La scienza non ha dubbi, usate l’olio extravergine di oliva

cesta-bottiglia

Usate l'olio extravergine di oliva, lo dice la Scienza

Ormai non ci sono più scuse, i diversi e svariati studi scientifici hanno dimostrato la straordinaria importanza per la nostra salute nell’utilizzo quotidiano dell’olio extra vergine di oliva. Quello che è bene approfondire però, sono, le peculiarità specifiche di questo nutrimento prezioso sia dal punto di vista prettamente nutrizionale che per le sue caratteristiche chimiche.

Una visione più ampia dei benefici di quest’alimento c’è lo spiega, nel video sottostante, la dott.ssa Carla Ferreri studiosa di Lipidomica, primo Ricercatore presso l'ISOF-CNR nell'Area di Ricerca di Bologna, già dal 1990 collaboratrice, con il dott. Chatgilialoglu, nel campo dei radicali liberi.

La Lipidomica studia come noi utilizziamo i grassi, anche quelli dell'alimentazione, per vivere meglio. Per quanto riguarda l'olio d'oliva, il suo principale componente – spiega la dott.ssa Ferreri in un'intervista esclusiva per Tuttosteopatia.it-  è l’acido oleico, un acido grasso mono insaturo contenuto almeno nel 70 per cento nell'olio d’oliva, che rende fluide le membrane cellulari ed ha un ottimo impatto col funzionamento del metabolismo in generale. Questo significa che le persone in sovrappeso o obese, possono fare affidamento sulle grandissime capacità che ha l’acido oleico di attivare meccanismi di smaltimento dei grassi.

IL MESSAGGIO per le aziende produttrici di alimenti confezionati è chiaro:
"Ci sia augura che anche con la diffusione di queste notizie – puntualizza la dott.ssa Carla Ferreri – le aziende produttrici di alimenti confezionati inizino a cambiare il loro modo di scelta degli oli, e particolarmente dell’olio di palma, in favore di un'alimentazione che finalmente si dedichi al benessere delle persone, optando cioè per l’olio extravergine d’oliva".

Dott.ssa. Carla Ferreri, 1° Ricercatore CNR-Fondatrice di Lipinutragen

Fonte: www.tuttosteopatia.it

Nessun commento ancora

Lascia un commento

E' necessario essere Accesso effettuato per pubblicare un commento