L'olio che pizzica in gola è acido?

Discussioni su varietà, qualità, costi di produzione, coretta conservazione dell'olio extravergine di oliva ecc.

Moderatori: foxhy, Paoloadm, ruby, torejeo

torejeo
Messaggi: 221
Iscritto il: gio gen 01, 1970 2:0 1 am

L'olio che pizzica in gola è acido?

Messaggioda torejeo » mar ott 20, 2015 12:0 1 pm

Spesso i frantoiani e gli olivicoltori devono ancora rispondere alla classica domanda che il consumatore non adeguatamente informato pone: l'olio che pizzica in gola è acido?
Questo...vuol dire aver fallito, fallito nella missione di informare il consumatore, dovuta alla poca informazione e mancanza di educazione/formazione alimentare.
I frantoi e le aziende olivicole si devono aprire ai consumatori, per educarli/formarli nel riconoscere e saper utilizzare l'olio extravergine di oliva.
Cosa ne pensate?
Sergio Enrietta
Messaggi: 341
Iscritto il: gio nov 22, 2012 8:0 1 pm
Località: Roceja

Re: L'olio che pizzica in gola è acido?

Messaggioda Sergio Enrietta » mer ott 21, 2015 12:0 1 am

Più che chiedere al fine di informarsi, in genere il consumatore che si ritiene un esperto, afferma categoricamente: "quell'olio è acido" e allude al fatto che pizzica. :mrgreen:
Aggravante , è anche amaro, quindi non buono. :lol:

Io comincio a grattarmi la testa, poi a prenderla alla larga per poi con tutto il tatto possibile cercare di confutare tali sapienti affermazioni, ci riesco :?: credo proprio di no, ad ogni modo :idea: sto pensando a un foglietto tipo biglietto da visita, da consegnare con consiglio di leggerlo con calma, quando si farà una bruschetta.

Scherzi a parte, se il consumatore conoscesse e apprezzasse l'olio come la natura permette essere, metà dei problemi sarebbero risolti.
:lol: Resterebbe l'altra metà, quello dell'olietto, stanchino e rancidino, che faticherebbe a trovare consumatori.
GIULIANO LODOLA
Messaggi: 924
Iscritto il: ven ott 31, 2014 2:0 1 pm

Re: L'olio che pizzica in gola è acido?

Messaggioda GIULIANO LODOLA » mer ott 21, 2015 2:0 1 pm

DA SERGIO.
((( sto pensando a un foglietto tipo biglietto da visita, da consegnare con consiglio di leggerlo con calma, quando si farà una bruschetta. )))

********************************************

Ho ripreso uno stralcio del post di Sergio perché l'idea di istruire il consumatore su alcuni errori comuni allegando il foglietto che spiega come riconoscere i pregi del buon olio Extravergine e non cadere causa ignoranza in giudizi completamente opposti al vero.

Porto un esempio pratico accadutomi tre o quattro mesi fa' riguardo la Mozzarella di Bufala , spero questo non mi sia imputato come fuori tema , ma quello sull'olio che pizzica ritenuto acido l'ho già riportato i giorni scorsi , non so se ancora leggibile perchè potrei averlo erroneamente messo fuori tema in altro argomento.
Sono ghiotto di mozzarella e faccio prendere a mia moglie quella di bufala , ovunque la acquista mi ritrovo sempre caratteristiche differenti e da inesperto non so capire quale di queste mozzarelle rispetta il vero disciplinare di DOP Campana e quale sia quella veramente giusta buona e fresca.
Mi capitava con buccia esterna spessa e dura , altre morbide esternamente , alcune che a masticarla sembrava gomma da far male le mandibole , altra morbidissima internamente , altra che si rifiutava a farsi tagliare con il coltello da quanto era tenace , praticamente tante erano le caratteristiche in cui differivano queste mozzarelle tutte dichiarate di bufala che i tre quarti di queste per forza , causa queste differenze non potevano essere ritenute buone ma soltanto o scadenti o vecchie e non fresche o non bufala.
Inizialmente pensavo che se fresca deve essere morbida esternamente e solo con il passare dei giorni si formasse la crosta dura esternamente , più dura più il passare dei giorni , ho pensato anche che la morbidezza interna fosse data dalla freschezza appena fatta , ancora la buona masticabilità e tenera fosse sempre un pregio per la freschezza di produzione , i dubbi sulla tante differenze facevano della scelta giusta una lotteria.
Il giorno a cui mi riferisco mi avevano portato la mozzarella appena arrivata , ogni martedì ne prendo 1 Kg. una treccia da 500 grammi e una palla da 500 grammi , avevano una buccia che quasi non si tagliava con il coltello e a mangiarla facevano male le mandibole tanto era tenace, tutto il resto compreso le goccioline di latte all'interno e il buon sapore erano giusti.
Ho subito pensato mi avesse dato qualcosa avanzato la settimana scorsa , ma non avendo parametri giusti da fare paragoni dovevo soltanto tirare a indovinare.
Come mio solito cerco risposte a ogni cosa e in internet ho trovato un articolo proprio sulla mozzarella e molto ben fatto.

((( Dieci cose da sapere per riconoscere la vera mozzarella di bufala )))

Se digitate su google questa frase trovate questo vedemecum che vuole insegnare a riconoscerla correttamente.

Vi ricopio il 6) punto dove parla della tenacità

6) La consistenza. Nelle prime ore successive alla produzione è elastica e tenace. Quando la si mastica impegna le mandibole producendo quasi rumore. Diventa morbida e fondente con il passare dei giorni soprattutto se conservata a temperature troppo basse. L’aroma ed il suo gusto unico non vengono comunque alterati soprattutto se prima di consumarla la si riporta a temperatura ambiente magari lasciandola qualche minuto immersa, con tutto il suo siero, in acqua calda.

L'articolo riporta le 10 regole da imparare , quella sopra è la 6) delle 10.

In pratica non capivo proprio nulla della mozzarella e soltanto errori avrei fatto traendo conclusioni , poi ho imparato le 10 regole e ora so come deve essere questo alimento per chiamarsi vera mozzarella di bufala.

Sarebbe strano se questo fosse fatto anche per l'Extravergine? tutti imparerebbero che pizzicorino è freschezza e nessuna acidità , imparerebbero che amarognolo non è difetto ma al punto giusto pregio , IMPAREREBBERO MOLTE COSE CHE ORA NON SANNO , inizierebbero la prima guida per riconoscere il vero Extravergine di oliva del frantoio.

Ecco perchè Sergio ha dato un'idea tanto semplice quanto ovvia ma che soltanto chi produce mozzarella aveva pensato prima a pubblicarla.

Ho stampato un centinaio di questi foglio e li ho dati a chi mi porta la mozzarella e li ha consegnati ai suoi clienti assieme alla buste con mozzarella , è stato un successone e nessuno ha più trovato difetti inesistenti sul suo prodotto.

A tutte le persone a cui ho regalato le anforette di olio Argeo , quello di olivete tenere Ascolane , ho dato un foglietto scritto al pc con le caratteristiche che avrebbero notato e erroneamente credute difetti.

Spiegavo il pizzicorino , l'amarognolo , il gusto di pomodoro verde , il leggero sapore di carciofo , spiegavo come gustarlo strippandolo , di non metterlo nelle oliere ma tenerlo in quella anforetta scura e non fargli prendere ne luce ne aria ne calore , poi incontrandoli mi dicevano sorridendo che fino allora forse non avevano mai mangiato il vero Extravergine di frantoio , intendendo per frantoio il succo dell'oliva come soltanto il frantoiano sa estrarre.

Giuliano.
Sergio Enrietta
Messaggi: 341
Iscritto il: gio nov 22, 2012 8:0 1 pm
Località: Roceja

Re: L'olio che pizzica in gola è acido?

Messaggioda Sergio Enrietta » mer ott 21, 2015 8:0 1 pm

:P
Che dite, vogliamo spremerci le meningi per fare questo piccolo manifesto tascabile che ci permetta di non dover fare acrobazie verbali per convincere gli scettici.

Secondo me dovrebbe essere breve, chiaro, e sopratutto con riferimenti anche a enti o autorità con provata capacità nel settore, in modo che sia inattaccabile dai bla, bla. :lol:

Giuliano, è il tuo campo, vuoi tu cominciare a fare qualche proposta? :?:

Un bravissimo tecnico che ho avuto la fortuna di conoscere e frequentare, un giorno alla mia domanda sull perchè aveva cambiato progetto nella notte, mi disse: "Io ogni volta che devo prendere una decisione importante, cerco almeno tre soluzioni alternative, quindi tra queste scelgo la migliore."

Siamo capaci di produrre un po' di versioni di questo nostro futuro "Biglietto da visita"? :P
torejeo
Messaggi: 221
Iscritto il: gio gen 01, 1970 2:0 1 am

Re: L'olio che pizzica in gola è acido?

Messaggioda torejeo » mer ott 21, 2015 10:0 1 pm

Questa idea mi piace assai!

Si possono prevedere diverse versioni in digitale: un documento in formato .pdf e .jpg da condividere nei social media oppure da stampare (per veicolarlo off-line) con codice QRcode per approfondimenti online, un video animato per i bambini/ragazzi.

Sfruttando la popolarita` di Frantoionline.it possiamo raggiungere una vasta platea di persone.
GIULIANO LODOLA
Messaggi: 924
Iscritto il: ven ott 31, 2014 2:0 1 pm

Re: L'olio che pizzica in gola è acido?

Messaggioda GIULIANO LODOLA » gio ott 22, 2015 4:0 1 am

Riferendomi a Sergio sul provare a stilare i Dieci comandamenti che siano le regole che permettano di riconoscere i pregi dell'Extravergine e fare in modo che le sue qualità siano riconosciute quali pregi e non difetti , vedi pizzicorino e amarognolo non acidità ma alta qualità , sempre senza esagerare , io proporrei di partire da chi già ha fatto questo in altro settore alimentare , partire da quello che ho ritenuto molto istruttivo e da li partire per fare altrettanto ma riguardo appunto all'olio.

Mi sarebbe piaciuto riportare quello di cui parlavo per far capire cosa intendo per i Dieci comandamenti ma trattandosi di altro alimento temo di andare fuori tema e purtroppo essendo recidivo non posso rischiare , ma potrebbe farlo Sergio e gli suggerisco come.

Ripeto quello detto in altro Post precedente , digita su Google , " Dieci cose da sapere per riconoscere la vera mozzarella di bufala "

se ritieni istruttivo questo insegnamento copia incolla qua e tutti possono leggerlo e prendendo spunto da questo , aprire un nuovo argomento dove tutto si può dire o dove di dovere e intitolarlo magari

" Dieci cose da sapere per riconoscere il vero Extravergine di oliva "

In questa nuova discussione sulla falsa riga della mozzarella riportare gli insegnamenti sull'olio.
Poi in ogni occasione questo articolo che farete voi maestri , tutti potranno pubblicarlo dove possono , ad esempio su Teatro Naturale lo mandi e loro lo pubblicano se ben fatto , io ad esempio ho pubblicato sui giornali molti articoletti , brevi come mia regola,sulla pagina della gastronomia toscana e altri riguardo alla vera Bistecca Fiorentina , alla Salsiccia , e molto altro e questi pezzi sono entrati in circolazione tra i lettori.
" Dieci cose da sapere per riconoscere il vero Extravergine di oliva " risulterebbe redatto gratuitamente dagli Artigiani dell'Olio Extravergine nel loro sito www.frantoionline.it e molti consumatori potrebbero venire a conoscenza anche del forum appunto che nel nuovo c'è come anticipato la pagina dei consumatori.
Per evitare altri Giuliano che creerebbero problemi intervenendo a vanvera su argomenti dei soli frantoiani , questi consumatori avrebbero la sola possibilità di leggere soltanto , oppure se intervenire poterlo fare solo in questa pagina rivolta al consumatore , ma lo scopo principale sarebbe quello di far conoscere a tutti , al mondo intero , quello che dovrebbero sapere sull'Extravergine Italiano.

Se poi la discussione risulta ben fatta , istruttiva e interessante , le "Dieci cose da sapere per riconoscere il vero Extravergine di oliva"
le divulghiamo al mondo traducendola in sette lingue , Giapponese,Coreano,Cinese,Spagnolo,Francese,Tedesco,Inglese, a fare questo ci penso io , lo passo alla redazione del sito che provvederà a pubblicarlo nella forma che riterrà opportuno facendolo suo.

Immagina se sui motori di ricerca digitando in tutte queste lingue le parole che si troveranno in questo argomento , il lettore in tutto il mondo si trovasse portato nel nostro sito Frantoionline e in tutte le lingue. Notare , ho già scritto il NOSTRO .

Magari qualche ditta Cinese , Giapponese o di altra parte del mondo ,incuriosita , acquista pagine di pubblicità per vendere attrezzature olearie , oppure arriveranno richieste e ordinazioni di olio a chi su questo sito si fa pubblicità e se funziona tutti voi potreste crearvi il riferimento che da Frantoionline vi porta nel mondo , immagini se un domani a chi si pubblicizza su Frantoionline iniziassero ad arrivare richieste di quotazioni ad esempio dal Giappone , oppure dalla Cina oppure dalla Corea , queste tre da sole sono metà abitanti del mondo e non chiederanno olio a 3,00€ ma pagherebbero la qualità Italiana .

"" FRANTOIONLINE PORTA L'EXTRAVERGINE ITALIANO DI QUALITA' NEL MONDO ""

Leggeremo questa frase prossimamente? 5.050 Artisti dell'olio ne beneficerebbero anche in guadagni.

Mannaggia non ho sonno e mi trovo al PC a leggere i vostri post vecchi.
Sergio Enrietta
Messaggi: 341
Iscritto il: gio nov 22, 2012 8:0 1 pm
Località: Roceja

Re: L'olio che pizzica in gola è acido?

Messaggioda Sergio Enrietta » gio ott 22, 2015 9:0 1 am

:lol:
Giulianoooo, una paginetta, scritta a grandi caratteri che si legga senza occhiali, ci serve, :mrgreen: non la Bibbia che tutti citano ma quasi, nessuno ha mai letto per intero.

Noi già abbiamo l'onore di essere messi all'indice perchè colpevoli :twisted: tu sei il nostro avvocato in prova, facci avere tre versioni di una paginetta, tra cui noi possiamo scegliere e adottare tal quale o integrare a nostra misura.

Le tue scorribande consigliere, adesso necessitano del parto del riassunto utile alla bisogna, a ogni fine stagione si da un giudizio sul risultato.
:wink:
Il tuo al momento è un po' troppo vario e dispersivo, quindi buon lavoro e :P mi raccomando almeno tre versioni di una paginetta che ci permettano di affrontare il generale marasma con successo. :D
Buon lavoro.
torejeo
Messaggi: 221
Iscritto il: gio gen 01, 1970 2:0 1 am

Re: L'olio che pizzica in gola è acido?

Messaggioda torejeo » ven ott 23, 2015 7:0 1 pm

Ho ricevuto il materiale via email da Giuliano, il tempo di leggerlo e sfoltirlo un pò, dopodiché sarà pubblicato una bozza sul Forum è discussa/migliorata fino all'approvazione finale. Che ne dite?
GIULIANO LODOLA
Messaggi: 924
Iscritto il: ven ott 31, 2014 2:0 1 pm

Re: L'olio che pizzica in gola è acido?

Messaggioda GIULIANO LODOLA » dom ott 25, 2015 6:0 1 pm

STRALCIO DA UN POST DI SERGIO.
..........Noi già abbiamo l'onore di essere messi all'indice perché colpevoli :twisted: tu sei il nostro avvocato in prova, facci avere tre versioni di una paginetta, tra cui noi possiamo scegliere e adottare tal quale o integrare a nostra misura.
********************************************************************************************************************
Molto saggio il tuo amico tecnico , per risolvere un problema cerca tre alternative adatte , poi sceglierà quella più idonea o conveniente , GIUSTISSIMO.

Quando invece ti viene chiesto di evidenziare la verità , le tre alternative non sono più valide e il perché è molto semplice.

Solitamente la verità è una sola , HO SCRITTO SOLITAMENTE PERCHE' POTREI DESCRIVERE UNA ECCEZIONE CHE NON CONFERMA QUESTA REGOLA , quando si concorda che la verità è una sola , basta una sola versione leggibile e semplice ma che spieghi quelle poche regole di insegnamento.

I 10 comandamenti in religione sono la versione tascabile condensata di tutto il Vangelo , per non sbagliare basta solo seguire i comandamenti alla lettera e non sbagli , se poi incredulo cerchi spiegazioni allora ti leggi il Vangelo che in modo complicato da spiegazioni sui vari perché.

Questo per dire che occorre la paginetta istruttiva e leggibile alla prima occhiata come chiedi tu , e poi una spiegazione integrale che faccia capire il perché di ogni comandamento da leggere quando hai più tempo.

Vediamo se ritenuti interessanti oppure no , ho scritto sia i comandamenti tipo vedemecum ( Sergio ) con le regole per non sbagliare , e anche il Vangelo che da spiegazione a chi chiede il perché di certe asserzioni , quando approvato magari lo leggiamo e tutti quanti spero intervengano correggendo aggiungendo o togliendo errori per arrivare alla verità , queste vostre correzioni e tanto altro sono necessarie perché tutti sapete che Giuliano scrive ma nulla o poco conosce di olio , è soltanto la mia passione nata circa 12 mesi fa'.

Per ridere ho scritto anche un pezzo intitolato , "" OLIO DI ALLEVAMENTO "" naturalmente non parla dell'olio Italiano , chissà che non si legga anche questo , io non ho osato pubblicarlo per non sbagliare.

Giuliano.

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti