Pagina 1 di 1

fatturazione olio di molenda

Inviato: lun feb 24, 2014 5:0 1 pm
da domenicos
un frantoio che lavora per conto terzi con pagamento in olio di molenda, quali documenti fiscali deve emettere per regolarizzare il tutto soprattutto se si tratta di piccoli produttori senza partita iva? Nei confronti di quest'ultimi non è possibile fare l'autofattura, se viene emessa ricevuta fiscale si deve applicare l'iva e quindi pagarla sia in questa sede che al momento della successiva vendita dell'olio al grossista. Mi sembra troppo penalizzante e soprattutto incostituzionale "DIVIETO DI DOPPIA IMPOSIZIONE". Se qualcuno ha idea di un metodo diverso gli sarei grato se me lo suggerisse.

Re: fatturazione olio di molenda

Inviato: mar feb 25, 2014 12:0 1 pm
da gion73
Hai posto un bel quesito.
Ma credo che ti stai creando un dubbio inesistente.
Effettivamente (contabilmente parlando) dovresti far figurare che le tue prestazioni di molitura sono state pagate parte in denaro, parte con rilascio di olio di molenda.
Per il Sian non ci sarebbero problemi in quanto è prevista tale possibilità.
Dal punto di vista contabile potresti rilasciare fattura evidenziando la prestazione totale e sottraendo all'interno della stessa il corrispettivo non incassato per corresponsione di olio di molenda (in questo modo non incorri in una discrasia del tuo conto cassa).
Il problema nasce sul come giustificare in quel momento il "costo sospeso" ossia quella rimanenza di merce che genererà ricavi futuri.
La soluzione potrebbe essere quella di autofatturare l'olio acquisito in molenda e non ci sono difficoltà se i soggetti sono produttori agricoli in regime di esonero (anche se costoro potrebbero autonomamente emettere fattura).
In questo caso, dovresti emettere fattura di prestazioni senza decurtare dal totale da pagare l'olio di molenda, ma compensare semplicemente fra "dare e avere" le due partite.
Ora, se abbiamo a che fare con soggetti non titolari di partita iva ovviamente il problema è più drammatico, ma dato che nessuno ti vieta di stilare un documento dove acquisti l'olio dal privato, questa potrebbe essere una soluzione.
domenicos ha scritto:un frantoio che lavora per conto terzi con pagamento in olio di molenda, quali documenti fiscali deve emettere per regolarizzare il tutto soprattutto se si tratta di piccoli produttori senza partita iva? Nei confronti di quest'ultimi non è possibile fare l'autofattura, se viene emessa ricevuta fiscale si deve applicare l'iva e quindi pagarla sia in questa sede che al momento della successiva vendita dell'olio al grossista. Mi sembra troppo penalizzante e soprattutto incostituzionale "DIVIETO DI DOPPIA IMPOSIZIONE". Se qualcuno ha idea di un metodo diverso gli sarei grato se me lo suggerisse.

Re: fatturazione olio di molenda

Inviato: mar feb 25, 2014 5:0 1 pm
da marcomdd
Non ho capito se hai elencato due possibilità diverse o meno. Puoi spiegare meglio.

Re: fatturazione olio di molenda

Inviato: gio feb 27, 2014 12:0 1 pm
da marcomdd
Gion sei entrato in silenzio stampa ?

Re: fatturazione olio di molenda

Inviato: gio feb 27, 2014 2:0 1 pm
da domenicos
Il problema rappresentato è di natura prevalentemente fiscale. Ribadisco che il frantoio effettua moliture conto terzi a favore di piccoli produttori che pagano il corrispettivo esclusivamente con olio di molenda. Molti di questi produttori non sono titolari di partita iva quindi, nei confronti di questi non può essere emessa autofattura( con iva che si neutralizza), ma bisogna emettere ricevuta fiscale con iva. Fin qui nulla questio, ma quando successivamente vado a vendere tutto l'olio al grossista devo emettere fattura con relativa iva pagando così l'imposta per due volte sullo stesso prodotto. Spero di essere stato chiaro, buona giornata.

Re: fatturazione olio di molenda

Inviato: gio feb 27, 2014 3:0 1 pm
da marcomdd
domenicos ha scritto:Il problema rappresentato è di natura prevalentemente fiscale. Ribadisco che il frantoio effettua moliture conto terzi a favore di piccoli produttori che pagano il corrispettivo esclusivamente con olio di molenda. Molti di questi produttori non sono titolari di partita iva quindi, nei confronti di questi non può essere emessa autofattura( con iva che si neutralizza), ma bisogna emettere ricevuta fiscale con iva. Fin qui nulla questio, ma quando successivamente vado a vendere tutto l'olio al grossista devo emettere fattura con relativa iva pagando così l'imposta per due volte sullo stesso prodotto. Spero di essere stato chiaro, buona giornata.
scusa ma quando tu ricevi l'olio pagandolo a loro non sono questi che ti devono corrispondere in più l'IVA ?

Re: fatturazione olio di molenda

Inviato: gio feb 27, 2014 3:0 1 pm
da gion73
No, no, sono presente, ma pensavo di aver dato la soluzione anche se effettivamente non immaginavo di sollevare dei dubbi..
Il caso è concreto e di non facile soluzione.
Il fatto è che la cosa più logica sarebbe quella di convincere quei produttori a dotarsi di partita iva e dato che gli stessi rientrerebbero tranquillamente in un regime di esonero (che vale per operazioni inferiori a 7.000 euro), non avrebbero nemmeno obblighi di adempimenti fiscali.
Di contro, attraverso l'emissione di autofattura, si potrebbe: 1) giustificare quell'olio in entrata come costo per acquisto di merce, 2) evitare quella ingiustificata imposizione fiscale.
Se non fai in questa maniera non c'è soltanto una doppia imposizione fiscale, ma nasce il problema di giustificare fiscalmente cosa stai vendendo, in quanto non potresti nemmeno a fine esercizio giustificare eventuali rimanenze di merce.
In realtà, in questi giorni stavo riflettendo, su un'altra soluzione che prevedesse: l'emissione della fattura evidenziando nell'imponibile l'intero valore di prestazione di molitura e subito evidenziare come pagamento in natura quella parte di prestazione non incassata corrispondente al quantitativo di olio rilasciato per molenda (da giustificare come costo).
In questa maniera, contabilmente si potrebbe giustificare come ricavo l'intero valore della prestazione, e come costo il controvalore non incassato (da posrtare come merce).
La vendita futura di tali beni avrà a monte la giustificazione dell'acquisto.
In realtà, i pagamenti di prestazioni con scambio di beni in natura è una cosa consentità dalla legge.

Re: fatturazione olio di molenda

Inviato: mar mar 04, 2014 11:0 1 am
da domenicos
Grazie gion73, i consigli sono validi ma rimane il problema della doppia imposizione iva perché comunque sia il piccolo produttore senza partita iva non può emettere fattura né tantomeno può essere emessa nei suoi confronti autofattura. Pertanto devo pagare l'iva sia al momento della molitura emettendo ricevuta fiscale per il valore della prestazione (anche se con pagamento in natura) che quando rivendo tutto l'olio al grossista.Ciao