Cosiglio nuovo impianto nei pressi del lago d’Iseo

Panorama varietale dell'olivicoltura - Cultivar nazionale - Le varie tecniche di coltivazione degli ulivi in Italia.

Moderatori: foxhy, Paoloadm, ruby, torejeo

l-andrea
Messaggi: 1
Iscritto il: dom gen 06, 2019 4:0 1 pm

Cosiglio nuovo impianto nei pressi del lago d’Iseo

Messaggioda l-andrea » dom gen 06, 2019 6:0 1 pm

Buongiorno a tutti. Questa è la prima volta che scrivo anche se vi seguo da un po’ di tempo. Ho un piccolo appezzamento di terra, quasi esclusivamente pianeggiante, molto ben esposto al sole, nei pressi del basso lago d’Iseo. Vorrei iniziare una coltivazione di ulivi per produrre modeste quantità di olio (attività amatoriale). Avevo pensato di partire con una 50ina di piante e vedere come va. Ora parto con le domande :D :
-secondo voi quanto spazio occuperebbero 50 piante (oppure, a che distanza vanno messe l’una dall’altra?)
-che tipo di ulivo piantare (avevo pensato a 30 di Leccino, 10 di pendolino e 10 di frantoio)
-consigli su come non fare un buco nell’acqua :D ?
Ringrazio in anticipo per i vostri preziosi consigli.
torejeo
Messaggi: 211
Iscritto il: gio gen 01, 1970 2:0 1 am

Re: Cosiglio nuovo impianto nei pressi del lago d’Iseo

Messaggioda torejeo » mer gen 09, 2019 8:0 1 pm

Benvenuto nel forum,
si consiglia di valutare bene il tipo di olivo (cultivar), si consiglia di prendere in considerazione le cultivar locali, come la Sbresa del Lago d’Iseo, ed altre varietà autoctone o nuovi incroci che le rendono più produttive e resistenti alle avversità rispettando le caratteristiche distintive della cultivar locale.

A tal proposito l'A.I.P.O.L. (Associazione Interprovinciale Produttori Olivicoli Lombardi) in grado di offrire un supporto concreto in merito, dall'analisi del terreno, alla scelta delle cultivar.

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti