NUOVA LAVORAZIONE - Problema olio residuo nella sansa e livelli decanter

Tipologie di estrazione dell'olio di oliva, Tipologie e rese al quintale. Le varie differenze di estrazione a freddo o a caldo, ciclo continuo, tradizionale ecc.

Moderatori: foxhy, Paoloadm, ruby, torejeo

alb000
Messaggi: 1
Iscritto il: lun apr 18, 2016 2:0 1 pm

NUOVA LAVORAZIONE - Problema olio residuo nella sansa e livelli decanter

Messaggioda alb000 » lun apr 18, 2016 3:0 1 pm

Salve, sono nuovo del forum. Ho un piccolo frantoio (capacità massima 1t/h) ma che uso per la sperimentazione con semi oleosi non commestibili (decorticati, simili a mandorle). Il processo è identico in tutto e per tutto a quello dell'estrazione dell'olio dalle olive, l'unica differenza è che il mio materiale in gramola (i semi sono secchi quindi aggiungo io un 70% circa di acqua calda per raggiungere la migliore estrazione d'olio possibile) si spappola molto (faccio anche uso di enzimi che facilitano il rilascio d'olio distruggendo la matrice vegetale) e nel decanter incontro poi dei grossi problemi (la sansa se ne va un pò troppo in giro).

Faccio un breve riepilogo di tutti i problemi riscontarti fino ad ora (circa 4-5 mesi di test), premetto che ho un decanter alpha-laval X4:

1) Inizialmente lavoravo con molta più acqua in gramola (circa il 150% dei semi) e con il decanter impostato a 3 fasi (anello acqua 90mm, olio 86-89mm, differenziale variabile tra 10 e 20), ma essendo la matrice vegetale molto fine mi si disperdeva troppo nella fase acquosa e mi perdevo una buona parte del solido in essa (ho provato a fare diverse regolazioni tra livelli, differenziale e portata ma non ne sono venuto fuori, riuscivo ad avere un bell'olio pulito ma acqua abbastanza sporca).

2) Per evitare di aver un refluo acquoso sporco, sono passato alla configurazione a due fasi (migliorando notevolmente il processo in termini di resa in olio in gramola, il mio materiale si comporta in maniera ottimale con una percentuale d'acqua intorno al 65%...con questa percentuale d'acqua, separando il mio materiale con una centrifuga da banco, ottengo comunque 3 fasi, ma quella acquosa è molto molto ridotta, circa un quinto di quella oleosa). Ottengo abbastanza più olio, ma la regolazione deve esser molto precisa per evitare che quest'ultimo mi esca sporco dal decanter. Lavoro sempre con la monopompa al minimo (aumentando la portata ha un effetto nefasto sulla pulizia dell'olio) e agisco esclusivamente sul differenziale, abbassandolo il più possibile fino a che l'olio si mantiene pulito. Sto lavorando con un livello olio di 85mm (abbastanza basso, a 84mm c'è l'uscita liquido dalla sansa) perché con livelli più alti mi usciva anche molta sansa dall'olio.
Il GROSSO PROBLEMA è che mi rimane sempre circa un 10% di olio nella mia sansa, anche con differenziali molto bassi (rintroducendo il guscio del seme per avere un maggior effetto drenante riesco a lavorare anche con differenziali tra 7 e 10). Riesco a risolvere questo problema soltanto con un secondo ripasso della sansa (addizionata con acqua), ma voglio evitare come la morte questo secondo ripasso, e tirare via olio più possibile al primo step.

ORA MI CHIEDEVO SE:

- sia meglio, sempre mantenendo il 2 fasi, rialzare un pò il livello dell'olio (da 85 a 87-88mm dato che ho anche rintrodotto i gusci riducendo così la dispersione della sansa nel mosto) in modo tale da ridurre la quantità di mosto all'interno del tamburo e agevolare la fuoriuscita dell'olio dalla sansa che dovrebbe rimanere più asciutta. Ma così facendo rischio di ritrovarmi di nuovo un olio molto sporco che mi costringerebbe a rialzare di nuovo il differenziale. Quindi non saprei se è questa la scelta migliore.

- ripassare a un 3 fasi, ma qui chiedo aiuto a voi a come regolare a puntino il mio decanter in linea teorica (non voglio perdite eccessive di solido in acqua, e non voglio olio residuo nella sansa superiore al 5%). Ho inoltro un aggiuntivo problema con il 3 fasi, mi si crea una "quarta fase solida" intermedia tra olio e acqua (con tutti i problemi che potete immaginare, ecco perchè l'acqua mi veniva molto sporca...)

Sto diventando scemo con questo decanter, chiedo consiglio a qualche esperto.
Grazie in anticipo per l'aiuto che mi offrirete.
reposti69
Messaggi: 130
Iscritto il: ven set 21, 2007 12:0 1 pm

Re: NUOVA LAVORAZIONE - Problema olio residuo nella sansa e livelli decanter

Messaggioda reposti69 » ven apr 29, 2016 3:0 1 pm

Da quanto letto, credo che non rimane che agire sulla gramolazione della pasta.

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti