Imu sui terreni Agricoli

Discussione su tematiche amministrative, regolamenti, rifermanti legislativi, consigli sulla corretta amministrazione di un frantoio oleario ecc.

Moderatori: Paoloadm, ruby, torejeo

gion73
Messaggi: 1541
Iscritto il: gio dic 30, 2010 4:0 1 pm

Re: Imu sui terreni Agricoli

Messaggioda gion73 » lun gen 26, 2015 6:0 1 pm

Perché gli altri cosa fanno?
spago ha scritto:trovo però "vagamente giusto" il principio che chi cura il territorio (coltivatori, IAP ecc.) paghi di meno.
Stanno facendo passare la volontà a tutti, e dire che tempo fa esistevano i cantonieri, pagati dallo stato. Oggi quelli non ci sono e le strade con relative pulizie di erbacce, o la pulizia dei canali (oramai abbandonati) sono a carico dei confinanti dei terreni.

Altro che salvaguardia contro incendi e allagamenti.
torejeo
Messaggi: 221
Iscritto il: gio gen 01, 1970 2:0 1 am

Re: Imu sui terreni Agricoli

Messaggioda torejeo » mer gen 28, 2015 4:0 1 pm

Il decreto legge (n.5/2015) approvato dal Governo per risolvere il problema dell'Imu agricola ha cambiato nuovamente i parametri, prevedendo che i pagamenti siano regolati sulla base della «classificazione sintetica» dei Comuni elaborata dall'Istat. La scadenza per i proprietari colpiti dall'imposta secondo i nuovi parametri è fissata al 10 febbraio, ma una clausola di salvaguardia evita questo obbligo a chi sarebbe stato esente in base al parametro altimetrico (basato sull'altitudine al centro del Comune) previsto dal Governo a novembre e ora cancellato dal nuovo provvedimento. Per orientarsi in questo dedalo di regole, è necessario conoscere la condizione di ogni Comune.
Articolo di Saverio Fossati e Gianni Trovati - Il Sole 24 Ore - leggi su http://24o.it/pYgA87

Ecco l'elenco completo dei Comuni >> http://www.ilsole24ore.com/pdf2010/Edit ... agr-ok.pdf
spago
Messaggi: 133
Iscritto il: dom mar 09, 2014 5:0 1 pm

Re: Imu sui terreni Agricoli

Messaggioda spago » mer gen 28, 2015 10:0 1 pm

ottimo contributo ! la mia situazione personale continua ad essere la stessa. nei miei terreni quasi confinanti, ma appartenenti a due comuni diversi, pago l'IMU in un comune solo
Sergio Enrietta
Messaggi: 341
Iscritto il: gio nov 22, 2012 8:0 1 pm
Località: Roceja

Re: Imu sui terreni Agricoli

Messaggioda Sergio Enrietta » ven gen 30, 2015 12:0 1 am

Secondo me un'equa tassa su TUTTI i terreni sarebbe logica.
Ovviamente nessuna dichiarazione si dovrebbe fare, il comune o chi per esso invia le cartelle e i proprietari pagano senza altri intermediari di sorta.

A chi non coltiva i terreni lasciandoli all'abbandono in attesa che acquistino valore e quindi fare "l'affare", all'occasine venuta,( "tanto ne mangiano ne bevono" al più aumentano di valore, :evil: bloccando così oltre alla propria iniziativa anche quella di altri che li valorizzerebbero,) applicherei la tariffa doppia, in modo che "mangino e bevano a spese dello scroccone improduttivo". :mrgreen:

PS Al momento pare dovrei essere esente per territorio montano, in ogni caso se dovrò pagare vedrò di adeguarmi senza tanti mugugni, o meglio dipenderà da quanto richiesto. :mrgreen:
gion73
Messaggi: 1541
Iscritto il: gio dic 30, 2010 4:0 1 pm

Re: Imu sui terreni Agricoli

Messaggioda gion73 » ven gen 30, 2015 5:0 1 pm

Si d'accordo eliminiamo pure gli intermediari di sorta, tanto non ci guadagnano niente.

In un'anno completo da gennaio 2014 a gennaio 2015 L'Imu ha avuto ben 5 appuntamenti di scadenza.
Parallelamente la tasi 4.

Ogni due mesi gli intermediari che tu citi stanno di testa sulle anagrafiche dei terreni e fabbricati.

Vabbè tanto o saranno abituati oppure sono sodomiti.

Ma la cosa che mi interesserebbe sapere è rimasto ancora qualcosa da poter tassare? ecco perché la finanza è in crisi non stanno lasciando più niente.

Sembra che ogni cosa in Italia sia ideale per la tassazione ogni cosa si infila facilmente nei meandri del diritto tributario. Che bello pagare l'Imu sulla terra, ossia l'unica cosa che non saremmo mai in grado di creare.
SergioE ha scritto:Secondo me un'equa tassa su TUTTI i terreni sarebbe logica.
Ovviamente nessuna dichiarazione si dovrebbe fare, il comune o chi per esso invia le cartelle e i proprietari pagano senza altri intermediari di sorta.

A chi non coltiva i terreni lasciandoli all'abbandono in attesa che acquistino valore e quindi fare "l'affare", all'occasine venuta,( "tanto ne mangiano ne bevono" al più aumentano di valore, :evil: bloccando così oltre alla propria iniziativa anche quella di altri che li valorizzerebbero,) applicherei la tariffa doppia, in modo che "mangino e bevano a spese dello scroccone improduttivo". :mrgreen:

PS Al momento pare dovrei essere esente per territorio montano, in ogni caso se dovrò pagare vedrò di adeguarmi senza tanti mugugni, o meglio dipenderà da quanto richiesto. :mrgreen:
Sergio Enrietta
Messaggi: 341
Iscritto il: gio nov 22, 2012 8:0 1 pm
Località: Roceja

Re: Imu sui terreni Agricoli

Messaggioda Sergio Enrietta » ven gen 30, 2015 7:0 1 pm

gion73 ha scritto:....................................

Sembra che ogni cosa in Italia sia ideale per la tassazione ogni cosa si infila facilmente nei meandri del diritto tributario. Che bello pagare l'Imu sulla terra, ossia l'unica cosa che non saremmo mai in grado di creare.
.........................
SergioE ha scritto:Secondo me un'equa tassa su TUTTI i terreni sarebbe logica.
Ovviamente nessuna dichiarazione si dovrebbe fare, il comune o chi per esso invia le cartelle e i proprietari pagano senza altri intermediari di sorta.

A chi non coltiva i terreni lasciandoli all'abbandono in attesa che acquistino valore e quindi fare "l'affare", all'occasine venuta,( "tanto ne mangiano ne bevono" al più aumentano di valore, :evil: bloccando così oltre alla propria iniziativa anche quella di altri che li valorizzerebbero,) applicherei la tariffa doppia, in modo che "mangino e bevano a spese dello scroccone improduttivo". :mrgreen:

....................................
Proprio perché l'unica risorsa che non possiamo creare, andrebbe gestita con estrema oculatezza.

Oggi sono TANTISSIMI che non coltivano più i terreni acquisiti o di famiglia, non li vendono a chi vorrebbe lavorarli, e col fatto che non ci pagano su niente, li tengono di scorta in attesa che il loro valore aumenti.

La terra deve andare a chi ha voglia di lavorarla e non allo speculatore di turno, oppure no?

Se si deve risollevare l'economia di un paese che è sempre meno manifatturiero, resta la corretta gestione del territorio, se però questi è fermo in attesa che aumenti il valore lo stato cosa fa? Aspetta che i proprietari rinsaviscano?

Oppure magari tassando i terreni non coltivati e riducendo di converso il carico fiscale a chi lavora, ricreare un equilibrio più equo e efficiente?

Altro discorso è quello più realistico che questi tassa sia gli uni che gli altri per mantenere le inefficienze :x :evil:

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti