Buongiorno!

Discussioni su varietà, qualità, costi di produzione, coretta conservazione dell'olio extravergine di oliva ecc.

Moderatori: foxhy, Paoloadm, ruby, torejeo

marcomdd
Messaggi: 1975
Iscritto il: gio gen 01, 1970 2:0 1 am
Località: (RM)

Re: Buongiorno!

Messaggioda marcomdd » gio apr 30, 2015 3:0 1 pm

azagrivenditti ha scritto:Diciamo che mi servirebbe almeno un frantoio da 7qli ora, non posso stare 2 giorni per frangere la raccolta di un solo giorno.
Quanto potrebbe essere la spesa per un frantoio del genere senza calcolare la ristrutturazione del luogo dove installarlo?

Grazie
iniziamo a parlare di frantoio industriale.
se vai sul nuovo credo abbondanti 100k€.

considerando 600 qli a stagione x 13€ spenderesti 7800€ anno .

ammortizzi in 13 anni senza considerare spese di pezzi di ricambio, energia elettrica , smaltimento sottoprodotti.

chiaramente se fai meno quintali ammortizzi in più anni.

di che comune sei esattamente ?
azagrivenditti
Messaggi: 22
Iscritto il: gio apr 30, 2015 12:0 1 pm

Re: Buongiorno!

Messaggioda azagrivenditti » gio apr 30, 2015 3:0 1 pm

marcomdd grazie per la risposta, la contaminazione suona strana anche a me (il frantoiano non ha nascosto che acquista olive in puglia e qui si spiegherebbe la presenza del Chlorpyrifos), la lavatrice è la macchina che lava le olive prima della gramolatura, giusto?
Ho girato vari frantoio, il prezzo è sui 15/14€ quintale, quale potrebbe essere un prezzo diciamo "onesto"?
Sono di Albano Laziale
marcomdd
Messaggi: 1975
Iscritto il: gio gen 01, 1970 2:0 1 am
Località: (RM)

Re: Buongiorno!

Messaggioda marcomdd » gio apr 30, 2015 3:0 1 pm

La lavatrice sta prima del frangitore.
Ad Albano non ci sono impianti Piera lisi le fai a velletri?
Il prezzo è buono quello che voglio dire è che per clienti come te possono essere tolte tranquillamente 2€ al quintale dal prezzo di listino
gion73
Messaggi: 1541
Iscritto il: gio dic 30, 2010 4:0 1 pm

Re: Buongiorno!

Messaggioda gion73 » gio apr 30, 2015 3:0 1 pm

Perché si usa solo in Puglia? ricordo che ci sono tracce di questo prodotto nei laghi e nei fiumi del trentino.
azagrivenditti ha scritto:marcomdd grazie per la risposta, la contaminazione suona strana anche a me (il frantoiano non ha nascosto che acquista olive in puglia e qui si spiegherebbe la presenza del Chlorpyrifos), la lavatrice è la macchina che lava le olive prima della gramolatura, giusto?
Ho girato vari frantoio, il prezzo è sui 15/14€ quintale, quale potrebbe essere un prezzo diciamo "onesto"?
Sono di Albano Laziale
azagrivenditti
Messaggi: 22
Iscritto il: gio apr 30, 2015 12:0 1 pm

Re: Buongiorno!

Messaggioda azagrivenditti » gio apr 30, 2015 4:0 1 pm

gion73, ho detto Puglia perchè me lo ha detto il frantoiano, non era mia intenzione puntare il dito verso alcun produttore.
azagrivenditti
Messaggi: 22
Iscritto il: gio apr 30, 2015 12:0 1 pm

Re: Buongiorno!

Messaggioda azagrivenditti » gio apr 30, 2015 4:0 1 pm

marcomdd ha scritto:La lavatrice sta prima del frangitore.
Ad Albano non ci sono impianti Piera lisi le fai a velletri?
Il prezzo è buono quello che voglio dire è che per clienti come te possono essere tolte tranquillamente 2€ al quintale dal prezzo di listino
Le frango a Roccamassima, sinceramente il frantoiano non ha mai pensato (anche sotto mia richiesta) a effettuare un piccolo sconto per la quantità.
marcomdd
Messaggi: 1975
Iscritto il: gio gen 01, 1970 2:0 1 am
Località: (RM)

Re: Buongiorno!

Messaggioda marcomdd » gio apr 30, 2015 5:0 1 pm

Ma ti preoccupi dei residui dei pesticidi xche vendi olio biologico?
gion73
Messaggi: 1541
Iscritto il: gio dic 30, 2010 4:0 1 pm

Re: Buongiorno!

Messaggioda gion73 » gio apr 30, 2015 6:0 1 pm

azagrivenditti ha scritto:Ebbene il frantoio in cui sono andato utilizza solo ciclo continuo (Pieralisi) evito però di fare il nome del frantoio, dalla spettrofotogrammetria e dai valori residui ci sono valori residui di Chlorpyrifos (3 microgrammi/Kg), deltametrina (89 microgrammi/Kg) e Phosmet (29 microgrammi/Kg).
L'unico presidio fitosanitario che uso è il Decis Evo (deltametrina), ma l'ultimo trattamento l'ho fatto ai primi di ottobre e ho raccolto ai primi di novembre.
Dato che vorrei commercializzare il mio Olio (quest'anno sono andato sulla guida del Gambero rosso e ho partecipato all'Olive Oil competition in Giappone) come posso evitare di trovare residui del genere nel mio olio?
Vorrei evitare che il lavoro di 1 anno venga vanificato da un frantoiano poco "attento".
Inoltre pago 15€ a quintale per la frangitura...
L'argomento aperto da azagrivenditti lo trovo molto interessante.

Ma giusto per mettere i paletti chi sarebbe in grado di dire se questi valori sono nella norma oppure hanno superato un limite accettabile? (Sempre se esiste un limite)

Premetto di non capirne un cavolo, ma vorrei capire se una eventuale contaminazione dovuta a residui nelle macchine tra una partita ed un'altra possano portare al raggiungimento di questi valori. tutto qui.
azagrivenditti
Messaggi: 22
Iscritto il: gio apr 30, 2015 12:0 1 pm

Re: Buongiorno!

Messaggioda azagrivenditti » gio apr 30, 2015 7:0 1 pm

marcomdd ha scritto:Ma ti preoccupi dei residui dei pesticidi xche vendi olio biologico?
Non vendo olio biologico, credo che nessuno mi lapiderà se dico che è una bella panzana quella del biologico (esiste un altro tipo di agricoltura che non sia biologica? non so, idraulica? termica?). Al massimo possiamo discutere sulle metodologie di cura (presidi fitosanitari) e tempi di carenza.

Il fatto è che mi hanno chiesto di visionare il quaderno di campagna e i compratori si sono chiesti come mai ci fossero residui di pesticidi che io non ho mai utilizzato.
azagrivenditti
Messaggi: 22
Iscritto il: gio apr 30, 2015 12:0 1 pm

Re: Buongiorno!

Messaggioda azagrivenditti » gio apr 30, 2015 7:0 1 pm

gion73 ha scritto:
azagrivenditti ha scritto:Ebbene il frantoio in cui sono andato utilizza solo ciclo continuo (Pieralisi) evito però di fare il nome del frantoio, dalla spettrofotogrammetria e dai valori residui ci sono valori residui di Chlorpyrifos (3 microgrammi/Kg), deltametrina (89 microgrammi/Kg) e Phosmet (29 microgrammi/Kg).
L'unico presidio fitosanitario che uso è il Decis Evo (deltametrina), ma l'ultimo trattamento l'ho fatto ai primi di ottobre e ho raccolto ai primi di novembre.
Dato che vorrei commercializzare il mio Olio (quest'anno sono andato sulla guida del Gambero rosso e ho partecipato all'Olive Oil competition in Giappone) come posso evitare di trovare residui del genere nel mio olio?
Vorrei evitare che il lavoro di 1 anno venga vanificato da un frantoiano poco "attento".
Inoltre pago 15€ a quintale per la frangitura...
L'argomento aperto da azagrivenditti lo trovo molto interessante.

Ma giusto per mettere i paletti chi sarebbe in grado di dire se questi valori sono nella norma oppure hanno superato un limite accettabile? (Sempre se esiste un limite)

Premetto di non capirne un cavolo, ma vorrei capire se una eventuale contaminazione dovuta a residui nelle macchine tra una partita ed un'altra possano portare al raggiungimento di questi valori. tutto qui.
queste domande sono molto pertinenti.
Io credo che o il frantoiano sia poco accorto (leggasi pulito) oppure abbia aggiunto olive che non erano le mie. In entrambi i casi la cosa non va bene.

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti