Museo della tradizione olearia “Sa mola de su notariu”

  • museo-olio-sa-mola-de-su-notariu

Luogo Categoria: Museo / Frantoio IpogeoLuogo Tag: museo, Museum, e Sa mola de su notariu

Profilo
Profilo
Foto
Video
Mappa
Recensioni
Inserzione correlati
  • Si trova nel Parteolla, zona agricola della Sardegna meridionale a circa 20 chilometri a nord-est di Cagliari.

    Il museo nasce nel 2003 per volontà di Francesco Locci, titolare dell' Oleificio Locci di Dolianova.

    Nei primi anni del 1900 tutto il complesso fu acquistato dal notaio Francesco Locci (1880-1966), il quale intraprese, oltre alla produzione d’olio dai suoi oliveti, anche l’attività di molitura delle olive per conto terzi.
    Per la sua professione, nella zona, era appunto conosciuto come Su Notariu (Il Notaio) e da qui la definizione de Sa mola de su Notariu (Il frantoio del Notaio) rimasta per tanti anni ad identificare il frantoio di famiglia e che oggi dà il nome al museo.

    Nel museo sono visibili non solo molteplici attrezzi e macchinari utilizzati nel corso dei secoli per la produzione e la conservazione dell’olio d’oliva, ma anche numerosissimi e rari documenti e libri sull'argomento.

    Unica in Sardegna, la ricca collezione di lucerne alimentate ad olio, provenienti da tutto il mondo, esposte in una cisterna sotterranea circa 70 lucerne a olio di varia provenienza ed età, utilizzate a scopi di illuminazione e religiosi: cananee, ellenistiche, romane, sabbatiche, islamiche, sarde, "fiorentine". Considerevole la raccolta di contenitori graduati, utilizzati al posto della bilancia per la misurazione delle olive.

    Ingresso: 5.00€; Riduzione 3,50€
    Giorni e orario apertura: lunedì, mercoledì, venerdì 17,00-20,00 altri gior


  • Nessuna voce trovata

    Spiacenti, non abbiamo trovato alcuna voce. Modifica i criteri di ricerca e riprova.

    Mappa Google non caricata

    Spiacente, impossibile caricare le API delle mappe Google.

  • Lascia una Recensione