Apertura nuovo frantoio 2016

Tipologie di estrazione dell'olio di oliva, Tipologie e rese al quintale. Le varie differenze di estrazione a freddo o a caldo, ciclo continuo, tradizionale ecc.

Moderatori: foxhy, Paoloadm, ruby, torejeo

[email protected]
Messaggi: 10
Iscritto il: mer gen 20, 2016 1:0 1 am

Re: Apertura nuovo frantoio 2016

Messaggioda [email protected] » lun feb 08, 2016 2:0 1 pm

paolinaspina ha scritto:
[email protected] ha scritto:Se sei nuovo non guardare molto alla marca del tuo nuovo frantoio. Ma guatda molto che assistenza hai in zona. Quando avrai rotture o problemi in campagna un ontervento rapido ti farà guadagnare soldi
Sicuramente guarderò anche l'assistenza. Avrei qualche altra domanda:

1) che differenza c'è tra un decanter due fasi e tre fasi, a parte la sansa più umida? A livello di qualità dell'olio, resa, o altro cosa cambia?

2) se compro un impianto che indicativamente riesce a gestire 20 qli ora, significa che in 10 ore farò 200 qli? O ci sono tempi morti o altro che devo calcolare?

3) cosa ne pensate delle gramole, frangitori e altri elementi realizzati da officine artigiane e non da marche più conosciute?

Per ora mi sta convincendo Pieralisi, avete notizie sulla loro assistenza in Puglia - Basilicata?

Grazie
Paolina

Queste cose non sono semploci da spiegare ma ci vogliono anni di esperienza il frantoiano non lo insegni kn in forum

Senti a me. Vai a trovare un po di frantoiani nella tua zona. E ci parli. Le quantità dei decanter variano per svariati fattori portate dichiarate. Olive. Temperature ecc ecc.

La carpenteria realizzata da artigiani che dire non conosco l'artigiano in questione. Io nn sono molto a favore.
GIULIANO LODOLA
Messaggi: 924
Iscritto il: ven ott 31, 2014 2:0 1 pm

Re: Apertura nuovo frantoio 2016

Messaggioda GIULIANO LODOLA » lun feb 08, 2016 3:0 1 pm

Ciao , ancora Giuliano , letta la tua domanda ho cercato per te qualcosa che spiegasse in modo molto semplice i tuoi dubbi , ho controllato l'URL allegato che fosse privo di nomi , marchi e pubblicità , non essendocene credo posso pubblicarlo , mi vedrai sempre collegato ma sono estraneo ai lavori , un vero principiante , soltanto la mia grande passione per il mondo dei frantoiani mi lega a voi , quando lo hai visionato spero leggere le tue conclusioni.
Giuliano.

http://www.federicoguidi.it/decanter/Decanter.htm#cara
torejeo
Messaggi: 221
Iscritto il: gio gen 01, 1970 2:0 1 am

Re: Apertura nuovo frantoio 2016

Messaggioda torejeo » lun feb 08, 2016 5:0 1 pm

paolinaspina ha scritto:Sicuramente guarderò anche l'assistenza. Avrei qualche altra domanda:

1) che differenza c'è tra un decanter due fasi e tre fasi, a parte la sansa più umida? A livello di qualità dell'olio, resa, o altro cosa cambia?

2) se compro un impianto che indicativamente riesce a gestire 20 qli ora, significa che in 10 ore farò 200 qli? O ci sono tempi morti o altro che devo calcolare?

3) cosa ne pensate delle gramole, frangitori e altri elementi realizzati da officine artigiane e non da marche più conosciute?

Per ora mi sta convincendo Pieralisi, avete notizie sulla loro assistenza in Puglia - Basilicata?

Grazie
Paolina


1) Sicuramente cambia in qualità (+ polifenoli e altre sostanze) e in risparmio energetico (acqua), alcuni decanter anche in resa.

2) Assolutamente no! Per tanti motivi, specie se si lavora per conto terzi/partitaria.

3) Per il nastro elevatore per le olive e la lavatrice va bene anche l'artigianale, per le gramole assolutamente no, rimane il collo di bottiglia della lavorazione delle olive.

4) La Pieralisi sta puntando molto al post-vendita, all'assistenza programmata ad inizio e fine campagna, sui ricambi originali e sull'innovazione.

Comunque vale quanto detto nel post precedente, è meglio farsi un giro per i frantoi.

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti