Produzione mondiale olio di oliva

mercato-olio_garfico La produzione mondiale di olio di oliva si attesterà su 3,1 milioni di tonnellate, in crescita del 3% rispetto alla passata annata.

È la stima effettuata dal Consiglio Oleicolo Internazionale (C.O.I.) per la campagna 2011/2012 dalla quale emerge che tre quarti della produzione si concentrano nell’Unione europea 2,18 milioni di tonnellate con Spagna a farla da padrona (62%), seguita da Italia (20%), Grecia (14%) e Portogallo (3%).

Produzione mondiale di olio di oliva per Paese (Principali Paesi - .000 t.)

Paesi  2009/10  2010/11  2011/12 Var. % 10/11
           11/12
Quota Mercato
Unione Europea 2.224,5 2.205,0 2.180,5 - 1,1% 70,38 %
Siria 150,0 180,0 200,0 + 11,1% 6,46%
Turchia 147,0 160,0 180,0 + 12,5% 5,81%
Tunisia 150,0 120,0 180,0 + 50% 5,81%
Marocco 140,0 140,0 120,0 - 7,69% 3,87%
Algeria 26,5 50,0 54,5 + 9,0% 1,76%
Giordania 17,0 21,0 22,0 4,76% 0,71%
Cile 12,0 16,0 22,0 + 37,5% 0,71%
Libano 9,0 14,0 18,0 + 28,57% 0,58%
Fonte: elaborazione Unaprol su dati Coi e Istat.

Produzione olio di oliva nel mondo e bacino mediterraneo.
Fuori dal contesto comunità europea, si evidenzia la buona performance della Tunisia che dovrebbe aumentare del 50% la propria produzione raggiungendo le 180 mila tonnellate, quante la Turchia (+12,5%) e poco meno della Siria (200 mila tonnellate con un incremento dell’11%).
Tra gli altri produttori del Mediterraneo si segnala la contrazione produttiva del Marocco, mentre per l’Algeria si registra una crescita del 9%.
Mentre tra le nuove aree di produzione che il Consiglio Oleicolo Internazionale segnala come meritevoli di attenzione vi è l’Australia che raggiunge circa 19
mila tonnellate, pari a più di un terzo del proprio fabbisogno interno e con un trend di crescita rispetto alla precedente campagna.

Produzione olio di oliva nelle regioni Italiane - clicca qui

Nessun commento ancora

Lascia un commento

E' necessario essere Accesso effettuato per pubblicare un commento