Spagna, cala il consumo dell’olio di oliva

I consumatori spagnoli preferiscono acquistare oli commestibili più economici: l'olio di girasole.

Sorprende che gli spagnoli, che sono i grandi produttori di olio d'oliva nel mondo, siano così poco fedeli a uno dei loro prodotti principali che esportano in tutto il mondo.

La commercializzazione totale dell'olio di oliva spagnolo dimostra una battuta d'arresto, più marcata nel mercato interno che nelle esportazioni.

Infatti i consumatori spagnoli di olio di oliva acquistano il 14% in meno e le esportazioni diminuiscono del 4%.

Anierac (Associazione nazionale degli oli commestibili industriali, di imballaggio e di raffinazione) ha riferito che le vendite di olio d'oliva sono state ridotte del 13,8% nel 2017, rappresentate da 296,5 milioni di litri.

Il Ministero dell'Agricoltura, dell'Alimentazione e dell'Ambiente del paese iberico afferma che la commercializzazione all'ingrosso dell'olio di oliva raggiunge 318.700 tonnellate, con un calo dell'8% rispetto alla stagione precedente e dell'8,5% rispetto alla media degli ultimi quattro. La media mensile delle vendite in questo periodo è 106.240 tonnellate.

Fortunatamente, attraverso diverse campagne di marketing, si sta cercando di sostenere la domanda estera. Le esportazioni, con dati ancora provvisori per il mese di dicembre 2017, sono stimati a 214.100 tonnellate, con un calo del 4% rispetto alla stagione precedente e del 2% rispetto alla media delle ultime quattro stagioni.

L'Osservatorio dei prezzi della Fondazione dell'Olivar (Poolred) indica che l'olio di oliva Extra Vergine è pagato in media 3,61 euro per Kg, mentre l'olio Vergine sono quotate a 3,44 €/Kg, e l'olio di oliva Vergine Lampante si attesta a  3,31 euro/Kg.

Tuttavia,  nelle cooperative olearie e nei frantoi, è difficile trovare l'olio extra di oliva a meno di 4 euro al litro, motivo per cui molti consumatori spagnoli preferiscono spendere meno o, sono passati ad acquistare altri oli alimentari come l'olio di girasole.

Bisogna ricordare che a causa della prolungata siccità, negli ultimi tre anni la Spagna ha una produzione di olio di oliva molto ridotta rispetto al potenziale produttivo, quindi negli ultimi tre anni i prezzi medi all'origine sono rimasti elevati.
Infine, la Spagna presenta ancora dei problemi economici, come l'elevata disoccupazione.

Di conseguenza per il consumatore spagnolo l'olio di girasole è diventato il preferito degli oli di semi, con l'aumentato delle vendite del 18,5%, superando i 300 milioni di litri
L'ultima volta che l'olio di girasole ha superato le vendite all'oliva, è stato circa due decenni fa, nel 1996 quando si è verificata una scarsa produzione nazionale e prezzi alle stelle.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

E' necessario essere Accesso effettuato per pubblicare un commento