Olio Extravergine biologico?

Discussioni su varietà, qualità, costi di produzione, coretta conservazione dell'olio extravergine di oliva ecc.

Moderatori: foxhy, Paoloadm, ruby, torejeo

Paolo
Site Admin
Messaggi: 96
Iscritto il: mar gen 09, 2007 4:0 1 pm

Olio Extravergine biologico?

Messaggioda Paolo » gio mar 15, 2007 12:0 1 pm

Cosa ne pensate dell'olio extravergine biologico? pensate che esso realmente è sostenuto dai finanziamenti Regionali e comunitari ecc...?Esiste la concreta possibilità che venga contaminato dai terreni a conduzione convenzionale e limitrofi? discussione aperta!!!!!!!!!!!!!!
ruby
Messaggi: 82
Iscritto il: gio gen 25, 2007 4:0 1 pm

Re: Olio Extravergine biologico?

Messaggioda ruby » gio mar 15, 2007 5:0 1 pm

Che l'0live o ortaggi ecc.. vengano contaminate dai terreni a conduzione convenzionale limitrofi purtroppo è una piega ma credo che si possa porre fine informando al meglio i produttori limitrofi invitandoli a comprare prodotti meno inquinanti, oggi non siamo come negli anni 60-80 dove si faceva uso di prodotti inquinanti che hanno reso le nostre falde acquifere avvelenate come per es. in Piemonte.
nikinik
Messaggi: 18
Iscritto il: gio lug 24, 2008 10:0 1 am

olio biologico

Messaggioda nikinik » ven lug 25, 2008 12:0 1 pm

Fatto stà che oggi su dieci campioni di biologico analizzati, solo un paio risultano biologici analiticamente. Fra l'altro assaggio tanti campioni anche di biologico, e mi è capitato che alcuni, spacciati per biologici italiani, avessero profili organolettici simili a oli spagnoli. Questo è un campanello d'allarme. In Italia è difficile produrre Bio a causa di procimidone e altre sostanze liposolubili, usate specialmente nella viticoltura, e visto il gap notevole (a volte non giustificato) che sussiste fra extra vernine non bio e extra vergine bio, non vorrei che si stesse importando olio bio da altri paesi dove costa meno ed è più facile ottenerlo e che questo poi si vendesse come italiano.
Comunque per quanto riguarda il mercato del Bio, da ciò che constato, penso ci sia in atto una crescita della domanda, più all'estero che in Italia. Anche se resta una nicchia e rappresenta appena 0,3% del totale olio di oliva.
GIULIANO LODOLA
Messaggi: 924
Iscritto il: ven ott 31, 2014 2:0 1 pm

Re: Olio Extravergine biologico?

Messaggioda GIULIANO LODOLA » sab feb 21, 2015 2:0 1 pm

admin ha scritto:Cosa ne pensate dell'olio extravergine biologico? pensate che esso realmente è sostenuto dai finanziamenti Regionali e comunitari ecc...?Esiste la concreta possibilità che venga contaminato dai terreni a conduzione convenzionale e limitrofi? discussione aperta!!!!!!!!!!!!!!
Mi unisco alle centinaia di interventi in questa discussione sull'olio biologico, avrei detto fosse una discussione molto importante e intelligente in cui ciascuno potesse dire la sua sui tre punti proposti,invece soltanto uno è intervenuto.
Mi anticipo sulla reale conoscenza tecnica che come ormai sapete non ho, ma anche questa volta cerco di portare avanti il ragionamento soltanto usando il buonsenso ,quello che in termine legali si dice,""del buon padre di famiglia"".
Sul ""Cosa ne pensate dell'olio extravergine biologico?""
Penso che questa dicitura di Biologico, se fosse veramente rispettata in tutti i suoi parametri di legge, e anche sottoposta ai continui controlli di legge che certificano il vero Biologico,potrebbe essere un buon preziosismo sulla classificazione del prodotto,chi non sarebbe disposto a pagare poco di più per avere un prodotto che non contenga fitofarmaci o veleni che ingeriti assieme all'olio compromettono la salute? sinceramente , al momento dell'acquisto,vedo un olio biologico e uno no, differenza di prezzo non troppo sostenuta,io sceglierei il biologico, come credo tutti quanti, certo che se polemizziamo subito che poi di ecologico in questa bottiglia c'è veramente poco, allora non saprei cosa fare ma fino a prova contraria deve essere un compito della legge a eliminare i falsi e le false certificazioni.
Come risposta alla domanda io direi di essere molto favorevole al prodotto biologico se biologico vero.


Sulla seconda domanda"" dei finanziamenti per produrre biologico"".
Ecco qua mi vedo molto più dubbioso nell'esprimermi perchè non credo ai finanziamenti a favore dei produttori e chissà perchè ogni volta parlano di finanziamenti all'agricoltura ,e in questo caso biologica, questi saltano fuori soltanto quando c'è qualche truffa perpetrata a vantaggio chi poi non produce nulla e a danno chi chi realmente ne avrebbe diritto, ben vengano i finanziamenti anche se non ci credo ci siano realmente, ma qua dovrebbero parlare gli addetti ai lavori che vivono la realtà e potrebbero dire se ne hanno mai avuti e se si consigliare ai colleghi come fare per accedervi.


""Esiste la concreta possibilità che venga contaminato dai terreni a conduzione convenzionale e limitrofi?""
Ragionando il caso specifico del biologico nel settore Ulivo, il mio ragionamento porterebbe a dire che non ci sia la concreta possibilità di una contaminazione indiretta del raccolto in uliveto biologico a causa dei trattamenti disinfestanti agli uliveti limitrofi,e mi spiego perchè il primo pensiero è che i trattamenti a mezzo irroramento,non potendo essere contenuti da confini teorici tra terreni,magari un fosso,un muro secco, una siepe o anche nulla,divide i confini.
Sicuramente quando gli uliveti confinanti a quello biologico,vengono irrorati,sia per il possibile vento che per gli spruzzi che invadono l'ulivo limitrofo,il prodotto chimico invade anche il vicino,ma qua si dovrebbe fare una considerazione visto che dire biologico non potrà mai voler dire zero veleni ma ci sarà sempre una soglio massima da non superare,soglia naturalmente molto bassa.
Se in un prodotto non biologico troviamo presenti 100% di veleni, e in uno biologico troviamo 0,5% , le percentuali sono soltanto per fare esempi, di veleni causa l'impossibilità reale di eliminare il prodotto volatile limitrofo, la parola biologico magari è rispettata ugualmente.
Ricordo circa 5 anni fa' , un cliente di Cecina (LI) che aveva un uliveto biologico e si proteggeva con le sole trappole dalla mosca, mentre era circondato da uliveti altrui non biologici, l'unica lamentela era che prendeva tutte le mosche degli altri spendendo moltissimo in più in trappole,ma non gli avevano posto il problema inquinamento degli anti parassitari per la vicinanza degli uliveti normali e poteva fregiarsi del marchio biologico dopo i controlli avuti.
Direi che secondo me la contaminazione dell'olio a causa di qualche spruzzo inevitabile dai terreni vicini,non possa inquinare il prodotto trattato soltanto biologicamente.
Giuliano
GIULIANO LODOLA
Messaggi: 924
Iscritto il: ven ott 31, 2014 2:0 1 pm

Re: olio biologico

Messaggioda GIULIANO LODOLA » sab feb 21, 2015 2:0 1 pm

nikinik ha scritto:Fatto sta che oggi su dieci campioni di biologico analizzati, solo un paio risultano biologici analiticamente. Fra l'altro assaggio tanti campioni anche di biologico, e mi è capitato che alcuni, spacciati per biologici italiani, avessero profili organolettici simili a oli spagnoli. ....................................................................
Quello che dici è una realtà nel mondo del biologico ,usata per vendere a prezzo più elevato il prodotto falso che nella sua realtà non è biologico, e non perchè adiacente ad altre coltivazioni, ma sicuramente perchè non ha avuto il trattamento del biologico come da disciplinare di legge.
Purtroppo questo motivo ,voluto dal produttore come speculazione per proprio interesse privato,lo può eliminare soltanto la legge con controlli più ferrei, e pene , che non avverranno mai.
Sinceramente sceglierei la confezione con impresso il fregio Biologico sperando che una buona percentuali marchiati lo siano veramente, di più ,l'acquirente, non può fare.

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti