Pieralisi DMF e Patè

Tipologie di estrazione dell'olio di oliva, Tipologie e rese al quintale. Le varie differenze di estrazione a freddo o a caldo, ciclo continuo, tradizionale ecc.

Moderatori: foxhy, Paoloadm, ruby, torejeo

bingo bongo
Messaggi: 2
Iscritto il: lun feb 23, 2015 8:0 1 pm

Re: Pieralisi DMF e Patè

Messaggioda bingo bongo » ven apr 10, 2015 12:0 1 pm

per quello che so io, ed ho visto lavorare più di un dmf 10 o leopard 8 qua in Puglia, il bello di queste macchine è che oltre all'olio con lavorazione senza aggiunta di acqua, che è quello più richiesto dalle grandi aziende, ti danno una sansa simile a quella del tre fasi quindi vendibile e palabile dalla quale si può anche ricavare il nocciolino, SENZA ALCUN RIPASSO, solo che ti rimane un 30-40 % di pate che altro non è che acqua ma molto fangosa e non palabile difficile da smaltire a differenza dell'acqua...questo patè dovrebbe essere ritirato dai BIODIGESTORI ma in puglia non ci sono e quei pochi sono piccoli per prendere il pate di più frantoi, quindi tutti nuovamente ripassano il patè dal quale esce un pochino di sansa e l'odiata acqua vegetale. In conclusione finchè non si trova che si prende il patè non abbiamo risolto un bel niente tanto vale lavorare a due fasi e ripassare
monostatico
Messaggi: 1231
Iscritto il: dom gen 27, 2013 10:0 1 am

Re: Pieralisi DMF e Patè

Messaggioda monostatico » sab apr 11, 2015 6:0 1 pm

per prendere il massimo degli incentivi i biodigestori devone essere massimo 1000 KW
quindi tutti i biodigestori sono piccoli VOLUTAMENTE

il patè per giunta lo possno lavorare solo accompagnato da altro materiale

in pratica ogni biogas può accettare al massimo il patè preveniente da
qualche frantoio (per i numeri della Puglia per qualche frantoio si intende uno)

per giunta per spalmare l'utilizzo in tutto l'anno occorrerebbe stoccare il patè
a spese del frantoiano e consegnarlo durante tutto l'anno

a queste condizioni molto "meglio" l'acqua di vegetazione
freccia
Messaggi: 907
Iscritto il: ven gen 25, 2013 7:0 1 pm

Re: Pieralisi DMF e Patè

Messaggioda freccia » sab apr 11, 2015 6:0 1 pm

eh!eh!! col cavolo che il pate' è una risorsa
come pubblicizza pieralisi
monostatico
Messaggi: 1231
Iscritto il: dom gen 27, 2013 10:0 1 am

Re: Pieralisi DMF e Patè

Messaggioda monostatico » dom apr 12, 2015 11:0 1 am

in effetti è tutto studiato a tavolino (operazioni di marketing)

dire che il patè è buono come mangime come fertilizzante o per i biogas
non è una bugia

lo stesso vale per dire

l'acqua di vegetazione è un ottimo fertilizzante una vera e propria risorsa
ecocompatibile rispettoso dell l'ambiente ecc ecc ecc

entranbe le frasi sono vere

ma di fatto questi miracolosi scarti di produzuioni vanno stoccati gestiti contabilizzati
trasportati ecc ecc ecc ecc ecc :| :| :|

qui casca l'asino

anche dire: "i nostri decanter non producono acqua di vegetazione"
è una frase vera e non condabbabile
domyy
Messaggi: 70
Iscritto il: gio feb 13, 2014 10:0 1 pm

Re: Pieralisi DMF e Patè

Messaggioda domyy » sab nov 07, 2015 8:0 1 pm

nella mia provincia di vibo valentia qualcuno in passato ha provato a molire col 2 fasi ma ha subito cambiato perchè la resa era bassa, ora la mia domande è: il decanter leopard dmf lavora a due fasi secondo voi andrebbe bene per le olive della mia zona? oppure va bene e come dice la pieralisi si ha una resa maggiore rispetto ai decanter che stanno lavorando col 3 fasi?
ruby
Messaggi: 82
Iscritto il: gio gen 25, 2007 4:0 1 pm

Re: Pieralisi DMF e Patè

Messaggioda ruby » lun nov 09, 2015 11:0 1 am

bella domanda il tuo cultivar è ottobratica o ciciarello?
branconi
Messaggi: 35
Iscritto il: lun feb 12, 2007 6:0 1 pm

Re: Pieralisi DMF e Patè

Messaggioda branconi » lun nov 09, 2015 5:0 1 pm

domyy ha scritto:nella mia provincia di vibo valentia qualcuno in passato ha provato a molire col 2 fasi ma ha subito cambiato perchè la resa era bassa, ora la mia domande è: il decanter leopard dmf lavora a due fasi secondo voi andrebbe bene per le olive della mia zona? oppure va bene e come dice la pieralisi si ha una resa maggiore rispetto ai decanter che stanno lavorando col 3 fasi?
credo che per i cultivar della tua zona sopra menzionati ottobratica e ciciarello non sia proprio indicata, serve un decanter posato strutturato da 3 fasi se vogliamo rese.
domyy
Messaggi: 70
Iscritto il: gio feb 13, 2014 10:0 1 pm

Re: Pieralisi DMF e Patè

Messaggioda domyy » mar nov 10, 2015 6:0 1 pm

le cultivar della mia zona sono ottobratica e ciciarello, ho fatto questa domanda perchè in questo forum c'è anche qualcuno che conosce questa macchina e volevo anche un suo parere, con spiegazioni approfondite, di come si comporta con queste cultivar dato che in post precedenti hanno menzionato la polat contro il dmf. Penso che questa risposta è attesa da molti di noi dato che la propaganda pieralisi è più resa e più polifenoli, quindi uno che non capisce di frantoi ci direbbe che siamo degli idioti (non voglio offendere nessuno ma è stata fatta a me questa domanda) a non comprare questa macchina rivoluzionaria. Sono anche lieto di leggere le risposte di chiunque a questa mia domanda. Per chi lo sa ad arena è stato montato il dmf? e come va? mentre leggete questo post buttate sempre un occhio al recipiente sotto il separatore prima che fuoriesca l'olio. Buon lavoro lavoro lavoro
domyy
Messaggi: 70
Iscritto il: gio feb 13, 2014 10:0 1 pm

Re: Pieralisi DMF e Patè

Messaggioda domyy » ven nov 27, 2015 10:0 1 pm

allora niente risposte alle mie domande?
frantoiopreiti
Messaggi: 152
Iscritto il: lun dic 10, 2007 6:0 1 pm

Re: Pieralisi DMF e Patè

Messaggioda frantoiopreiti » dom nov 29, 2015 11:0 1 am

Non conosco la DMF, ti posso parlare della Polat, alcuni clienti sono di ritorno da essa, quindi è il giudizio del popolo che devi ascoltare, così come il confronto con la Rapanelli 4750, la M3 Special se "guidata" bene da soddisfazioni e non teme confronti.

Sul due fasi non so ma credo che il DMF potrebbe andare bene ma dovremmo sentire il collega di Arena.

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti