Mini frantoio....quale?

Tipologie di estrazione dell'olio di oliva, Tipologie e rese al quintale. Le varie differenze di estrazione a freddo o a caldo, ciclo continuo, tradizionale ecc.

Moderatori: foxhy, Paoloadm, ruby, torejeo

giac
Messaggi: 9
Iscritto il: gio apr 24, 2014 4:0 1 pm

Re: Mini frantoio....quale?

Messaggioda giac » sab mar 14, 2015 7:0 1 am

Concordo............grazie........a presto... :D
gion73
Messaggi: 1541
Iscritto il: gio dic 30, 2010 4:0 1 pm

Re: Mini frantoio....quale?

Messaggioda gion73 » sab mar 14, 2015 9:0 1 pm

Grazie Sergio ma ci vorrà un bel capannone se vuoi ospitarci tutti.
Sergio Enrietta
Messaggi: 341
Iscritto il: gio nov 22, 2012 8:0 1 pm
Località: Roceja

Re: Mini frantoio....quale?

Messaggioda Sergio Enrietta » sab mar 14, 2015 10:0 1 pm

:D
Uno alla volta, uno alla volta, per carità. :lol:

Diciamo 4 o 5 alla volta, gli altri aspettano il turno. :mrgreen:

Ma non chiamiamo la mia "azienda", perché non lo è, piuttosto: Campo giochi per fortunati, alternativo a crociere, vacanze, ecc. :P
Sergio Enrietta
Messaggi: 341
Iscritto il: gio nov 22, 2012 8:0 1 pm
Località: Roceja

Re: Mini frantoio....quale?

Messaggioda Sergio Enrietta » sab mag 02, 2015 10:0 1 pm

Ho fatto gli assaggi comparati tra l'olio "vermicello" filtrato e quello no, :) la migliore conservazione del filtrato è molto evidente, anzi evidentissima :wink:

Anche quello che era già migliore quest'autunno, se filtrato, ha per me evidenti vantaggi.

Hanno ancora entrambi un marcato colore verde smeraldo. :P

Per quanto mi riguarda tutto l'olio che non verrà consumato nei tre mesi, conterò di filtrarlo senza esitazioni dopo una quindicina di giorni dalla centrifugazione.

Il passo della filtrazione, per me è senza ritorno. :D
Sergio Enrietta
Messaggi: 341
Iscritto il: gio nov 22, 2012 8:0 1 pm
Località: Roceja

Re: Mini frantoio....quale?

Messaggioda Sergio Enrietta » ven ott 02, 2015 8:0 1 am

:P
Allora, intanto le modifiche sono finite, il Frantoino trasformato in una macchina quasi impeccabile :twisted:

Ho installato il mio sistema (Brevettato :mrgreen: ) di raffreddamento del cuscinetto del decanter lato ingresso pasta.

Il calore smaltito dal cuscinetto se ne va in circolazione naturale a scaldare l'acqua del riscaldo gramola.

Il tubo ingresso pasta è sospeso in modo diverso e meno conduttivo di calore residuo del cuscinetto.
Questo lo rende indipendente dalle temperature del cuscinetto stesso.
:D Così finalmente la smetto di rodermi e scottarmi le dita nel toccare il cuscinetto ad ogni momento, e se è caldo preoccuparmi per l'olio che si riscalda. :lol:

Il tutto è già piazzato pronto e collaudato a vuoto, il laboratorio a 24° grazie all'energia solare, sono impaziente per i circa 20 giorni che mancano per le prime Pendolino, a cui seguiranno Maurino, quindi Leccino, e via di seguito, se possibile almeno 4/5 oli li farò in monovarietale.
torejeo
Messaggi: 228
Iscritto il: gio gen 01, 1970 2:0 1 am

Re: Mini frantoio....quale?

Messaggioda torejeo » sab ott 17, 2015 8:0 1 am

Interessante!
Su che tipo di decanter è stato apportato questo brevetto?
GIULIANO LODOLA
Messaggi: 925
Iscritto il: ven ott 31, 2014 2:0 1 pm

Re: Mini frantoio....quale?

Messaggioda GIULIANO LODOLA » sab ott 17, 2015 9:0 1 am

torejeo ha scritto:Interessante!
Su che tipo di decanter è stato apportato questo brevetto?
Il macchinario di Sergio è un Minifrantoio compatto , e credo Sergio dica " Brevetto " sorridendo , per dire che è un suo studio e applicazione di una miglioria che neppure la fabbrica aveva considerato , anche perchè chi acquista un minifrantoio lo fa per il suo piccolo uso e tolte poche eccezioni di cui Sergio è il Genio , chi lo compra lo usa e l'anno successivo si dimentica anche come si usa.
Sergio è quella persona altruista che se ha una miglioria non la tiene per se stesso ma la divulga regalandola al mondo.
Sergio Enrietta
Messaggi: 341
Iscritto il: gio nov 22, 2012 8:0 1 pm
Località: Roceja

Re: Mini frantoio....quale?

Messaggioda Sergio Enrietta » sab ott 17, 2015 11:0 1 pm

torejeo ha scritto:Interessante!
Su che tipo di decanter è stato apportato questo brevetto?
Giuliano esagera nei complimenti però ha ragione circa il "brevetto" per ridere.
Ho un Frantoino TEM, tutti i modelli di questa casa fino a un paio di anni fa avevano lo stesso sistema di reggispinta del cuscinetto del decanter a cono di spiaggiamento lungo.

Questo reggispinta in alluminio dal pieno anche bello esteticamente, aveva però secondo me il difetto di trasmettere il calore sviluppato dal cuscinetto anche al tubo di ingresso pasta, per la sua elevata superficie di scambio.
Questo problema almeno nel mio caso mi dava il risultato che la pasta prima magari subiva una gramolazione troppo fredda, perché il Frantoino non aveva la possibilità di scaldare la gramola, poi entrando nel decanter subiva un brusco aumento della temperatura, forse utile al fine dell'estrazione, ma per me non soddisfacente.
Ho quindi smontato completamente il frantoino, e fatto installare una camicia (intercapedine) per l'acqua di riscaldamento gramola.
Al suo interno una resistenza elettrica a diverse potenze settabili con apposito interruttore, il tutto controllato da termostato.
Al posto del detto reggispinta che era vettore di calore, ne ho installato un altro cavo con alette interne di maggiore superficie di scambio, riempito di acqua, questa per circolazione naturale va calda all'intercapedine della gramola e viene la più fredda presa dal basso della stessa.
Questo accorgimento mi da anche un benefico effetto destratificante dell'acqua nell'intercapedine, cosa già verificata.
Quindi in definitiva ora il calore che prima andava perso o peggio a danno, scaldando tardivamente la pasta, ora va a contribuire al riscaldo e destratificazione dell'acqua attorno alla gramola.
Il tubo ingresso pasta ora è retto da due forcelle in piattina che per lo scarso spessore hanno poca conduttanza.
Ho poi cambiato posizione alla pompa ingresso pasta, riducendo i casi di blocco indebito durante i lavaggi (ogni blocco è almeno una mezz'ora di tempo perso a sbullonare e rimontare, fatto in genere la notte, stanco della giornata e pensando alla successiva che sta arrivando sempre più presto) questa variante mi ha permesso di accorciare il tubo flessibile invio pasta, facendo diminuire di conseguenza gli sprechi di fine lavorazione.

Sono piccolezze, però le une messe con le numerose altre descritte nei post precedenti, mi fanno molto soddisfatto.

Bisogna dire che i nuovi modelli di Frantoino con l'adozione del cono del decanter corto, dovrebbero aver risolto molti dei problemi che il mio ha, credo forse avere il privilegio :twisted: di aver comprato, l'ultimo Frantoino di vecchio modello uscito. Ovviamente niente sapevo della imminente uscita del nuovo modello.

Un collega ha comprato il nuovo modello e appena glielo consegnano corro a verificare se come penso parte dei problemi sono stati risolti.
Se sapessi inserire una foto sarebbe tutto chiaro ma .....
Sergio Enrietta
Messaggi: 341
Iscritto il: gio nov 22, 2012 8:0 1 pm
Località: Roceja

Re: Mini frantoio....quale?

Messaggioda Sergio Enrietta » sab nov 19, 2016 1:0 1 pm

:D
Le olive bucherellate anche se non come nel 2014 che erano solo pelle e ossa, :lol: mi hanno incoraggiato a fare un po' di sperimentazione sul frantoino.

Ho voluto sperimentare un po sulla posizione dei livelli di estrazione dal decanter.
Per i primi anni mi ero limitato a usare il frantoino senza curarmi troppo dei livelli, mi bastava che uscisse l'olio. :twisted:

Ho voluto quest'anno portare i livelli al massimo possibile all'esterno in modo che l'olio all'interno del decanter sia veramente poco.
Questa procedura è un po' più rischiosa per eventuale smelmaggio, direi, però estraendo subito la maggior parte dell'olio, forse si hanno meno possiblità di perdite per trascinamento, forse :?

Non so se ho avuto miglioramenti, però mi ha permesso di verificare alcuni fenomeni "strani" che credo siano dovuti alla migliore pulizia della coclea di estrazione e cono del decanter.

Forse anche perchè le olive erano particolarmente secche rispetto agli scorsi anni, in più io non faccio il lavaggio, sta di fatto che ho dovuto estrarre con portate molto elevate di acqua sul flussimetro.

Le sorprese venivano al momento dello svuotamento dall'olio dal decanter e relativo lavaggio:
Benchè avessi i livelli molto più estratti pur con la massima portata dell'acqua, questa non usciva dai livelli espellendo tutto l'olio ma solo usciva lato sansa.
Questo fatto non mi era mai successo in passato, anzi a volte l'acqua impiegava molto tempo ad uscire lato sansa e subito defluiva lato olio.
La risposta in questo caso è semplice, la coclea di estrazione è intasata quindi l'acqua non passa.

Quella però che per quanto ne immetti non esce dal lato olio mi è successa solo quest'anno, e solo con l'ultima molitura di ieri sera avendo messo i livelli "smodatamente" estratti sono riuscito nell'intento. :| :idea: Forse che quello "smodatamente", non è tanto smodato ma piuttosto la sua giusta posizione? :wink:

In ogni caso il dubbio ormai dovrà pazientare, fino alla raccolta 2017 perchè ho finalmente fatto il lavaggio finale accurato, sia del frantoino che del laboratorio.
claudio88
Messaggi: 2
Iscritto il: mer dic 13, 2017 5:0 1 pm

Re: Mini frantoio....quale?

Messaggioda claudio88 » mer dic 13, 2017 7:0 1 pm

Salve a tutti,
Chiedo scusa ai moderatori se ho postato questa domanda su due argomenti, non so se si possa fare ma speravo di trovare una discussione attiva :D.
Sono nuovo del forum quindi com'è buona regola prima di iniziare mi presento, mi Chiamo Claudio ho 29 anni e posseggo un'azienda agricola nel comune di Canino(VT). Nel mio paese e nel comprensorio di questa parte della tuscia la produzione primaria è di olio extra vergine di oliva "DOP CANINO", dato certificato dal fatto che abbiamo la più grande cooperativa sociale per la macinazione di olio E.V.O. a freddo d'Europa (2016-17 680.000 Q. di olive macinate). Detto questo, per motivi che non sto a spiegarvi mi sono ritrovato a dover gestire l'intera azienda di famiglia, e dopo aver chiesto finanziamenti del PSR, ho deciso di acquistare un frantoio aziendale 5-7qlh per mettermi in propio e imbottigliare il mio olio DOP. Al momento posseggo circa 1000 piante di olive secolari in ottimo stato iscritte a DOP, con la possibilità eventualmente di fare un piccolo conto terzi e arrivare tra amici e conoscenti a macinare olive di c.a 2000 piante come base (non faccio i calcoli in ql/h in questo momento visto che dipendono molto dalle stagioni e da parecchi fattori). Vi dico già che molte delle domande che farò potranno sembrare ai più scontate, ma essendo nuovo nel campo della macinazione per me è ancora un terreno inesplorato e ho bisogno di molte delucidazioni. Partiamo dall'impianto, visto che il PSR prevede anche l'acquisto di macchinari usati, la mia idea era quella di acquistare un impianto usato pieralisi o alfa laval. Ho in mano un preventivo MORITEM per un 3.5 ql/H a 2 fasi senza separatore(loro nn lo usano), che oltre ad essere piccolo, nuovo mi costa sui 60.000€, allora ho pensato che con quella cifra potevo comprarne uno più grande usato, e magari alfa o pieralisi. quindi la prima domanda è:

1)Tenendo presento che voglio puntare tutto o quasi sulla qualità dell'olio a scapito un pò della resa quale frantoio aziendale 5-7ql/h mi consigliate?pensate riesca ad acquistare un frantoio del genere usato sui 50.000€
2)è possibile, e soprattutto è una cosa giusta da fare, assemblare un impianto?(per capirci ad es. gramole alfa laval, decantare pieralisi ecc..) o è sempre meglio avere un impianto della stessa ditta?
3)quello che cercavo io era un alfa oliver 500 ma sono impossibili da trovare usati, oppure ho letto molte belle cose sul decantare super1 pieralisi e quindi su tutto l'impianto che ne consegue sapete dirmi niente a riguardo?
4) vorrei sapere cosa fare se decidessi non solo di lavorare le mie olive, ma anche di fare un piccolo conto terzi? dritte da darmi? adempimenti normativi? metodologie e consigli su come lavorare?
sentitevi liberi di darmi consigli su tutto quello che volete, sono ben accetti, mi sono iscritto per questo :D :D

Grazie mille a chiunque vorrà rispondermi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti