Pieralisi presenta il nuovo estrattore centrifugo DMF 2012

estrattore decanter pieralisi DMF Ampio programma di incontri nelle regioni dell’olio per presentare ai frantoiani la soluzione tecnologica della terza era per l’estrazione dell’olio di oliva


Il Gruppo Pieralisi, da sempre impegnato nella ricerca di tecnologie di processo all’avanguardia, introduce oggi sul mercato il nuovo Estrattore Centrifugo DMF 2012, un ulteriore, importante passo avanti nelle tecnologie di estrazione dell’olio d’oliva di qualità.
Nel corso del prossimo mese di marzo è previsto un intenso programma di incontri con gli operatori delle principali regioni vocate con partenza il 29 febbraio dalle Marche, “giocando in casa” a Jesi, all’Hotel Federico II. Il 6 marzo è la volta della Sicilia con appuntamento all’Hotel San Michele di Caltanissetta, per poi risalire l’Italia facendo tappa in Calabria l’8 marzo presso l’Hotel Lamezia a Feroleto Antico, Lamezia Terme, e naturalmente in Puglia con ben due appuntamenti, il 12 marzo a Bari presso l’Hotel Parco dei Principi e il 14 marzo in provincia di Lecce, presso la Tenuta Caradonna a Lequile. La macchina organizzativa degli eventi si sposta quindi in Campania, dove è previsto un incontro presso l’Hotel La Foresta di Montoro Inferiore, in provincia di Avellino, il giorno 16 marzo, per incontrare poi i frantoiani del Lazio il 19 marzo presso il Grand’Hotel Terme Salus di Viterbo. Ultima tappa in Toscana, il 21 marzo, per un meeting che si terrà presso la OTA-Olivicoltori Toscani Associati a Scandicci (Firenze).

Il nuovo estrattore centrifugo DMF 2012 rappresenta un’evoluzione tecnologica degli estrattori della terza era serie DMF, che si distinguono per l’eccelsa qualità dell’olio estratto senza aggiunta di acqua, le rese in assoluto le più alte oggi ottenibili, i ridotti consumi idrici ed energetici, rappresenta l’evoluzione del sistema a due fasi, riunendo in un’unica macchina i pregi della lavorazione senza aggiunta di acqua (due fasi) con la semplicità gestionale del sistema a tre fasi. 
La tecnologia DMF è infatti oggi l’unica in grado di coniugare il sistema di estrazione a due fasi senza aggiunta di acqua con la lavorazione partitaria, grazie al dispositivo di svuotamento del tamburo che permette di scaricare tutto l’olio presente ad ogni cambio di partita di olive.

In aggiunta, il decanter DMF è l’unico estrattore che produce due prodotti secondari riutilizzabili: una sansa disidratata simile a quella proveniente dall’impianto a tre fasi e un “paté”, costituito dalla polpa e dall’umidità dell’oliva senza tracce di nocciolino, che si adatta a diversi impieghi, quali l’utilizzazione agronomica o l’alimentazione zootecnica. Il “paté” pertanto non rappresenta più uno scarto da smaltire, bensì un valore aggiunto per il frantoio.

Vedi Estrattori centrifughi serie DMF scheda tecnica ->>

Nessun commento ancora

Lascia un commento

E' necessario essere Accesso effettuato per pubblicare un commento