I polifenoli contenuti nell’extravergine di oliva aiutano a prevenire l’arteriosclerosi

I polifenoli contenuti nell’olio extravergine di oliva

bottiglia-olioUn innovativo studio, pubblicato il 30/06/2010 su "The FASEB Journal", ha dimostrato che l'olio d'oliva e la dieta mediterranea influenzano il nostro corpo in un modo molto più significativo di quanto precedentemente si credeva. La ricerca ha evidenziato che; l'olio extravergine d'oliva, grazie ai polifenoli, modifica i geni che favoriscono l'arteriosclerosi, prevenendo lo sviluppo del disturbo.

Tutti gli studi condotti fino ad oggi sono giunti alla conclusione che l’olio di oliva componente principe della dieta mediterranea, è un alimento utilissimo per prevenire l’insorgenza di patologie cardiovascolari. Questa  innovativa ricerca aggiunge dei particolari che priva non erano stati evidenziati.

Il gruppo di ricercatori diretti dalla dottoressa Maria Isabel Covas, dell'Institut Municipal d'Investigacio Medica di Barcellona, ha selezionato alcuni volontari che godevano di buona salute, dividendoli in 3 gruppi.
Il primo gruppo è stato sottoposto a consumare una dieta mediterranea con olio extravergine d'oliva con alto livello di polifenoli. Il secondo gruppo ha consumato una dieta mediterranea con olio extravergine povero di polifenoli. Il terzo, invece, ha continuato con un'alimentazione normale.

"Polifenoli: sono delle sostanze con proprietà biologiche antiossidanti e antinfiammatorie che svolgono un ruolo importante sia sull'olio che sull'organismo umano, garantendo resistenza all'ossidazione e svolgendo una'azione cardio-protettiva e preventiva dei tumori."

Dopo alcuni mesi di esperimento, il primo gruppo (a differenza degli altri due) mostrava un abbassamento dei geni legati all'arteriosclerosi (malattia infiammatoria cronica delle arterie di grande e medio calibro che si instaura a causa dei fattori di rischio cardiovascolare). Inoltre, è emerso che l’accoppiata olio extra vergine di oliva e dieta mediterranea aiuta a gestire l'insulino-resistenza (condizione caratterizzata da una diminuzione degli effetti biologici dell’insulina), infiammazioni e soppressione tumorale.
"Sapere quali geni possono essere modulati con la dieta in modo sano può aiutare le persone a scegliere un'alimentazione sana. È anche un primo passo per mettere a punto future terapie nutrizionali con alimenti selezionati" questo è stato il commento di Maria Isabel Covas che ha coordinato la ricerca.

Details: Valentini Konstantinidou, Maria-Isabel Covas, Daniel Muñoz-Aguayo, Olha Khymenets, Rafael de la Torre, Guillermo Saez, Maria del Carmen Tormos, Estefania Toledo, Amelia Marti, Valentina Ruiz-Gutiérrez, Maria Victoria Ruiz Mendez, and Montserrat Fito. In vivo nutrigenomic effects of virgin olive oil polyphenols within the frame of the Mediterranean diet: a randomized controlled trial. FASEB J. 2010 24: 2546-2557; doi: 10.1096/fj.09-148452 ; http://www.fasebj.org/cgi/content/abstract/24/7/2546

Fonte: http://www.faseb.org/tabid/121/default.aspx?ContentID=318
The FASEB Journal (http://www.fasebj.org) è pubblicato dalla Federazione delle Società americane di biologia sperimentale (FASEB). Il giornale è stato riconosciuto dallo Special Libraries Association come uno dei top 100 riviste biomediche più influenti del secolo scorso ed è la rivista di biologia più citato in tutto il mondo secondo l'Istituto di informazione scientifica

Nessun commento ancora

Lascia un commento

E' necessario essere Accesso effettuato per pubblicare un commento