Pagina 1 di 2

Inchiesta: "La Mafia dell'Olio" - Repubblica.it

Inviato: ven dic 23, 2011 9:0 1 am
da marcomdd

Re: Inchiesta: "La Mafia dell'Olio" - Repubblica.it

Inviato: gio dic 29, 2011 4:0 1 pm
da buonoil
Letto!! niente di cui già non si era a conoscenza.... comunque tutti parlano di frodi, ogni tanto qualche sequestro ma poi tutto tace e noi siamo qui tirare la carretta con tanta fatica.
Boho! speriamo che nel 2012 qualcosa cambierà definitivamente questo settore.

Re: Inchiesta: "La Mafia dell'Olio" - Repubblica.it

Inviato: gio dic 29, 2011 4:0 1 pm
da nikinik
Vedo che nessuno ha commentato questa presunta inchiesta. Si tratta di una vera e propria diffamazione, che riporta dati evidentemente falsi. Come prezzi di oli extra vergini spagnoli pari a 50 centesimi al chilo o di oli tunisini addirittura pari a 23-25 centesimi al chilo, con costi di produzione di 10 centesimi. Basta andare a leggere qualunque borsino dell'olio per rilevare che si tratta di dati frutto di fantasie ed elucubrazioni di un folle. Infatti dai borsini risulta che l'Italia (Andria) costa 2,30 euro al kg la Grecia costa 2,15 euro al kg, l'Andalusia costa 2,00 euro e la Tunisia costa 1,95 euro al kg. Ragazzi questo è un articolo che non fa altro che screditare l'intero settore. E cosa pensate che facciano i paesi produttori nostri concorrenti. Ringraziano infinitamente. Inoltre non mi pare proprio che ci sia alcun cartello fra la industrie di confezionamento, fra le quali c'è invece una palese concorrenza spietata e che si guardano in cagnesco. Dietro tutto questo, coldiretti, che dopo aver cantato vittoria per i prezzi alti dei due chili di olio italiano campagna 2010-2011, merito secondo loro dei controlli intensificati, o del registro telematico, ora si costituisce una giustificazione da usare per giustificare ai produttori i bassi prezzi a cui sono tornati gli oli italiani nella attuale campagna. Questo articolo sta già danneggiando l'industria. Pensate che in Cina qualche importatore, in conseguenza a queste "notizie" (che con i potenti mezzi di internet fanno il giro del mondo in un attimo) ha chiesto il ritiro dal mercato di tutti gli oli importati dall'Italia. Ma non crediate che a patirne le conseguenze sarà solo l'industria, che alla fine può sempre dire "sapete che c'è, vendetevelo da soli l'olio italiano se ne siete capaci". Questo modo di agire folle è un boomerang che arriverà a colpire anche i produttori di cui coldiretti raccoglie i voti e dei quali a suo dire si fa portavoce.
Cosa pensate che faranno i consumatori di tutto il mondo quando avranno letto questo articolo dove si dice "diffidate delle etichette su cui c'è scritto made in Italy", semplicemente non acquisteranno più olio italiano tutto, non solo quello venduto con i marchi dell'industria.
Ciao a tutti

Re: Inchiesta: "La Mafia dell'Olio" - Repubblica.it

Inviato: gio dic 29, 2011 4:0 1 pm
da marcomdd
Ammesso pure che tu abbia ragione, ma mi spieghi come si può trovare olio EV in un supermercato a 2,9€ a litro , A VOLTE ANCHE 2,5€ /litro, imbottigliato, etichettato e trasportato ? Di certo quest'olio non viene pagato secondo i borsini .
O sbaglio qualcosa ?

Re: Inchiesta: "La Mafia dell'Olio" - Repubblica.it

Inviato: gio dic 29, 2011 5:0 1 pm
da nikinik
Caro marcomdd, la domanda è lecita ma la risposta è banale, ed è legata principalmente ai sistemi della grande distribuzione che ormai utilizza l'olio come una commodity, che vende spesso (più dell'80%) in volantino o sottocosto. L'industria di confezionamento dal canto suo, anche a causa della forte concorrenza, riduce drasticamente i propri margini pur di mantenere i volumi di vendita. Non a caso le multi nazionali si sono disfatte dei rami d'azienda legati all'olio di oliva, proprio perchè poco remunerativi e spesso e volentieri in perdita.
Comunque vorrei far notare che anche altre affermazioni asserite su questa "inchiesta" sono assolutamente false e senza alcun fondamento, come quando l'esimio Paolo Berizzi afferma che su 4 bottiglie su cinque c'è scritto "prodotto italiano". Quando invece solo il 15% ad assere larghi degli oli confezionati riporta l'origine italiana. Su tutte le altre c'è scritto "miscela di oli comunitari o non comunitari o comunitari e non comunitari.

Re: Inchiesta: "La Mafia dell'Olio" - Repubblica.it

Inviato: gio dic 29, 2011 7:0 1 pm
da mikele
tutto vero.... e il bello è che pensano che col registro si possa risolvere qualcosa e non sanno che il frantoiano data l'esasperazione e la crisi pur di risicare qui 5 centesimi in più a kg rischia di finire nei casini....specie se l'olio che vende è tutto di sua produzione....fino a sei anni fa poi gli alberi qui producevano dai 6 ai 7 qli di olive l'anno per tutti gli anni ,e nei frantoi si accendevano tante stufe elettriche o luci e si lasciavano le porte e portoni aperti...uno strano freddo no,e già;"e la chiamano estate...."così faceva una canzone ,e a suo seguito e stagione arrivavano i giganti d'acciaio a scaricare nelle cisterne di deposito una specie di olio molto ma molto denso...quasi grasso ,che manco usciva dal tubo ,con tutto che la pompa spingeva....dalla cisterna poi si ode una lingua strana ,mi pare argentino....o tunisino? mah.....e io pago? ma no dai ,così fan tutti

Re: Inchiesta: "La Mafia dell'Olio" - Repubblica.it

Inviato: gio dic 29, 2011 9:0 1 pm
da nikinik
Di seguito il link di un articolo di Luigi Caricato relativo all'inchiesta di repubblica.
http://www.olioofficina.it/2011/12/sott ... -del-male/

Re: Inchiesta: "La Mafia dell'Olio" - Repubblica.it

Inviato: ven dic 30, 2011 10:0 1 am
da riky
marcomdd ha scritto:Ammesso pure che tu abbia ragione, ma mi spieghi come si può trovare olio EV in un supermercato a 2,9€ a litro , A VOLTE ANCHE 2,5€ /litro, imbottigliato, etichettato e trasportato ? Di certo quest'olio non viene pagato secondo i borsini .
O sbaglio qualcosa ?
Sono d'accordo con te!
Nel mese di gennaio 2010 addirittura nella catena dei supermercati LIDL si vendeva olio da un litro a 1,89
qui c'è un articolo di Luigi Caricato dal titolo l'olio della vergogna http://www.olioofficina.it/2011/01/%E2% ... -vergogna/
Comprendo che mi viene difficile capire come mai sia possibile trovare sul mercato olio sfuso a 20 centesimi al chilo, ma in questo mercato di furbacchioni tutto è possibile!
Non dimentichiamo che ci sono miscele di olio deodorato raffinato ecc. c'è chi miscela olio di semi e clorofilla quindi tutto è possibile! vedi aprile 2008 (http://www.frantoionline.it/news-olio/o ... icato.html).
Sicuramente i sistemi della grande distribuzione fanno la loro parte ma secondo me nell'articolo di Republica "La Mafia dell'Olio" c'è sicuramente qualcosa di vero non ci resta che aspettare la pubblicazione dei nomi.
Quello che dispiace dell'articolo di Republica e il fatto di non aver fatto i nomi dei presunti autori di questa geniale truffa. Personalmente sono pienamente d'accordo con quello che ha scritto anche Luigi Caricato nel suo articolo "Non si fanno i nomi, così nel frattempo si getta fango su tutti, indistintamente."

Non dimentichiamo le storiche e clamorose truffe. Ci sono persone che dietro una rete di silenzi e complicità vuole fare soldi facili e non guarda in faccia a nessuno. Anno 1958, esattamente il 22 giugno e sull’Espresso veniva pubblicato un celebre articolo firmato Gianni Corbi e Livio Zanetti. Titolo, “L’asino nella bottiglia”.Lo scandalo rivelava che il 90 per cento dell’olio d’oliva venduto in Italia sin dal dopoguerra, conteneva grassi di animali morti, cavalli, buoi, asini e montoni. link: http://www.frantoionline.it/20100623353 ... oliva.html

Re: Inchiesta: "La Mafia dell'Olio" - Repubblica.it

Inviato: ven dic 30, 2011 12:0 1 pm
da nikinik
Tutto falso...Una inchiesta che si fregi di tale nome deve dare dei dati attendibili, e citarne le fonti. Qui non c'è ne ombra e molti dati sono di pura fantasia e altri imprecisi. Come fate a dare credito a un articolo del genere. Eppure siamo tutti operatori della filiera. Ancora mi tirate fuori dal cilindro questioni degli anni '50. Poi delle truffe, per il principio dello sbatti il mostro in prima pagina, viene sempre data la notizia e mai la smentita. In Italia non esiste una forma di informazione autorevole tranne forse il sole24ore. Bisognerebbe che noi operatori andassimo a vedere con i nostri occhi le colture super-intensive in Spagna, come producono in Grecia, in Tunisia ecc. Vedremmo che l'olio si fa dalle olive anche li e spesso sono extra vergini molto buoni. Ciao a tutti

Re: Inchiesta: "La Mafia dell'Olio" - Repubblica.it

Inviato: ven dic 30, 2011 12:0 1 pm
da riky
Sono d'accordo sul fatto "Una inchiesta che si fregi di tale nome deve dare dei dati attendibili, e citarne le fonti."
Non voglio insistere ma l'articolo l'olio della vergogna è stato scritto dalla stessa persona che tu ai citato nel post precedente. Operatori o no! in quel articolo si parla di un prezzo di 1,89 centesimi per un litro di olio extravergine (ti assicuro che non è l'unico caso ho visto prezzi ancora più bassi), un prezzo che fa riflettere chiunque ama questo settore. Anche se prendiamo l'olio in Tunisia (tu hai scritto costa 1,95 euro al kg) da specificare che si tratta di prezzi nudi, i conti non tornano lo stesso.
Non credo che un testata giornalistica come Republica si può permettere di dire solo ed esclusivamente il FALSO. ripeto secondo me qualcosa di vero c'è staremo a vedere.
Ho citato la truffa degli anni 50 solo per dire che a volte le truffe sono nascoste bene.
Di più recente si può citare la questione degli alchili esteri
http://www.ilsalvagente.it/Sezione.jsp? ... zione=8801
si è riempito il web su questa questione basta cercare con google.

saluti e BUON ANNO a tutti.