Interpretazione valore analisi olio evo

Discussioni su varietà, qualità, costi di produzione, coretta conservazione dell'olio extravergine di oliva ecc.

Moderatori: foxhy, Paoloadm, ruby, torejeo

lu.na
Messaggi: 2
Iscritto il: mar nov 19, 2019 1:0 1 pm

Interpretazione valore analisi olio evo

Messaggioda lu.na » mar nov 19, 2019 1:0 1 pm

Buongiorno,
quest'anno per la prima volta mi sono cimentato con la produzione di olio evo con olive raccolte dai miei (pochi) alberi qui in Puglia.
Gli alberi sono tutti secolari di tipo ogliarola. Raccolta olive fatta il 1 novembre, molitura dopo meno di 24 ore dalla raccolta.
La resa è stata abbastanza buona, da 3 quintali di olive ho ottenuto circa 65 litri di olio. Le olive non avevano subito alcun tipo di trattamento.
Ecco, non sono un esperto e quindi ho iniziato un po' a studiare per capire cosa caratterizza un olio di qualità.
Giusto per sfizio, ho quindi fatto anilizzare un campione di olio in un laboratorio chimico.
Ecco i risultati ottenuti:

ACIDI GRASSI LIBERI 0,48

NUMERO DI PEROSSIDI 8,1

BIOFENOLI (Polifenoli)
Polifenoli totali (come Tirosolo) 298
Idrossi-tirosolo (3,4 DHPEA) < 3
Tirosolo (p, HPEA) < 3
Decarbossimetil-oleuropeina aglicone in forma
dialdeidica aperta (3,4 DHPEA-EDA) 83
Decarbossimetil-ligstroside aglicone in forma
dialdeidica aperta (p, HPEA-EDA) 42
Lignani 19
Aglicone oleuropeina (3,4 DHPEA-EA) 50
Aglicone ligstroside (p, HPEA-EA) 11

La cosa che mi lascia un po' perplesso è un livello di acidità non proprio basso, seppure sia sicuro che il processo raccolta-produzione non ha subito alcun tipo di intoppo e anche le olive mi sembravano per la maggior parte in buono stato (non attaccate da mosca). Inoltre non so se quel valore di acidità è compatibile con un valore di perossidi realtivamente basso.
Chi mi aiuta a capire qualcosa in più?
Grazie.
torejeo
Messaggi: 230
Iscritto il: gio gen 01, 1970 2:0 1 am

Re: Interpretazione valore analisi olio evo

Messaggioda torejeo » mar nov 19, 2019 5:0 1 pm

Benvenuto su Frantoionline.it
Ottima la resa, come il numero di perossidi...per quanto riguarda l'acidità, che comunque rientra nella categoria Extra Vergine essendo al di sotto di 0.8% (Reg. CE 2568/91 e segg. - valore massimo per l'olio extravergine di oliva), di sicuro è dovuto a fattori che riguardano la qualità della drupe.
Infatti in questa campagna olearia per alcune cultivar/zone di produzione si registrano valori più alti per colpa delle condizioni meteo non favorevoli di ottobre.
Per quanto riguarda i polifenoli non conosco il valore medio delle olive della cultivar Ogliarola, ma anche questo dato dipende da diversi fattori: cultivar, tempo di raccolta, qualità olive...
Il frantoio oleario, che pratica le operazioni di molitura correttamente, può incidere in minima parte sulla qualità dell'olio.
Ma in futuro, i frantoi oleari possono incidere maggiormente attraverso nuove procedure di lavorazione attraverso gli ultrasuoni nel processo di "gramolatura" della pasta di olive.
lu.na
Messaggi: 2
Iscritto il: mar nov 19, 2019 1:0 1 pm

Re: Interpretazione valore analisi olio evo

Messaggioda lu.na » mer nov 20, 2019 2:0 1 pm

torejeo ha scritto:
mar nov 19, 2019 5:0 1 pm
Benvenuto su Frantoionline.it
Ottima la resa, come il numero di perossidi...per quanto riguarda l'acidità, che comunque rientra nella categoria Extra Vergine essendo al di sotto di 0.8% (Reg. CE 2568/91 e segg. - valore massimo per l'olio extravergine di oliva), di sicuro è dovuto a fattori che riguardano la qualità della drupe.
Infatti in questa campagna olearia per alcune cultivar/zone di produzione si registrano valori più alti per colpa delle condizioni meteo non favorevoli di ottobre.
Quindi diciamo che sull'acidità, se non si fanno trattamenti alle olive, si può incidere ben poco pur rispettando le buone pratiche per raccolta, conservazione, molitura
torejeo
Messaggi: 230
Iscritto il: gio gen 01, 1970 2:0 1 am

Re: Interpretazione valore analisi olio evo

Messaggioda torejeo » ven nov 22, 2019 4:0 1 pm

Per i trattamenti bisogna sempre rispettare i tempi di carenza, poi dipende dal decorso della campagna olearia.
In caso di attacco della mosca, se costretti, si consiglia di anticipare la raccolta, ovviamente a discapito della resa.

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti