Polifenoli, non buttiamoli via

lavatriceSono ormai noti, quasi a tutti, le proprietà benefiche dell’olio extravergine di oliva, una caratteristica che è stata ampiamente dimostrata da diverse ricerche scientifiche dalle quali è emerso che tutto ciò è imputabile principalmente al contenuto di antiossidanti naturali "polifenoli" presenti nell’extravergine di oliva.


Durante il processo di estrazione dell’olio di oliva (in frantoio) solo una piccole quantità di Polifenoli (2,5 %) del totale presente nelle olive viene conferito all’olio, mentre circa il 49 %, viene trattenuto nelle Acque di Vegetazione (AV) che rappresentano uno scarto della lavorazione. Le AV, considerati inquinanti, vengono inviati ad impianti di depurazione oppure, vista la legislazione vigente, utilizzati per lo spandimento controllato sul terreno con relativi costi per il frantoiano. In sostanza il 49% di principi attivi, cioè di polifenoli ad altissimo valore antiossidante, come il verbasco side, l’idrossitirosolo, l’oleuropeina ecc., che fanno tanto bene alla salute dell’uomo (vedi -> olio e salute) vengono buttati via con le Acque di Vegetazione. Le recenti ricerche condotte dall’ENEA hanno dimostrato con un brevetto internazionale già ampiamente collaudato, come sia possibile trattare le Acque di Vegetazione in modo da ricavare tutti i prodotti di interesse commerciale (recuperando i polifenoli ecc.), ed eliminando nel contempo il loro carico inquinante.

Video sintesi del sistema trattamento Acque di Vegetazione

Le AV sono cosi diventate una risorsa altamente remunerativa per il frantoiano (leggi articolo Perche spendere quando si-puo guadagnare).
A seguito di numerose domande pervenute da parte di molti operatori del settore oleario, interessati all’evoluzione di tale brevetto, abbiamo chiesto al Prof. Massimo Pizzichini, come stanno le cose ad oggi?
A distanza di tempo sono felice di comunicarvi che l’ENEA ha messo in campo una serie di azioni tecniche ed amministrative per trasferire questo brevetto alla società civile, quindi renderlo disponibile per l’industria olearia europea.
Per prima cosa ha ceduto la licenza di sfruttamento del brevetto ad una società privata, che quindi si può muovere agevolmente sul mercato. La società si chiama Genelab srl, con sede a Siracusa, oppure con il Dr. Daniele Pizzichini.
Questa società sfrutta la tecnologia di trattamento delle acque di vegetazione olearie con membrane, per recuperare molecole d'interesse biomedico, come i polifenoli, pur riducendo a zero il forte carico inquinante dell’acqua di vegetazione olearia. Visto che lo stadio critico per la traduzione pratica del brevetto era costituito, non tanto dalla costruzione degli impianti di frazionamento delle A.V, ma dalla difficoltà di commercializzare i prodotti finiti, è stata costituita  con capitale privato una nuova Società specializzata nella commercializzazione dei polifenoli, estratti dalle acque di vegetazione e purificati, che si chiama PhenoFarm srl, con sede a Roma. Attraverso Genelab si può contattare PhenoFarm.
Siamo passati quindi dalle parole ai fatti poichè è in fase avanzata di costruzione un impianto industriale di trattamento delle acque di vegetazione, su licenza ENEA, da 10 ton/giorno, che sarà installato a Scandriglia in Sabina (RI), ed entrerà in produzione a metà Novembre 2009, quindi per la prossima campagna olearia.
Tutto questo consente di avere, al più presto, tutta una serie di informazioni tecnico-economiche molto utili per installare altri impianti di trattamento delle acque di vegetazione, avendo la possibilità di commercializzare i prodotti finiti per conto proprio, oppure tramite PhenoFarm.
Grazie per la collaborazione, con ossequi.
Prof. Massimo Pizzichini; ENEA, Dip. BAS; C.R. Casaccia, Roma.
Mail; massimo.pizzichini@enea.it



Commenta questo articolo sul forum -->

Nessun commento ancora

Lascia un commento

E' necessario essere Accesso effettuato per pubblicare un commento