olio vergine d'oliva? forse è stato sottostimato!!!!

Forum sull'olio di oliva, olio di oliva vergine, vergine lampante, olio di sansa ecc

Moderatori: foxhy, Paoloadm, ruby, torejeo

GIULIANO LODOLA
Messaggi: 924
Iscritto il: ven ott 31, 2014 2:0 1 pm

Re: olio vergine d'oliva? forse è stato sottostimato!!!!

Messaggioda GIULIANO LODOLA » gio gen 22, 2015 8:0 1 pm

gion73 ha scritto:Giuliano, non ti allarmare.
Io ho voluto giustificare con dei fattori ambientali l'eventuale (e anche sconfortante) risultato di ottenere un'vergine invece che un'extravergine.

Ma errori umani quali possono essere? Ahhh ne ho trovato uno! "Il frantoiano, se n'è andato in vacanza per una settimana durante il periodo della molitura, ha chiuso il frantoio con le olive dentro e ha detto: al ritorno si pensa"

Stai tranquillo, ne abbiamo parlato per mesi. Il principio Olive sane olio ottimo non crolla mai.
allora il vergine è un errore oppure olive non buone .
gion73
Messaggi: 1541
Iscritto il: gio dic 30, 2010 4:0 1 pm

Re: olio vergine d'oliva? forse è stato sottostimato!!!!

Messaggioda gion73 » gio gen 22, 2015 9:0 1 pm

Cavolfiore! Per non dire marmo. Dipende dalle oliveeeeeeee. Ma che vuoi dire con errore umano? Un sabotaggio, una distrazione momentanea? Vedi che ti fatto l'esempio più drammatico della terra eppure nessuno riuscirebbe ad eguagliarlo. Per cui errori che fanno salire l'acidità non ne conosco almeno che non ci sia il letame nelle macchine. Giuliano fai sto cavolo di corso.
GIULIANO LODOLA
Messaggi: 924
Iscritto il: ven ott 31, 2014 2:0 1 pm

Re: olio vergine d'oliva? forse è stato sottostimato!!!!

Messaggioda GIULIANO LODOLA » gio gen 22, 2015 9:0 1 pm

gion73 ha scritto:Cavolfiore! Per non dire marmo. Dipende dalle oliveeeeeeee. Ma che vuoi dire con errore umano? Un sabotaggio, una distrazione momentanea? Vedi che ti fatto l'esempio più drammatico della terra eppure nessuno riuscirebbe ad eguagliarlo. Per cui errori che fanno salire l'acidità non ne conosco almeno che non ci sia il letame nelle macchine. Giuliano fai sto cavolo di corso.
Non so spiegarmi, l'olio vergine viene fatto appositamente vergine oppure quando frangono l'extravergine non viene buono e si ha quello vergine?

Fanno il vergine perchè hanno quantità di olive malandate e invece di buttarle le moliscono già sapendo che uscirà quello vergine?

questo non capisco
gion73
Messaggi: 1541
Iscritto il: gio dic 30, 2010 4:0 1 pm

Re: olio vergine d'oliva? forse è stato sottostimato!!!!

Messaggioda gion73 » gio gen 22, 2015 11:0 1 pm

Giuliano fai molta attenzione perché se scrivi "voluto" fai intendere che i problemi di olio non all'altezza escono dai nostri frantoi. Fai attenzione perché un amministratore del forum ha scritto che il forum sta dando fastidio a qualcuno. Fai attenzione perché questo è un forum di frantoio e non di grossi distributori di olio. Fai attenzione perché i problemi dell'olio della grossa distribuzione che tu sventola non partono da noi. Io ti racconto di problemi meteorologici e tu parti con bassa qualità "voluta". Ma da chi da noi? Se vuoi lamentare qualcosa di serio questo è il luogo ideale per distruggere noi e non le frodi. Altrimenti abbiamo chiuso. Io so cosa faccio io e cosa avviene nei porti per la merce che arriva dall'esterno e sono certo che nemmeno un milione di cittadini potrebbero fermare il falso. Quando noi abbiamo finito di lavorare le nostre produzioni paesi esteri devono ancora cominciare a lavorare olive cadute da alberi. Distese immense di olive di terra lavorate per fare olio da rettificare destinato allo scaffale. Ok? Questi sono i problemi che forse si stanno risolvendo grazie a un lavoro certosino che noi stiamo pagando: il sian. Sai cosa è? Per favore non scrivere più se non sai cosa dici. Quindi non scrivere più termini inappropriati, la tua battaglia è anche la nostra soltanto che scrivi male e fai intendere che il colpevole è il frantoio. A proposito potresti evitare di rispondere a questo messaggio preferisco non ascoltare nessuna risposta è che lo stesso rimanesse in evidenza per eventuali future sventolate di cavolate.
GIULIANO LODOLA
Messaggi: 924
Iscritto il: ven ott 31, 2014 2:0 1 pm

Re: olio vergine d'oliva? forse è stato sottostimato!!!!

Messaggioda GIULIANO LODOLA » ven gen 23, 2015 6:0 1 am

[quote="gion73"]Giuliano fai molta attenzione perché se scrivi "voluto"
***********************************************************************************************
VOLUTO
Mi accorgo di avere il potere di non farmi capire, la parola VOLUTO scritta sopra ed evidenziata,non è a caso e per errore,
per voluto io intendo che questo vergine sia voluto senza altra possibilità perchè vengono molite olive che anche con tutta la buona volontà non potranno mai dare olio Extravergine, per voluto ,intendo che quando ci sono grosse partite di olive non sane, si hanno due possibilità, buttarle perchè non daranno mai Extravergine , oppure ,sempre stando dentro la legge , molirle sapendo già che si otterrà l'olio vergine, ma non perchè il frantoiano vuole fare della porcheria, no, perchè è l'unico risultato ottenibile, fai il vergine perchè molisci olive che possono dare soltanto vergine, ma sei nella legge.

tu parti con bassa qualità "voluta". Ma da chi da noi? non dico bassa qualità voluta perchè lavorate male e volete farla male, no! è inevitabile che chi produce vergine possa fare soltanto vergine perchè in quel momento frange olive che potranno dare soltanto il vergine, non riesco a farmi capire.

chiedevo. il vergine può uscire per due motivi,visto è acido, o perchè si vuole fare proprio il vergine e venderlo per vergine a causa delle olive che daranno soltanto vergine, e questo credo sia la cosa reale, oppure esce male una frangitura essendo acida per qualche errore di lavorazione, potrebbe capitare, ma questo sarebbe poco prodotto per errore

sono riuscito a spiegarmi?





fai intendere che i problemi di olio non all'altezza escono dai nostri frantoi.
**********************************************
Non dico questo, dico che frangi dieci camion di olive conto terzi che sono sciupate e il terzo proprietario delle olive , riceverà l'olio vergine come pattuito e preventivato causa il difetto delle olive, è in regola con la legge, e lo venderà per vergine a norma di legge questo voglio dire, non che il frantoio vuole fare prodotto non buono,quello che ti porto, tu frangi e mi dai.
gion73
Messaggi: 1541
Iscritto il: gio dic 30, 2010 4:0 1 pm

Re: olio vergine d'oliva? forse è stato sottostimato!!!!

Messaggioda gion73 » ven gen 23, 2015 10:0 1 am

Se in un argomento Giuliano ci mette il naso si sconvolge l'assetto di tutto il ragionamento.

Si cerca di parlare in un argomento sulla questione di rivalutare gli olii vergini, nascosti , dimenticati, ofuscati forse troppo dalla meravigliosa figura dell' extravergine, poi scopri invece che altri olii sul mercato (olii di oliva, sansa, rettificati, raffinati, semi ecc) passano inosservati ma ben considerati (comprati e venduti contemporaneamente all'extravergine, magari stanno sullo stesso scontrino) e il vergine ha acquisito l'errata classificazione che oggi ha assunto.

Giuliano, che non conosce il mondo dell'olio si è praticamente incanalato nello stesso difetto, e ha bastonato l'olio vergine così come fan tutti, ma una parola disprezzante a favore degli ultimi olii in classifica non l'ha mai espressa.
GIULIANO LODOLA
Messaggi: 924
Iscritto il: ven ott 31, 2014 2:0 1 pm

Re: olio vergine d'oliva? forse è stato sottostimato!!!!

Messaggioda GIULIANO LODOLA » ven gen 23, 2015 12:0 1 pm

gion73 ha scritto:Se in un argomento Giuliano ci mette il naso si sconvolge l'assetto di tutto il ragionamento.
****************************************************************
In questo hai ragione e sai perchè Giovanni? non mi accontento del finale ma sono interessato allo svolgimento dall'inizio, io chiedo nel mio linguaggio di inesperto e sebbene ce la metto tutta, riesco sempre a farmi capire a rovescio, vediamo se rimedio,
Quando qualcuno entrando nel mondo dell'olio, e non necessariamente devono essere esperti frantoiani, perchè l'olio lo consumano gli inesperti clienti casalinghi,quando qualcuno entrando nel mondo dell'olio legge in qualche articolo che esiste olio Extravergine e poi olio vergine, entrambi di oliva, si chiede cosa abbiano di differente i due, entrambi moliti da olive , entrambi senza alcun trattamento ma imbottigliati come frantoio li ha fatti, allora? si chiederanno i più, ma cosa cambia nei due per essere classificati in modo differente, per saperlo devono ,o leggersi trattati sull'olio oppure chiedere agli esperti,
io ho letto i trattati e ho imparato le differenze, anche un somaro come me leggendo le impara, ma poi uno si chiede, questa classificazione meno preziosa da cosa è data o dovuta.
Leggo che il vergine può avere un'acidità superiore all'Extravergine , stesso olio ma più acido e appartiene alla seconda classe pur ottimo che sia, oppure potrebbe avere anche l'acidità dentro i parametri dell'Extravergine, mancano però alcune caratteristiche basiliari che non lo fanno entrare cella classe Extravergine, ne cito una soltanto, manca ad esempio del fruttato, in pratica l'olio vergine è ottenuto nello stesso modo dell'Extravergine, nulla viene aggiunto, nessuna lavorazione differente dal primo più costoso, ma resta Vergine di oliva.
Ora che ho espresso la mia teoria imparata dai libri e da articoli qua e la , mi chiedevo ed ero frainteso, per quale motivo si produce l'olio vergine, farlo appositamente se fosse possibile fare l'extravergine sarebbe illogico, allora il motivo per cui esce vergine qual'è????
Se la teoria olive buone olio buono è valida,e nessuno la discute è giusta, mi resta da pensare che quando ci sono olive che non potranno mai dare Extravergine, si moliscono ugualmente sapendo di ottenere il Vergine, ecco il mio voluto, non perchè si vuole sbagliare e ottenere il peggio, ma perchè il frutto darà sempre e soltanto Vergine, o che manchi il fruttato o sia poco più acido otterremo soltanto vergine perchè la materia prima impiegata è da vergine, poi che sia ottimo ugualmente nessuno lo mette in dubbio , è sempre lo stesso prodotto ottenuto col procedimento dell'Extravergine ma non possiede alcuni pregi indispensabili per fregiarsi di quel nome, non perchè ha difetti, no! gli mancano dei pregi ma è olio di tutto rispetto e se a un somaro come me che nulla se ne capisce, neppure se ne accorge di queste differenze.
SONO RIUSCITO A FARMI CAPIRE senza dare da pensare che sottovaluto il vergine? volevo capire il perchè si produce sia il vergine che l'extravergine, volevo capire se la differenza deriva dal prodotto di partenza,olive, oppure altro.
Vediamo se ottengo risposte inerenti al mio ragionamento sopra.



Si cerca di parlare in un argomento sulla questione di rivalutare gli olii vergini, nascosti , dimenticati, ofuscati forse troppo dalla meravigliosa figura dell' extravergine, poi scopri invece che altri olii sul mercato (olii di oliva, sansa, rettificati, raffinati, semi ecc) passano inosservati ma ben considerati (comprati e venduti contemporaneamente all'extravergine, magari stanno sullo stesso scontrino) e il vergine ha acquisito l'errata classificazione che oggi ha assunto.
****************************************************************
L'errata classificazione non direi, se la legge ha messo dei parametri che identificano queste due classi, poi che sia il più genuino di ogni altro e come genuinità al pari dell'Extravergine, nessuno potrà mai metterlo in dubbio , che poi tutti gli altri che elenchi siano peggiori sia dell'Extra che del vergine, anche questo nessuno può metterlo in dubbio.
Ma voler sapere perchè il Vergine è un gradino sotto l'Extravergine, non significa volerlo metterlo in cattiva luce oppure asserire che è prodotto scadente o buono da nulla.


Giuliano, che non conosce il mondo dell'olio si è praticamente incanalato nello stesso difetto, e ha bastonato l'olio vergine così come fan tutti, ma una parola disprezzante a favore degli ultimi olii in classifica non l'ha mai espressa.
****************************************************************
Giuliano che da sempre e spontaneamente ha sempre evidenziato di non capirsene nulla, e non conoscere il mondo dell'olio, ha in ogni suo ragionamento e richiesta di spiegazione per imparare qualcosa, mai ha che il Vergine è prodotto da buttare, ma vi chiedeva, perchè esce il vergine dal frantoio? se metto latte esce formaggio se metto carne escono salsicce., e se metto olive perchè può uscire Vergine oppure Extravergine.
CAPITO MI AVETE? ma dove siete tutti 5.000 che potete insegnare, tra poco Gion non ha più voce a forza di farlo parlare soltanto lui, non mi offendo se ignorante sono i ignorante mi chiamate, però datemi la spiegazione della mia ignoranza e dove sbaglio e io mi correggo imparando, invece ottengo soltanto risposte che non rispondono ai miei dubbi ma soltanto li aumentano.
e se metto olive perchè può uscire Vergine oppure Extravergine.
questa finale è la domanda fulcro della discussione
Giuliano
alfacos
Messaggi: 76
Iscritto il: gio feb 17, 2011 6:0 1 pm

Re: olio vergine d'oliva? forse è stato sottostimato!!!!

Messaggioda alfacos » ven gen 23, 2015 3:0 1 pm

Giuliano, hai ripreso un argomento creato nel 2007, e dormiente dal 2010.
Troppo tempo rimasto inerte per l’importanza che ha. Secondo me è sempre creativo ed istruttivo dialogare di queste cose così attuali, quanto astratte per i non addetti ai lavori .
Molti consumatori infatti leggono pur senza intervenire.
Innanzitutto vorrei sottolineare quanto detto da Gion: meglio vergine , quello vero, che un extra vergine taroccato magari con del raffinato o quant’altro.
Poi vorrei rispondere a Giuliano che chiede: e se metto olive perchè può uscire Vergine oppure Extravergine.
Se tu Giuliano, mi portassi olive BELLISSIME al mio frantoio ed io avessi la possibilità come l’hanno in tanti di lavorarti le olive, con due diversi sistemi di estrazione, (continuo oppure tradizionale), potrei ridarti indietro potenzialmente 2 tipi di olii molto diversi tra loro.
Con il continuo, se le olive lavorate “come Dio comanda” potrei ridarti “l’olio delle stelle”.
Con il tradizionale, se le olive lavorate con fiscoli che vanno già avanti da un paio di settimane, specialmente in stagioni come queste, potrei anche ridarti olio vergine o addirittura lampante. Lampante non tanto per l’acidità alta, ma organoletticamente lampante, che ai fini commerciali è la stessa cosa. Quindi devi sapere ad onor del vero, che anche un olio con 0,3 di acidità può essere lampante organoletticamente, basta superare certe soglie di difetto. Questi parametri li trovi anche sul sito di questo forum, sulla home page alla voce “olio di oliva”.
gion73
Messaggi: 1541
Iscritto il: gio dic 30, 2010 4:0 1 pm

Re: olio vergine d'oliva? forse è stato sottostimato!!!!

Messaggioda gion73 » ven gen 23, 2015 4:0 1 pm

I tuoi interventi sono sempre uno spettacolo, come dire pochi ma buoni.
Purtroppo, Giuliano, crede che nel frantoio ci sia la possibilità di chiedere varianti in cambio di un prezzo differente per molitura, e che il prezzo determini la qualità.

Se li dicessimo invece che il costo di molitura dell'olio estratto alle presse (che notoriamente non sarà mai extravergine) ha un costo di molitura molto più alto di quello del continuo (che è l'unico sistema per fare qualità) come la prenderebbe?

Io dico che non lo so, ma sono sicuro che andrebbe in tilt.

Ecco qua uno spende di più e ottiene molto di meno sotto il profilo della qualità

Come lo spieghi? ritornano le tue regole?

Bene, escludiamo già a priori un importante rapporto qualità prezzo in fase di lavorazione.

Giuliano se le olive sono buone, l'olio sarà buono, a meno che uno non è talmente scellerato da non adottare sistemi di pulizia idonei. Ma questo non è un errore è scelleratezza, e come si suol dire il porco rimane porco, anche se lo lavi e sempre un porco.
alfacos ha scritto:Giuliano, hai ripreso un argomento creato nel 2007, e dormiente dal 2010.
Troppo tempo rimasto inerte per l’importanza che ha. Secondo me è sempre creativo ed istruttivo dialogare di queste cose così attuali, quanto astratte per i non addetti ai lavori .
Molti consumatori infatti leggono pur senza intervenire.
Innanzitutto vorrei sottolineare quanto detto da Gion: meglio vergine , quello vero, che un extra vergine taroccato magari con del raffinato o quant’altro.
Poi vorrei rispondere a Giuliano che chiede: e se metto olive perchè può uscire Vergine oppure Extravergine.
Se tu Giuliano, mi portassi olive BELLISSIME al mio frantoio ed io avessi la possibilità come l’hanno in tanti di lavorarti le olive, con due diversi sistemi di estrazione, (continuo oppure tradizionale), potrei ridarti indietro potenzialmente 2 tipi di olii molto diversi tra loro.
Con il continuo, se le olive lavorate “come Dio comanda” potrei ridarti “l’olio delle stelle”.
Con il tradizionale, se le olive lavorate con fiscoli che vanno già avanti da un paio di settimane, specialmente in stagioni come queste, potrei anche ridarti olio vergine o addirittura lampante. Lampante non tanto per l’acidità alta, ma organoletticamente lampante, che ai fini commerciali è la stessa cosa. Quindi devi sapere ad onor del vero, che anche un olio con 0,3 di acidità può essere lampante organoletticamente, basta superare certe soglie di difetto. Questi parametri li trovi anche sul sito di questo forum, sulla home page alla voce “olio di oliva”.
GIULIANO LODOLA
Messaggi: 924
Iscritto il: ven ott 31, 2014 2:0 1 pm

Re: olio vergine d'oliva? forse è stato sottostimato!!!!

Messaggioda GIULIANO LODOLA » ven gen 23, 2015 8:0 1 pm

[quote="gion73"]I tuoi interventi sono sempre uno spettacolo, come dire pochi ma buoni.
Purtroppo, Giuliano, crede che nel frantoio ci sia la possibilità di chiedere varianti in cambio di un prezzo differente per molitura, e che il prezzo determini la qualità.
***********************************************************************************
Non è così, Giuliano ha sempre detto e ne sono più che certo,che un buon frantoiano sappia usare i propri macchinari sia per avere più resa in quantità che più qualità con meno resa, a parità di qualità delle olive impiegate che naturalmente devono essere buone.


Se li dicessimo invece che il costo di molitura dell'olio estratto alle presse (che notoriamente non sarà mai extravergine) ha un costo di molitura molto più alto di quello del continuo (che è l'unico sistema per fare qualità) come la prenderebbe?
***************************************************************
Giuliano ti risponderebbe che la pensa come te e ora provo a spiegarti il perchè di quello che dici, ma non per insegnarti, nessuno insegna a un frantoiano nel suo mestiere, cerco di pensare di insegnare a una platea di principianti e io essere il professore,quello che va poi nei ristoranti con la bottiglia in mano pensando metterli sull'attenti,tanto per riprendere un vecchio riferimento.
Iniziamo con la molitura vecchio sistema a ruote di pietra e presse per spremere l'olio dalla pasta di olive.
Questo metodo usato da sempre,consiste in due o tre grosse ruote di pietra,granito,del peso di 7-10 quintali o anche più, che giravano intorno a un perno e nel loro movimento rotatorio schiacciavano le olive messe dentro questo frantoio che venivano schiacciate e sgretolate dal peso delle mole e dal movimento circolare che schiacciava mandando all'esterno la pasta ottenuta,una parte di olio defluiva spontaneamente dalla schiacciatura e poi dalla pasta ottenuta si strizzava appunto l'olio contenuto in questo impasto di polpa e noccioli in apposite presse dove si impilavano appositi pezzi rotondi di qualche materiale , non ricordo il loro nome, fiscoli o qualcosa del genere,e la pasta veniva messa tra uno e l'altro di questi fiscoli e si faceva una pila che posta poi sotto una grossa pressa li schiacciava strizzandoli come vinaccia del vino, tutto l'olio contenuto sgorgava all'esterno lateralmente e si raccoglieva negli appositi contenitori.
Olive schiacciate e pasta strizzata davano l'olio, quali pregi aveva questa lavorazione, nessuno ma era l'unica da sempre.
Quali difetti aveva questa lavorazione, tutti, e vediamoli.
Partiamo dal tempo di lavorazione, lunghissimo e molta manodopera per porre le olive dove giravano le mole, raccogli la pasta e impilala coi fiscoli per poi pressarla, manodopera ancora, e il ciclo di lavorazione a quintale era molto laborioso lungo e molta manodopera.
é la qualità ottenuta? nessuna, nessun olio ottenuto in questo modo poteva forse fregiarsi del nome Extravergine perchè di questo olio come lo conosciamo oggi, non ha nessuna caratteristica, forse si potrebbe dire solo lampante.
Il motivo dei soli difetti è molto semplice, l'olio di oliva è molto sensibile all'ossidazione che avviene al suo contatto con l'aria,e come descritto sopra, tutte le lavorazioni sono all'aria al suo contatto e per molto tempo, l'olio si ossida ancora prima di essere raccolto uscito dalle mole,
proseguiamo poi a strizzarlo con i fiscoli, sotanto a mettere la pasta di oliva in ogni fiscolo e impilarli, si impiegava molto tempo e la lavorazione era aria presente , l'ossidazione era una regola, quando raccoglievi l'olio nei recipienti questo era già compromesso, la botta finale la davano i coppi di terracotta dove l'olio stava tutto l'anno, un tappo di legno appoggiato alla grossa bocca faceva circolare l'aria finendo l'opera di ossidazione iniziata da tutte le operazioni della lavorazione e l'olio nulla poteva più dare come pregi,
I danni che faceva l'ossidazione erano completati dal rancido che l'olio prendeva nei coppi di terracotta, il rancido era strutturato nei pori del coppo e calando il livello con l'uso, l'olio delle pareti si ossidava ancora di più, in pratica ogni passaggio peggiorava il prodotto finito, nessuna operazione aveva qualcosa di pregevole ma soltanto aggiungeva difetti ai difetti, in pratica oggi quell'olio nessuno lo vorrebbe e a ore uomo costerebbe dieci volte più dell'olio buono di oggi.
Ma il difetto non stava soltanto nei macchinari dell'epoca che di meglio non potevano fare, no, a peggiorare ancora la qualità dell'olio, c'era la lentezza della molitura e della raccolta olive che protraevano sia raccolto che molitura anche fino forse a aprile maggio, quando le olive non erano più buone per ottenere un prodotto neppure passabile, dopo dicembre le olive erano già rancide e fermentate sia per essere state a terra per troppo tempo in attesa di essere raccolte che per essere state nei magazzini in attesa che i frantoi facessero in tempo a molire, in pratica l'olio ottenuto prima dei frantoi a ciclo continuo era oliaccio che nulla aveva di pregio.
Non lo rileggo per correggere e aggiungere difetti perchè ne ho già elencati molti.
Ora prendiamo invece il nuovo metodo a ciclo continuo, manodopera pochissima, velocità di molitura altissima, esposizione all'aria durante le lavorazioni quasi zero,la velocità di molitura ha ridotto il magazzino che non esiste più ma arrivano le olive e immediatamente vengono molite, le olive si trasportane in contenitori che evitano lo schiacciamento e sono aerate evitando fermentazione e marcimento con rancido,scaricano camion di olive e esce nell'ora di tempo olio finito centrifugato decantato o filtrato senza che mano tocchi il prodotto, nessuna o quasi ossidazione e la raccolta in contenitori inox pulitissimi fa passare l'olio dall'ulivo al serbatoio, la qualità è il massimo ottenibile.
Altro fattore che ha migliorato al massimo la qualità e i costi è la raccolta automatizzata delle olive con imponenti macchine che in un minuto scuotono e raccolgono tutto un olivo con un solo uomo, questo fa in modo che in un paio di mesi si terminano i raccolti nel periodo migliore di maturazione dell'oliva,questa raccolta velocissima e la frangitura immediata rende zero l'immagazzinamento dell'oliva e il frutto passa in un paio di mesi dall'albero al recipiente.
Con questo metodo industriale moderno, prodotto buono iniziale, pulizia dei macchianari e dei recipienti di raccolta uniti all'abilità del frantoiano si ottiene olio che sfida ogni palato.

Questo è quello che rispondo alla domanda su questo argomento, mi piacerebbe trovare tutte le correzioni a quello che ho osato scrivere.



Io dico che non lo so, ma sono sicuro che andrebbe in tilt.
**************************************************************
Il tilt manderebbe in tilt chiunque ma non me che sono vissuto tra i tilt dei flipper che fabbricavo,ora gradirei trovare sia brutti voti che belli se meritati su tutto quello che ho esposto al riguardo, ma andiamo avanti con quello che ancora è scritto sotto



Ecco qua uno spende di più e ottiene molto di meno sotto il profilo della qualità
Come lo spieghi? ritornano le tue regole?
Bene, escludiamo già a priori un importante rapporto qualità prezzo in fase di lavorazione.
************************************************************************
Non sempre pagando di più si ha maggior vantaggio,ma certamente se compri sottoprezzo non potrai mai sperare di avere il meglio,non devi spendere di più ,ma soltanto capire qual'è la spesa giusta, il giusto prezzo per avere la qualità migliore,sta di fatto che voi frantoiani vendete a 6-8 euro litro la qualità mentre è matematicamente impossibile trovare allo scaffale la vostra qualità a 3,00 euro, allora il vostro prodotto è ritenuto buono perchè costa di più? no, il vostro olio costa di più perchè a meno è impossibile farlo buono e a tre euro nessun miracolo ti farà avere il meglio.
Il prezzo è il secondo ragionamento che viene fatto a pari della qualità, allora puoi vedere pari qualità se più o meno cara, ma soltanto dopo avere appurato la qualità,
per dire che la qualità fa il prezzo ma mai il prezzo fa sicuramente la qualità, poi ci sono anche persone che se non costa tanto non comprano, una volta mi ha detto una anziana signora a una fiera , dica a mia figlia che costa tanto, altrimenti non lo compra, ci sono anche questi.

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite