Due metodi di raccolta olive.

I vari metodi di raccolta delle olive utilizzati dagli olivicoltori in Italia e all'estero

Moderatori: foxhy, Paoloadm, ruby, torejeo

GIULIANO LODOLA
Messaggi: 924
Iscritto il: ven ott 31, 2014 2:0 1 pm

Re: Due metodi di raccolta olive.

Messaggioda GIULIANO LODOLA » dom dic 21, 2014 10:0 1 pm

Potevo non mettere il becco in questa discussione che non comporta una esperienza settoriale ma è ragionabile anche soltanto usando il buonsenso? di questo ne ho poco ma ci provo.
Credo da quell'inesperto che sono, che non esiste il metodo migliore nella raccolta delle olive,partendo dal presupposto che se si potessero cogliere come ciliege a due a due e molire immediatamente , si otterrebbe l'olio migliore in assoluto, questo non sarà mai possibile perchè ogni uliveto ha le sue caratteristiche e metodo di raccolta ideale, ideale intendo raccogliere abbastanza correttamente con costi sostenibili che permettono poi di vendere l'olio al prezzo di mercato per la nicchia che ti sei ricavato a seconda della qualità ottenuta.
Asserire che la raccolta a mano è la migliore mette tutti d'accordo per la qualità ottenuta, prova in Puglia a raccogliere chilometri di piantagioni, impossibile,oppure visto che in Puglia hanno tutta l'esperienza in questo settore e perciò da copiare e imbattibili, prova a esportare in toscana o liguria la loro tecnica, impossibile visto il territorio completamente differente.
Questo fa capire come sia personalizzato per ciascuna zona il metodo di raccolta delle olive, non esiste migliore o peggiore ma soltanto quello che puoi scegliere per casa tua e non sia a discapito della media della qualità.
In questi pochi mesi ho visionato centinaia di filmati su youtube sulla raccolta delle olive,sono rimasto sbalordito dalla tecnica che ha preso piede in Puglia e magari anche altri posti ma io ho visto filmati della puglia.
Territorio pianeggiante con ulivi distanziati tra loro in un terreno liscio e pulito, queste caratteristiche permettono a grandi trattori attrezzato appositamente alla raccolta olive, ho visito un grande trattore con un braccio tipo enorme pinza che si avvicinava all'ulivo e lo agguantava a circa un metro da terra nel tronco, allo stesso tempo una enorme tela tipo ala di pippistrello si stendeva avvolgendo tutto intorno la pianta e quando racchiusa da questo mantello gigantesco, la pinza iniziava a scuotere il tronco con relativa caduta delle olive, una persona da sola alla guida di questo mezzo , in mezzo minuto raccoglieva tutto il frutto della pianta senza sciupare le olive, fatto questo, il mantello si ritirava e passava ad altro ulivo, incantato ho guardato più volte questo miracolo dell'ingegno umano, sarebbe da imitare da tutti , visto il risultato, ma non è possibile nei terreni irregolari di montagna o sconnessi o ulivi piantati irregolarmente , queste cose non permettono il movimento di questo mostro, ecco che pur essendo miracolosa è possibile usarla soltanto in alcuni posti.
Se sei in collina o montagna hai soltanto tre metodi per raccogliere, o lo fai amano ma devi essere produttore di nicchia che venderà fuori prezzo, oppure potrai posizionare sotto gli ulivi le reti che trattengono il frutto caduto e qua hai ancora due metodi per completare la caduta, lasci le olive cadere da sole e ogni dati giorni passi a toglierle, ma le olive staranno troppo tempo ad alterarsi dal momento del distacco al momento della molitura, ma in montagna o collina la rete è quasi indispensabile , e per non avere olive stantie potrai mettere le reti e farle cadere sbattendole con fruste manuali elettriche a motore, caduto il frutto lo porti subito via , le reti non le tolgono neppure, fatto il raccolto re arrotolano lungo gli ulivi da ristendere il prossimo anno, poi ho visto chi le faceva cadere a terra naturalmente o sbattute , in terra c'era pulito e con una specie di aspirapolvere le risucchiavano, ma immagino quante ammaccature il frutto riportava e iniziava già ad alterarsi appena raccolte.
E poi c'è la raccolta casalinga che avviene con l'aiuto di tutti i famigliari impiegando giornate di lavoro gratuito.
Dire qual'è il migliore da attuare è perciò impossibile, per ogni tipo di terreno si può usare soltanto quel o quei metodi permessi dalla natura.
E poi c'è anche quel metodo molto riposante di che prende oliacci da tutte le aprti escluso dalla pianta e mischiando colorando deodorando e aromatizzando fanno il migliore olio saporito come pochi naturali ma sofisticando allegramente etichettandoli magari DOP .

Correggetemi dove ho sbagliato
Giuliano
gion73
Messaggi: 1541
Iscritto il: gio dic 30, 2010 4:0 1 pm

Re: Due metodi di raccolta olive.

Messaggioda gion73 » lun dic 22, 2014 12:0 1 pm

hai analizzato per bene tutti metodi.
Qual è il migliore? sicuramente quello che garantisce che dopo la caduta delle olive dall'albero il prodotto sia già sulla strada del frantoio.

Metodi che prevedono la raccolta cascolante da sulle reti non sono l'ideale, l'olivo anche se giace sulla rete per poco tempo prende difetti (quando si dice che l'olio si sente di rete, perché anche quella ammuffisce e trasmette odori cattivi).

Per brucatura? si ok. ma è lenta, e l'olivo si danneggia e si graffia, con gli scuotitori a pettini? stessa cosa si rompe e si buca. Ma anche se dovessero succedere questi episodi non significa che il prodotto è già difettoso. Bisogna analizzare questi fattori collegandoli a quelli che saranno i tempi di trasformazione, perché anche un prodotto sano se non trasformato in tempo restituisce i suoi problemi.

Ecco perché ti dico che per fare olio buono serve un prodotto buono.

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite