Mercato fermo

Discussioni su varietà, qualità, costi di produzione, coretta conservazione dell'olio extravergine di oliva ecc.

Moderatori: foxhy, Paoloadm, ruby, torejeo

amoremio22
Messaggi: 20
Iscritto il: mar giu 10, 2008 11:0 1 am

Mercato fermo

Messaggioda amoremio22 » mer lug 16, 2008 10:0 1 am

Dalle mie parti;in Campania il mercato è quasi del tutto fermo....noi vendiamo l'extra vergine asoli 4,5 euro/lt...eppure la gente si lamenta..è vero che c'è crisi in tutti i settori,ma come si fa a preferire olio venduto nei grandi magazzini a 2,50 euro/lt...Ma ditemi può mai essere olio extra vergine di oliva,italiano etc etc...cn i costi di produzione elevati che si sono avuti quest'anno....Ditemi da voi com'e la situazione....
Paolo
Site Admin
Messaggi: 96
Iscritto il: mar gen 09, 2007 4:0 1 pm

Il prezzo dell'olio

Messaggioda Paolo » mer lug 16, 2008 11:0 1 am

Benvenuta nel forum ho ritenuto corretto spostare questo argomento di assoluto interesse in questa sezione che credo sia più idonea.

Anche in Calabria la situazione è pressoché identica a come l'hai descritta tu.
Mercato fermo si muove qualcosa solo nelle zone turistiche dove iniziano ad arrivare i turisti per trascorrere le ferie.
A pochi mesi dall’inizio della nuova campagna olearia la situazione non si presenta delle migliori.
I costi di gestione del frantoio quest’anno saranno alti per via degli aumenti di energia, trasporto ecc. Questa ovviamente è una situazione che abbraccia tutti i settori Italiani, ma mentre latte, pane, ortaggi, frutta, olio di semi ecc… aumentano, l’olio di oliva sia vergine che extravergine ristagna in modo incredibile e addirittura in alcuni centri commerciali si trova olio di oliva extravergine a 2.50 – 3.00 euro a litro.
:(
catapo
Messaggi: 1
Iscritto il: mer ago 06, 2008 2:0 1 am

..

Messaggioda catapo » mer ago 06, 2008 3:0 1 am

ciao a tutti.
approfitto dell'argomento, in quanto sono proprietario di un appezzamento di terreno in Calabria, dove sono in produzione circa 800 piante di ulivo, alcune decennali, per chiedervi se esistono aziende intenzionate ad acquistare olio immediatamente dopo l'estrazione.

questo perchè mi sto appena affacciando nel mondo dell'olio, e non ho ancora la possibilità di affrontare gli ingenti costi della vendita al consumatore del prodotto finito.

Saluti
Francesco
filosnauz
Messaggi: 1
Iscritto il: mar set 23, 2008 5:0 1 pm

Mercato Fermo

Messaggioda filosnauz » mar set 23, 2008 5:0 1 pm

http://www.ma.......... *non è consentito nel forum inserire link promozionali*

L'amministratore del forum
montanarodoc
Messaggi: 3
Iscritto il: dom ott 12, 2008 1:0 1 pm

Messaggioda montanarodoc » dom ott 12, 2008 2:0 1 pm

ciao a tutti,
sono un piccolissimo produttore di olio extravergine del lazio, l'anno scorso ho venduto l'olio a 7 euro al litro, quest'anno visto i rialzi, in primis al frantoio, penso di venderlo a 7,5 o addirittura 8!!! premesso che l'olio è di prima qualita!!!
Curiosità:quanto costa spremere un quintale di olive dalle vostre parti??Ovviamente parlo di un mulino con tecniche di spremitura a freddo, quindi classico!!
vespistadop77
Messaggi: 3
Iscritto il: mar nov 04, 2008 3:0 1 pm

prezzo al litro

Messaggioda vespistadop77 » mar nov 04, 2008 3:0 1 pm

Ciao a tutti,
scrivo dallla Liguria di levante,quasi Toscana,visto i confini così frastagliati da queste parti.
Praticamente,i paesini di Ortonovo e Castelnuovo,sono circondati dal confine toscano.
Ho letto i prezzi degli oli dalle vostre parti,e devo dire che mi dispiace molto che non riuscite a prendere il giusto valore economico delle fatiche che richiede l'olivicoltura.Qui da noi,il mercato è molto più alto,si arriva anche a 16-17 euro al litro,imbottigliato ed ettichettato.
Io personalmente,lo vendo (a seconda del confezionamente) da 13 a 15 euro al litro.La cosa più difficile è produrre l'olio,visto i paesaggi molto ripidi.Basta che pensate a i trenini delle 5 terre per la vendemmia.
Gli oliveti sono molto ripidi,spesso ci si accede solo a piedi,e il trattore si lascia anche a 150-200 metri di dislivello.Quindi sono molti i disagi per arrivare a fare un pò di olio.
La raccolta avviene solo manualmente,al limite con degli agevolatori elettrici.Ogni volta che bisogna intervenire per qualche intervento,si deve fare praticamente quasi tutto a mano.Pensate che la lancia che utilizzo per i trattamenti fitosanitari ha un rotolo di ben 200 metri di lunghezza.
Il taglio dell'erba viene fatto quasi tutto con un decespugliatore a spalle.
Comunque non voglio stare qui ad elencare i problemi locali,ma nel mio piccolo voglio darvi un piccolo consiglio,per chi può ovviamente.
Ho eredidato questa azienda dalla mia famiglia,e da 2 anni a questa parte mi dedico solo ed escusivamente a questo lavoro.Per spuntare un prezzo più alto,prima cosa bisogna puntare sulla qualità,e poi accorciare il più possibile la filiera.
Ora,per quanto riguarda la qualità,noi in Italia non ci possiamo proprio lamentare,visto il patrimonio delle cultivar che abbiamo.(dobbiamo preservarle ed esserne gelosi!)Se l'olio viene fatto e conservato in maniera ottimale,non ci sono problemi sulla qualità finale.
Per quanto riguarda la distribuzione,cercate di farla il più possibile breve,affidatevi ai gruppi di acquisto solidari (gas) locali e promuovete il più possibile il prodotto!!!
Dalle nostra parti,sono nate diverse associazioni e pro loco che promuovono molto i prodotti locali e specialmente l'olio.Abbiamo anche istituito diversi mercatini della domenica,dove si va in città e si provuove l'olio.
Appena ne avete la possibilità,fate un corso da assaggiatori,oltre a qualificare la vostra posizione,vi sarà anche d'aiuto nella promozione del prodotto.
In piccolo vi ho raccontato la mia piccolissima esperienza locale (20q.li di produzione)spero che in qualche modo vi sia d'aiuto e incoraggiamento per continuare.
Inoltre,quest'anno,il consorzio della D.O.P. Liguria,ha stanziato un prezzo base di euro 150 al q.li per olive con resa non inferiore al 20%.Mi sembra un buon prezzo.
A presto e buona raccolta a tutti!!
GIULIANO LODOLA
Messaggi: 924
Iscritto il: ven ott 31, 2014 2:0 1 pm

Re: prezzo al litro

Messaggioda GIULIANO LODOLA » ven feb 27, 2015 6:0 1 pm

vespistadop77 ha scritto:Ciao a tutti,
scrivo dallla Liguria di levante,quasi Toscana,visto i confini così frastagliati da queste parti.
Praticamente,i paesini di Ortonovo e Castelnuovo,sono circondati dal confine toscano.
Ho letto i prezzi degli oli dalle vostre parti,e devo dire che mi dispiace molto che non riuscite a prendere il giusto valore economico delle fatiche che richiede l'olivicoltura.Qui da noi,il mercato è molto più alto,si arriva anche a 16-17 euro al litro,imbottigliato ed ettichettato.
Io personalmente,lo vendo (a seconda del confezionamente) da 13 a 15 euro al litro.La cosa più difficile è produrre l'olio,visto i paesaggi molto ripidi.Basta che pensate a i trenini delle 5 terre per la vendemmia.
Gli oliveti sono molto ripidi,spesso ci si accede solo a piedi,e il trattore si lascia anche a 150-200 metri di dislivello.Quindi sono molti i disagi per arrivare a fare un pò di olio.
La raccolta avviene solo manualmente,al limite con degli agevolatori elettrici.Ogni volta che bisogna intervenire per qualche intervento,si deve fare praticamente quasi tutto a mano.Pensate che la lancia che utilizzo per i trattamenti fitosanitari ha un rotolo di ben 200 metri di lunghezza.
Il taglio dell'erba viene fatto quasi tutto con un decespugliatore a spalle.
Comunque non voglio stare qui ad elencare i problemi locali,ma nel mio piccolo voglio darvi un piccolo consiglio,per chi può ovviamente.
Ho eredidato questa azienda dalla mia famiglia,e da 2 anni a questa parte mi dedico solo ed escusivamente a questo lavoro.Per spuntare un prezzo più alto,prima cosa bisogna puntare sulla qualità,e poi accorciare il più possibile la filiera.
Ora,per quanto riguarda la qualità,noi in Italia non ci possiamo proprio lamentare,visto il patrimonio delle cultivar che abbiamo.(dobbiamo preservarle ed esserne gelosi!)Se l'olio viene fatto e conservato in maniera ottimale,non ci sono problemi sulla qualità finale.
Per quanto riguarda la distribuzione,cercate di farla il più possibile breve,affidatevi ai gruppi di acquisto solidari (gas) locali e promuovete il più possibile il prodotto!!!
Dalle nostra parti,sono nate diverse associazioni e pro loco che promuovono molto i prodotti locali e specialmente l'olio.Abbiamo anche istituito diversi mercatini della domenica,dove si va in città e si provuove l'olio.
Appena ne avete la possibilità,fate un corso da assaggiatori,oltre a qualificare la vostra posizione,vi sarà anche d'aiuto nella promozione del prodotto.
In piccolo vi ho raccontato la mia piccolissima esperienza locale (20q.li di produzione)spero che in qualche modo vi sia d'aiuto e incoraggiamento per continuare.
Inoltre,quest'anno,il consorzio della D.O.P. Liguria,ha stanziato un prezzo base di euro 150 al q.li per olive con resa non inferiore al 20%.Mi sembra un buon prezzo.
A presto e buona raccolta a tutti!!
Ho letto i messaggi di questa discussione e mi sono soffermato in particolare,rileggendolo più volte l'ultimo intervento,quello del vostro collega di Ortonovo,confine Liguria Toscana.
Conoscendo Ortonovo e dintorni e conoscendo Puglia e altro confinante, anche se solo per filmati e discussioni, posso dire che quello scritto da vespistadop77 è tutto vero e reale,ma totalmente un altro mondo se paragonato al mondo oleario Meridionale, e cerco di evidenziare quelle differenze che ho notato paragonando quel poco che conosco delle due zone.
Partiamo dal prezzo venduto da vespistadop77 ,15/17 Euro litro, sono realmente i prezzi che i piccoli produttori vendono il loro olio ai privati, questo olio non è certamente migliore di quello Pugliese o altro,l'unica differenza che rende possibile questo prezzo,che poi dovrebbe essere quello giusto di vendita ovunque, questo prezzo è motivato soltanto dal fatto che Ortonovo non è zona di tutti olivi come la Puglia, ci sono olivi e anche molti nelle colline circostanti,tutti di proprietà di piccoli agricoltori anche casalinghi ,ma la produzione è modesta e queste persone non vivono dell'olio prodotto ma lo fanno per se e poi quello in più lo vendono a conoscenti amici o passaparola.
Questo per dire che non hanno la fretta di vuotare i silos dell'olio,non esistono silos,ma soltanto recipienti modesti,produce 2.000 Kg. che bene o male si vuotano comunque anche vendendolo a prezzi più alti come ha detto l'amico, si parla di circa 30.000,00€ di totale produzione , è come arrotondare le entrate con un secondo lavoro, tutto ritrovato, da noi non si trova da acquistare olio produzione propria ovunque come in Puglia, e se lo vuoi lo paghi altrimenti nulla.
Non essendo zona da grande produzione, il passaparola ,è che questo è il vero olio senza imbrogli, fatto in casa per se stessi,ma in qualunque frantoio non ci sono imbrogli e vendono il medesimo olio alla metà, a natale 2014 ad Avenza,5 Km di distanza ,il frantoio vendeva l'olio appena franto a circa 8,00€ litro. olio genuino da olive Pugliesi,frante davanti a te,ma erano anche le uniche che qualunque frantoio poteva trovare,nessuno ha raccolto olive quest'anno da noi.
Il prezzo dell'olio venduto a 15,00€ è un buon prezzo, ma costa anche il doppio a produrlo di quanto costa ad esempio in Puglia dove la zona vocata all'ulivo ha reso questa produzione primaria su qualunque altra, da noi si coglie manualmente perchè gli ulivi sono in giro per le colline ,mentre in Puglia un grande ulivo viene raccolto in un minuto da un grande trattore scuotitore e le olive sono già raccolte quando si passa a altra pianta, non toccano neppure terra.
La collina presuppone spese di coltivazione molto superiori alla pianura Pugliese dove tutti lavorano l'ulivo.
Anche la molitura stessa è totalmente altro prezzo, leggevo che in Puglia frangono grosse quantità di frutto a circa 5,00€ Quintale , al frantoio da noi e altri a La Spezia , quest'anno frangevano anche a 35,00€ a Quintale, significa il costo molitura olio è di circa 2,50€ Litro olio o anche più, in Puglia 0,30€ Litro,o anche meno per grandissime quantità.
In pratica è impossibile portare i prezzi di Ortonovo anche in Puglia , qua c'è una bottiglia di olio da dividersi e in Puglia una cisterna, qua puoi aspettare il compratore ad alto prezzo, la ,devi vendere presto per rientrare di spese capitali e vuotare le grandi cisterne,l'olio vecchio non acquista pregio,va venduto, e quando poi ne hai tantissimo, ecco che non hai più a che fare con il privato che prende 5 litri e paga il richiesto perchè è fatto in casa,no, queste grandi produzioni ti mettono in concorrenza con il mondo,e devi vendere.
Non è bravura vendere a 15,00€ da noi ma soltanto vendi una rarità, che poi non significa migliore dei Pugliesi che sono esperti mestieranti,loro lo fanno regolarmente meglio di noi.
Ripeto è un altro mondo se parliamo di ulivi, se qua puoi fare gruppi di acquisto,accorciare la filiera con vendite dirette , avere mercatini caratteristici con i banchi dell'olio, in Puglia è tutto un mercato dell'olio,fai cento Kilometri in mezzo agli ulivi,ogni angolo trovi olio, la i frantoiani sono tutti assaggiatori ed esperti in olio, pensa al nostro frantoio a Avenza ciclo continuo , nuovo ma 35 quintali ora , fai il paragone estremo al frantoio Pugliese più grande di italia e forse di europa, 18 Gramole da 150 Quintali ora, 2.700 quintali ora di capacità produttiva oraria , è talmente assurdo questo valore che lo scrivo anche a lettere temendo qualcuno pensi a uno zero in più sbagliato, DUEMILASETTECENTO QUINTALI ORA ripeto ogni ora di lavoro se lavorasse a pieno regime, puoi ben pensare quanto olio dovrai e avrai da vendere , quante olive hai da pagare a chi ti porta decine di autotreni al giorno.
Non ridere,ma se leggi l'espressione che qualche Pugliese ha scritto come slogan,sapendo questi particolari su come lavorano e sono organizzati nella lavorazione dell'olio , capirai quanta ragione hanno loro e come saprebbero insegnare a tutti noi del nord,
SIAMO NOI DEL TACCO FACCIAMO OLI DI PUNTA quando ho letto questo slogan ho sorriso divertito ma dando loro ragione e ho aperto una discussione con questo slogan.
Pensa che il nostro Sud italia,quattro regioni, producono quasi il 90% della produzione nazionale dell'olio italiano.
Lo sanno produrre meglio di tutti gli altri, purtroppo manca la filosofia e la cultura dell'olio in tutti noi e confondiamo un olio di scaffale con l'olio del frantoio.
Il prezzo che suggerisci tu di 13/18 euro al litro, sarebbe il prezzo giusto per l'olio di frantoio e dovrebbe essere di regola anche superiore per certi Extravergini di altissima qualità che già ora sono comunque venduti anche a prezzi molto superiori a 20,00€ litro.
Credo che gli ulivi di Ortonovo,se raccolti e moliti subito senza aspettare che le olive cadano nelle reti,come vedo fuori Lucca in autostrada, per poi essere tolte le olive quando in quantità, credo le nostre colline diano un olio ottimo.
Giuliano.

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti