CONCORSI OLI

Qualunque argomento in tema oleario diverso dalle altre discussioni

Moderatori: foxhy, Paoloadm, torejeo, ruby

domaer
Messaggi: 168
Iscritto il: mer gen 10, 2007 10:0 1 am

Re: CONCORSI OLI

Messaggioda domaer » gio giu 02, 2016 2:0 1 pm

Ho letto con molto interesse gli interventi, in cui mi ritrovo al 100%.
Credo anch'io, come Giuliano, che la mancanza di cooperazione del settore oleario sia la causa principale della situazione odierna.
I concorsi servono per far dialogare i vari produttori con i consumatori, carpire le tendenze del mercato, insomma essere al passo con i tempi.
In aggiunta, punterei molto su Internet, sulla logistica e post-vendita, infatti quanto detto da Sergio è sacrosanto.
Quello che non mi convince è il fatto che una volta acquisita la nicchia di mercato, rimane difficile mantenerla negli anni, per il fatto che la produzione e la qualità dell'olio sono altalenanti, specie per chi fa biologico.
Quindi serve tanta informazione per far capire al consumatore che non può avere un prezzo e una qualità costante nel tempo, e credo che l'unico modo sia nel coinvolgerli direttamente, serve un consumatore consapevole.
Sergio Enrietta
Messaggi: 341
Iscritto il: gio nov 22, 2012 8:0 1 pm
Località: Roceja

Re: CONCORSI OLI

Messaggioda Sergio Enrietta » ven giu 03, 2016 10:0 1 am

Già, infatti il principale problema sono i consumatori che come polli in batteria vogliono sempre il mangime uguale, tutti dovrebbero aver provato a produrre qualcosa dalla campagna con metodi ecologicamente sostenibili, sarebbero in grado di capire che la ripetibilità è molto difficile e anche casuale.
cotu
Messaggi: 63
Iscritto il: ven feb 19, 2016 3:0 1 pm

Re: CONCORSI OLI

Messaggioda cotu » mar ago 11, 2020 11:0 1 am

Sergio Enrietta ha scritto: gio giu 02, 2016 9:0 1 am Restano il 15% circa di coloro che sono evolutivi nei gusti e nelle possibilità economiche, si anche economiche, :o perchè senza queste non si possono pagare i costi di una alimentazione di elevata qualità che faccia si che il produttore alla fine delle sue fatiche possa vivere degnamente.
Nato e cresciuto nella zona di produzione del Parmigiano Reggiano, negli anni '50 e '60 bastavano 5-6 vacche per permettere ad una famiglia di contadini di fare una vita dignitosa, oggi servono 150-200 vacche da latte per vivere degnamente.

Leggo di molti olivicoltori che producono 500-1.000 kg di olio all'anno, nelle migliori delle ipotesi vuol dire un volume d'affari di 4.000-10.000 euro annui, da cui vanno dedotti tutti i costi di produzione.

Secondo te qual è la produzione minima di olio EVO che oggi permette ad una famiglia di vivere dignitosamente?
cotu
Messaggi: 63
Iscritto il: ven feb 19, 2016 3:0 1 pm

Re: CONCORSI OLI

Messaggioda cotu » dom nov 22, 2020 1:0 1 am

Sergio Enrietta ha scritto: gio giu 02, 2016 9:0 1 am Fatto questo e possibilmente raggiunto il risultato, andrei da Amazon per negoziare una vendita tramite la loro rete e mi atterrei strettamente alle regole commerciali della citata rete, tanto per capirci, serietà assoluta in tutte le operazioni al fine della soddisfazione del cliente.
Ovviamente i prezzi sarebbero conseguenti al servizio e costi sostenuti.
Com'è andata l'esperienza con Amazon?
torejeo
Messaggi: 240
Iscritto il: gio gen 01, 1970 2:0 1 am

Re: CONCORSI OLI

Messaggioda torejeo » mar nov 24, 2020 10:0 1 am

Sarebbe interessante conoscere l'esperienza dei piccoli produttori di olio sulla piattaforma di e-commerce di Amazon.
Conosco piccoli produttori che attraverso il proprio sito web aziendale orientato all'e-commerce e con una buona campagna di AdWords di Google riescono a vendere abbastanza bene sia in termini di volumi che di prezzo al litro.

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite