Consiglio impianto nuovo oliveto

Panorama varietale dell'olivicoltura - Cultivar nazionale - Le varie tecniche di coltivazione degli ulivi in Italia.

Moderatori: foxhy, Paoloadm, ruby, torejeo

anthony150cv
Messaggi: 2
Iscritto il: mar dic 31, 2013 6:0 1 pm

Consiglio impianto nuovo oliveto

Messaggioda anthony150cv » dom nov 16, 2014 8:0 1 pm

Salve a tutti, mi chiamo Alessandro ho quasi 35 anni e vi scrivo dalla provincia di Lecce.
Sono disoccupato da circa 3 anni e dopo svariati e invani tentativi di cercare un'altro lavoro ho deciso di arrendermi. Ho 12ha di terreno tutti accorpati e con presenza di pozzo artesiano e vorrei impiantare un oliveto (ricado in zona DOP). Vorrei chiedervi se ad oggi può essere ancora conveniente investire in questo settore e quali varietà sarebbe consigliabile impiantare? dalle mie parti vanno per la maggiore la Cellina di Nardò e la Ogliarola leccese. Quale sesto d'impiato sarebbe opportuno utilizzare se dovessi decidere per queste due cultivar? qui da noi gli oliveti secolari hanno sesti che arrivano anche a 14x14, ma sò benissimo che oggi tali misure non hanno più senso.
Scusatemi se vi ho annoiato con tutte queste domande ma vorrei capire se con 12ha si può riuscire a fare un certo reddito.
Grazie anticipatamente per le risposte.
spago
Messaggi: 133
Iscritto il: dom mar 09, 2014 5:0 1 pm

Re: Consiglio impianto nuovo oliveto

Messaggioda spago » lun nov 17, 2014 12:0 1 am

12 ettari tutti accorpati in molte zone di italia se li sognano, senza mettersi a fare analisi economiche sei in una delle zone olivicole più grandi d'italia. datti un'occhiata intorno e vedi se i tuoi vicini simili per situazione aziendale riescono a ricavare un reddito dignitoso dall'oliveto.
ovviamente è d'obbligo pensare di integrare il reddito della semplice produzione di olive con quello di una eventuale trasformazione e commercializzazione diretta dell'olio. ma si tratta ovviamente di investimenti...
non so consigliarti su varietà da impiantare, ogni zona ha terreni con caratteristiche sue. quindi anche qui ti consiglio però di guardarti intorno o richiedere la consulenza di un agronomo competente.
potresti ad esempio valutare un impianto superintensivo (adesso vanno di moda) predisposto per raccolta meccanica, in questo caso dovresti considerare varietà nanizzanti ed a rapido accrescimento tipo arbequina o koroneiki.
un "certo" reddito si...ma poi cosa intendi per "certo" ?
ogni giorno in TV si parla di giovani che tornano alla terra (che i loro genitori avevano abbandonato per occuparsi nell'industria), sia chiaro succede perchè altre porte sono ormai chiuse, non perchè ci si arricchisce di agricoltura. ma se non ci sono alternative che si fà ?
anthony150cv
Messaggi: 2
Iscritto il: mar dic 31, 2013 6:0 1 pm

Re: Consiglio impianto nuovo oliveto

Messaggioda anthony150cv » gio nov 20, 2014 8:0 1 pm

Ciao spago, scusa il ritardo con cui ti rispondo.
So benissimo che di agricoltura non si arricchisce ma per lo meno si cerca di vivere. Dalle mie parti come hai giustamente sottolineato ci stanno distese infinite di oliveti, ma purtroppo molti sono abbandonati per il semplice fatto che che coloro che li portavano avanti sono ad oggi tutte persone di una certa età i cui figli hanno preso strade che con l'agricoltura hanno poco o niente a che fare e poi perchè il metodo fino ad oggi utilizzato non va più bene nel senso che qui c'era e in parte ancora cè l'usanza di raccogliere le olive da terra e questo se si vuole la qualità non è il massimo.
Di aziende che lavorano con metodi moderni cè ne sono e sono anche andato a chiedere come si lavora e se si riesce a far quadrare i conti ma tutti si sono mantenuti sul vago quasi non volessero sbilanciarsi, o non volessero dirmi. ad oggi non sò che pensare ed è per questo che ho chiesto consiglio a voi. Purtroppo però a parte tu spago, non ha risposto nessuno...

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite