Essiccatoi per la sansa

Tipologie di estrazione dell'olio di oliva, Tipologie e rese al quintale. Le varie differenze di estrazione a freddo o a caldo, ciclo continuo, tradizionale ecc.

Moderatori: foxhy, Paoloadm, ruby, torejeo

monostatico
Messaggi: 1231
Iscritto il: dom gen 27, 2013 10:0 1 am

Re: Essiccatoi per la sansa

Messaggioda monostatico » ven feb 28, 2014 5:0 1 pm

gion73 ha scritto:E' tutto giusto quello che dice Michele, ma almeno per ora non possiamo sapere cosa succederà in futuro quando:
1) Sicuramente i prezzi di questi combustibili andranno ad aumentare,
2) non sappiamo se i sansifici continueranno a lavorare come ora e manterranno lo stesso prezzo,
3) non sappiamo se sulle sanse qualcuno si inventerà qualche diavoleria per lo smaltimento.

detto questo credo che bisognerà cominciare seriamente a pensare in maniera diversa.

e poi immaginiamo che verrebbe eliminata la concorrenza dell'olio di sansa
certamente gion hai ragione,

sai che sono un sostenitore della sansa essiccata più che del nocciolino
ma purtroppo dobbiamo fare i conti con i numeri, io non lo farei per
un frantoio che lavore meno di 10000 q

i sansifici continueranno a prenderla
se aumentano i prezzi aumenteranno anche per loro
(la biomassa che vendono) e daranno qualcosa in più ai frantoiani

sai gion la pazza idea di essiccare tutto insieme
acqua di vegetazione (che ocntiene il 15/20% di residuo secco)
sansa e fogliame macinato non sarebbe del tutto pazza

per essiccare un kg di acqua occorrono 1000 cal
un kg di sansa essiccata al 12/15% ne ha circa 4000

l'ipotetico "miscusglio" del 3 fasi avrebbe diciamo il 35/40 % di residuo secco

per portarlo al 15% di umidità occorrono 12/15 kg si sansa a q.le di olive

praticamente sparirebbero tutti i sottoprodotti (acqua fogliame e sansa)
e otterremo un 15% si sansa essiccata ogni q di olive

io penso che no nsarebbe affatto male

ma per questo impianto non bastano nebbeno 10.000 q di olive
ce ne vogliono 100.000
Egidiobo
Messaggi: 2
Iscritto il: ven feb 26, 2016 4:0 1 pm

Re: Essiccatoi per la sansa

Messaggioda Egidiobo » ven feb 26, 2016 4:0 1 pm

L'essiccatore per la sansa da lavorazione di 2 fasi esiste. So che è una macchina molto innovativa che non consuma e non inquina. Forse è làunica che può ottenere le autorizzazioni. http://www.kapa-engineering.com/physissanit.html
domaer
Messaggi: 168
Iscritto il: mer gen 10, 2007 10:0 1 am

Re: Essiccatoi per la sansa

Messaggioda domaer » lun feb 29, 2016 7:0 1 pm

Il vero problema del 2 fasi è il patè, la sansa anche se un pò più umida viene comprata sia dai sansifici e sia dai biogestori.
Comunque anche il patè avrà una sua destinazione che lo valorizza.
Egidiobo
Messaggi: 2
Iscritto il: ven feb 26, 2016 4:0 1 pm

Re: Essiccatoi per la sansa

Messaggioda Egidiobo » dom nov 06, 2016 7:0 1 pm

Io produco 20 q.li ora di sansa da decanter Pieralisi. Umidità circa 72-75%. Con l'essiccatore PHYSIS della KAPA di Varese abbiamo risolto il problema. Il consumo si aggira intorno al 12=15% della sansa secca prodotta. Quindi con un calcolo veloce rimane il 28% della sansa da vendere secca al 12%.
reposti69
Messaggi: 130
Iscritto il: ven set 21, 2007 12:0 1 pm

Re: Essiccatoi per la sansa

Messaggioda reposti69 » mar nov 08, 2016 12:0 1 pm

Mi sembra che anche quello della Pieralisi Sansone lavora sia la sansa proveniente dal sistema due fasi che dalla tre fasi.
Rimane la sansa denocciolata da inviare al sansificio (se la prende...) o ancora meglio ad un digestore per produrre energia elettrica, ma anche in quest'ultimo caso ci sono dei problemi.

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti