto avere trattamenti così diversi nella gestione dei reflui?”

Ora non sarà più così grazie a quanto disposto dall'articolo 65 del citato disegno di legge, approvato in via definitiva dalla Camera il 22 dicembre scorso.

All’articolo 101 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e successive modificazioni, dopo il comma 7 è inserito il seguente:
7-bis. Sono altresì assimilate alle acque reflue domestiche, ai fini dello scarico in pubblica fognatura, le acque reflue di vegetazione dei frantoi oleari. Al fine di assicurare la tutela del corpo idrico ricettore
e il rispetto della disciplina degli scarichi delle acque reflue urbane, lo scarico di acque di vegetazione in pubblica fognatura è ammesso, ove l’ente di governo dell’ambito e il gestore d’ambito non ravvisino criticità nel sistema di depurazione, per i frantoi che trattano olive provenienti esclusivamente dal territorio regionale e da aziende agricole i cui terreni insistono in aree scoscese o terrazzate ove i metodi di smaltimento tramite fertilizzazione e irrigazione non siano agevolmente praticabili, previo idoneo trattamento che garantisca il rispetto delle norme tecniche, delle prescrizioni regolamentari e dei valori limite adottati dal gestore del servizio idrico integrato in base alle caratteristiche e all’effettiva capacità di trattamento dell’impianto di depurazione.

I piccoli frantoi artigiani che lavorano olive esclusivamente del territorio regionale e di produttori olivicoli di collina potranno quindi chiedere l'autorizzazione allo smaltimento in fognatura delle acque di vegetazione, dovendo tuttavia seguire le prescrizioni che verranno fornite dall'ente che gestisce la depurazione delle acque reflue urbane.

************************************************

Giuliano.
domaer
Messaggi: 152
Iscritto il: mer gen 10, 2007 10:0 1 am

Re: Pieralisi DMF e Patè

Messaggioda domaer » sab gen 16, 2016 5:0 1 pm

Perchè riportare per intero gli articoli , anche se interessanti, di altre testate? basta un link :evil:
..Leo..
Messaggi: 25
Iscritto il: dom lug 26, 2015 2:0 1 pm

Re: Pieralisi DMF e Patè

Messaggioda ..Leo.. » mer gen 20, 2016 12:0 1 am

se si può immettere A.V. nella fogna penso che non abbia più senso acquistare un DMF
torejeo
Messaggi: 188
Iscritto il: gio gen 01, 1970 2:0 1 am

Re: Pieralisi DMF e Patè

Messaggioda torejeo » gio gen 21, 2016 12:0 1 pm

Forse, in quanto il depuratore comunale deve poter ricevere le acque reflue.
In passato quando qualcuno immetteva le acque reflue nella fogna, chi gestiva il depuratore (Comune, Consorzio o privati) subito denunciava l'accaduto e chiedeva pure i danni, ritenendo che le acque reflue di vegetazione avevano compromesso la funzionalità del depuratore.
Quindi dobbiamo sensibilizzare gli amministratori finchè consentono tecnicamente la possibilità di immettere le acque reflue nella rete fognaria/depuratore.
GIULIANO LODOLA
Messaggi: 924
Iscritto il: ven ott 31, 2014 2:0 1 pm

Re: Pieralisi DMF e Patè

Messaggioda GIULIANO LODOLA » gio gen 21, 2016 1:0 1 pm

domaer ha scritto:Perchè riportare per intero gli articoli , anche se interessanti, di altre testate? basta un link :evil:
Ciao , vero quello che dici e sarebbe più semplice e più esaustivo perchè copiandolo come ho fatto io si perdono le foto e molte altre cose , il mio timore era che fosse proibito da questo forum mettere link o URL che indirizzano ad altri siti o forum e questo timore forse mi ha fatto sbagliare , sarebbe utile se uno dei Moderatori ci confermasse questo dubbio per le prossime volte ,

si possono mettere Link o Url che portano direttamente al sito o forum o altra discussione o pubblicità trovata su internet?
toso
Messaggi: 2
Iscritto il: lun nov 27, 2017 8:0 1 pm

Re: Pieralisi DMF e Patè

Messaggioda toso » lun nov 27, 2017 8:0 1 pm

https://www.youtube.com/watch?v=JbAL599Ov04&t=40s

Questo è il frantoi di un amico,questo video presenta tuttp lìimpianto poi ce ne sara uno piu dettagliato con le speigazioni delle varie lavorazioni.

Non so come mai il video non si vede,o meglio non riesco ad inserire il link comunque questo è il DMF leopard 4
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
torejeo
Messaggi: 188
Iscritto il: gio gen 01, 1970 2:0 1 am

Re: Pieralisi DMF e Patè

Messaggioda torejeo » gio nov 30, 2017 5:0 1 pm

Benvenuto nel forum di FrantoiOnline.it
i link sono stati disabilitati per dissuadere l'attività di spam.
Cmq se i video solo validi per il settore oleario, saremo lieti di pubblicarli.

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti