come si impollinano

Panorama varietale dell'olivicoltura - Cultivar nazionale - Le varie tecniche di coltivazione degli ulivi in Italia.

Moderatori: foxhy, Paoloadm, ruby, torejeo

lucas
Messaggi: 10
Iscritto il: ven ott 03, 2014 8:0 1 pm

come si impollinano

Messaggioda lucas » mer ott 22, 2014 8:0 1 pm

UN saluto a tutti non sono nuovo del sito mi sono riscritto per vari motivi.Avrei due domande da farvi: ho messo a dimora un centinaio di piante a distanza di due anni diciamo che piu' o meno il 50% delle piante sono belle cresciute le altre sono li vive ma ferme come fossero appena piantate.Tutte le piante avevano 2 anni di vita mi sapete spiegare il perchè tutte le piante sono trattate allo stesso modo( irrigazione,concimazione leggera potatura e trattamenti rameici.La seconda domanda è per il futuro ed è questa se l'impollinatore anticipa o posticipa la sua fioritura le altre piante come fanno a essere impollinate?
Sergio Enrietta
Messaggi: 341
Iscritto il: gio nov 22, 2012 8:0 1 pm
Località: Roceja

Re: come si impollinano

Messaggioda Sergio Enrietta » mer ott 22, 2014 9:0 1 pm

:| Domande facili, risposte difficili :lol:

Cominciamo con i probabili perchè del diverso sviluppo:

Intanto siamo sicuri che l'acqua di irrigazione sia stata uguale per tutti?
Essendo la capacita di intercettare l'acqua il primo anno molto ristretta, se questa non viene posta e assorbita molto vicina alle radici, partiamo subito male.

Erano state tutte interrate con il colletto prossimo al livello del suolo? Troppo profonde vuol dire fermare lo sviluppo.

Il letame MATURO è stato posto attorno alle radici con interposizione di un pochino di terra per tutte?

Una parte diciamo fino al 30% è fisiologico che al primo anno abbia sviluppo inferiore alla media, come un 10/15% lo abbia superiore alla media.

Erano tutte piante dello stesso lotto? Innestate, autoradicate, in vitro, ecc, a seconda si varino questi parametri nei primi tempi si hanno differenze di sviluppo.

Siamo certi che nessuna ha ristagni di acqua, sulle radici?

In ogni caso in genere al problema c'è rimedio:
Il prossimo anno 80gr di nitrato a tutti ad Aprile, 40gr a quelle in ritardo a inizio Giugno, altri 80gr a Luglio, a quelle ancora in ritardo.
Ogni concimazione va fatta in precedenza ad una pioggia di almeno 15/20mm.
Quelle che dopo questa cura per due anni sono ancora palesemente in difficoltà, ci faranno aspettare anni per riprendersi, se abbiamo fretta sostituire.

Ovviamente ancora molte altre cause possono esserci.

Impollinazione:
Normalmente quando viene indicato un impollinatore per una certa varietà è perché fiorisce contemporaneamente, ad ogni modo per evitare sorprese, è buona norma mettere gli impollinatori in numero sovrabbondante e sparpagliati nell'oliveto in modo che eventuali zone più fredde o più calde siano comunque coperte.

Leggera potatura, brrrr ai primi anni per me non si taglia niente
lucas
Messaggi: 10
Iscritto il: ven ott 03, 2014 8:0 1 pm

Re: come si impollinano

Messaggioda lucas » gio ott 23, 2014 8:0 1 pm

Buona sera Sergio (concedimi di darti de tu)ti ringrazio per avermi dato in maniera semplice quello che volevo sapere,credo di aver fatto tutto per bene quando le ho piantate, ce' differenza 2/3cm piu sotto o sopra,le piante sono tutte autoradicate) irrigazione potrebbe essere che il primo anno 2013 abbiano avuto poca acqua ma 2014 di pioggia ne è caduta a sufficienza, potrebbe essere che ho dato troppo rame per 3 volte a stagione.Concimazione non si corre il rischio di bruciarle per il troppo concime. Ipollinatore ok capito ma cosa intendi per zone fredde e zone calde.Potatura ho solo spuntato qua e la perche' certe piante sono mal impalcate es. ce' il tronco e 4/5 rami sono tutti rivolti da un lato o 2/3 piccoli rami e 1 bello opposto ai 2/3 cosi credo se lo spunto un po' quelli piccoli si rafforzano, poi perche' vorrei tenerle basse spero di essermi spiegato.grazie ancora per la tua disponibilita'
Sergio Enrietta
Messaggi: 341
Iscritto il: gio nov 22, 2012 8:0 1 pm
Località: Roceja

Re: come si impollinano

Messaggioda Sergio Enrietta » gio ott 23, 2014 10:0 1 pm

lucas ha scritto:Buona sera Sergio (concedimi di darti de tu)ti ringrazio per avermi dato in maniera semplice quello che volevo sapere,credo di aver fatto tutto per bene quando le ho piantate, ce' differenza 2/3cm piu sotto o sopra,le piante sono tutte autoradicate)

:) Io i risultati migliori li ho sempre ottenuti con interro del colletto con meno di 5cm.

irrigazione potrebbe essere che il primo anno 2013 abbiano avuto poca acqua ma 2014 di pioggia ne è caduta a sufficienza,

Magari a sufficienza per una parte, ma spesso il terreno non è omogeneo, oppure ceppi di erba fitta, ecc potrebbero far si che per alcune, la dose di acqua risulti inferiore.

potrebbe essere che ho dato troppo rame per 3 volte a stagione.

Ogni passata di rame, magari necessaria, io non l'ho mai dato, riduce lo sviluppo vegetativo, tanto che al nord si usa darlo per fermare lo sviluppo prima dell'arrivo del gelo.

Concimazione non si corre il rischio di bruciarle per il troppo concime.
:twisted:
Almeno hanno una buona ragione per essere in ritardo, e noi per sostituirle, io uso tale metodo, finora ho avuto tre casi di piante che erano particolarmente gracili, tutte le altre hanno messo la quarta :mrgreen:


Ipollinatore ok capito ma cosa intendi per zone fredde e zone calde.

Nel mio oliveto di circa 13500 mq, si hanno tempi diversi di fioritura per le stesse specie anche di alcuni giorni, a seconda che si trovino in posizioni più riparate o più soggette ai venti.

Potatura ho solo spuntato qua e la perche' certe piante sono mal impalcate es. ce' il tronco e 4/5 rami sono tutti rivolti da un lato o 2/3 piccoli rami e 1 bello opposto ai 2/3 cosi credo se lo spunto un po' quelli piccoli si rafforzano, poi perche' vorrei tenerle basse spero di essermi spiegato.grazie ancora per la tua disponibilita'
:wink: Tutte ottime ragioni per potare, però nei primi 2/3 anni, ogni taglio è molto punitivo, se poi si fa a vegetazione in ripresa, il blocco dello sviluppo è ancora più evidente, per non parlare di certe varietà che soffrono più delle altre dei tagli tardivi.

Non considerare legge quanto esposto, io non sono un esperto, solo negli ultimi 8 anni ho piantato un po' più di 600 olivi di oltre 50 varietà diverse, e avendo la fortuna di poterli seguire, ho maturato una discreta esperienza, che però è legata alle mie condizioni alpine e potrebbe non fare testo in ambienti diversi.

L'olivo non è solo un albero, ma anche un amico, si accontenta di quasi niente, però più lo coltivi e più rende, buon proseguimento.
lucas
Messaggi: 10
Iscritto il: ven ott 03, 2014 8:0 1 pm

Re: come si impollinano

Messaggioda lucas » ven ott 24, 2014 8:0 1 pm

HO letto tutto per bene quello che dici è interessante, prossima stagione seguirò i tuoi consigli. saluti
Ps. speriamo in un inverno non glaciale ho il terrore per le piante
Sergio Enrietta
Messaggi: 341
Iscritto il: gio nov 22, 2012 8:0 1 pm
Località: Roceja

Re: come si impollinano

Messaggioda Sergio Enrietta » ven ott 24, 2014 9:0 1 pm

:wink:
Dopo la legnata del 2012 che mi ha lasciato l'oliveto con solo scheletri e ceppi, e la produzione tanto generosa di quest'anno, anche se falcidiata dalla mosca, l'inverno mi fa meno paura.

Il valore dell'olivo nei paesi a rischio gelate, è quello che non vediamo, è l'estensione delle radici che faranno rinascere la parte aerea danneggiata.

Se viene una grandinata perdo un'anno.
Se viene la mosca, visto che non tratto perdo un altro anno.
Se viene la gelata a cadenza approssimativa, ventennale, perdo due anni, ma in compenso mi trovo tutta la chioma nuova che non richiederà potature per alcuni anni, fino alla prossima gelata, o al taglio volontario al ciocco al fine della ceduazione e successivo cespuglio, :P Vista così la gelata è relativa, o no?
Buon lavoro e d'accordo, inverno regolare senza eccedere. :lol:
lucas
Messaggi: 10
Iscritto il: ven ott 03, 2014 8:0 1 pm

Re: come si impollinano

Messaggioda lucas » lun nov 03, 2014 8:0 1 pm

Un saluto a SergioE oggi ho riletto una tua risposta ma dopo una ceduazione (credo sia il taglio netto del tronco con successiva crescita di rami che poi si sceglierà uno che farà da tronco credo sia cosi!!! )ma ci vorranno anni prima che la pianta cresca e fruttifichi bisogna armarsi di tanta PAZIENZA saluti
Sergio Enrietta
Messaggi: 341
Iscritto il: gio nov 22, 2012 8:0 1 pm
Località: Roceja

Re: come si impollinano

Messaggioda Sergio Enrietta » lun nov 03, 2014 9:0 1 pm

lucas ha scritto:Un saluto a SergioE oggi ho riletto una tua risposta ma dopo una ceduazione (credo sia il taglio netto del tronco con successiva crescita di rami che poi si sceglierà uno che farà da tronco credo sia cosi!!! )ma ci vorranno anni prima che la pianta cresca e fruttifichi bisogna armarsi di tanta PAZIENZA saluti
:) Piano con il taglio netto, solo fin dove la scorza è spaccata, spesso salvi il tronco e qualche moncherino, che poi è il caso mio del 2012.

:P Avresti dovuto vedere i cespugli di Frantoio, Nociara, Pendolino, Sant'Agostino, ecc frutto della gelata del 2012, con i rami carichi piegati fino a terra per il peso delle olive.
:wink:
Ancora di più vedere i rami risollevarsi dopo la scossa dello scuotitore, e le olive sulla rete senza un graffio.

Quest'anno con attacchi generalizzati di mosca, chi ha voluto salvare le olive ha dovuto fare molteplici trattamenti, io ho perso si almeno il 50% della produzione, però NON ho fatto trattamenti, e mi resta comunque un ottimo olio "vermicello", che non cambierei con nessun altro di qualunque tipo prezzo e casata :twisted:
lucas
Messaggi: 10
Iscritto il: ven ott 03, 2014 8:0 1 pm

Re: come si impollinano

Messaggioda lucas » mar nov 04, 2014 9:0 1 pm

Ok ai salvato la pianta dopo gelata 2012,ma nel 2013 la pianta si è ripresa (zero olive) e oggi 2014 ai fatto un buon raccolto.La gelata 2012 non ti ha massacrato piu' di tanto le piante sicuramente grandi hanno resistito,se fossero state giovani andavano diversi anni prima che dessero frutti ,o sbaglio saluti
Sergio Enrietta
Messaggi: 341
Iscritto il: gio nov 22, 2012 8:0 1 pm
Località: Roceja

Re: come si impollinano

Messaggioda Sergio Enrietta » gio nov 06, 2014 1:0 1 am

Sbagli, le Sant'Agostino erano state piantate a primavera, gelate a neppure un anno dalla messa a dimora, tagliata la parte danneggiata, rimasto al max 50 cm di tronco, e tutte e 20 avevano olive quest'anno, alcune poche unità, :D almeno un kg. altre :wink:

:P Il meglio dell'olivo è ciò che non vediamo, le radici, che non muoiono quasi mai, anzi si rinnovano sempre, ecco perché quando pianti un olivo non lavori solo per te, molti altri dopo potranno goderne.

Delle circa 120 grandi, solo 7 hanno conservato la chioma, tutte ridotte a portamantelli o peggio :P Solo meno di 10 quest'anno non hanno prodotto, e se non arriva un'altra gelata distruttiva mi aspetto faville per il prossimo anno.

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite