Conservazione dell'olio extravergine di oliva

Discussioni su varietà, qualità, costi di produzione, coretta conservazione dell'olio extravergine di oliva ecc.

Moderatori: Paoloadm, foxhy, torejeo, ruby

Paolo
Site Admin
Messaggi: 96
Iscritto il: mar gen 09, 2007 4:0 1 pm

Conservazione dell'olio extravergine di oliva

Messaggioda Paolo » mar gen 16, 2007 9:0 1 pm

Discussione aperta..
Quali consigli?
Quali contenitori usare?
La temperatura ideale?
ecc...ecc...
xfiles
Messaggi: 13
Iscritto il: lun lug 16, 2007 11:0 1 am

Re: Conservazione dell'olio extravergine di oliva

Messaggioda xfiles » lun lug 16, 2007 11:0 1 am

[quote="admin"]

Quali contenitori usare? sinceramente i vasi di terracotta, credo che essi conservano l'olio meglio del vetro.
La temperatura ideale? tra i 14 e i 18 gradi, possibilmente ridurre lo spazio tra l'olio e il coperchio del contenitore, infatti l'ossigeno è l'indiziato numero 1 per l'ossidazione dell'olio.
nikinik
Messaggi: 18
Iscritto il: gio lug 24, 2008 10:0 1 am

il miglior modo per conservare gli oli extra vergini

Messaggioda nikinik » gio lug 24, 2008 11:0 1 am

Il modo migliore per conservare l'olio è in bottiglie di vetro piccole dimensioni e ben sigillate. Consiglio di travasare subito tutto il contenuto di contenitori più grandi in piccole bottiglie di vetro scuro (max 500 ml) in modo che il contatto fra olio e ossigeno sia molto limitato. Le bottiglie devono essere nuove o ben lavate e ben asciutte (perche anche l'acqua genera una fermentazione che rovina l'olio). Poi bisogna conservare le bottiglie in un luogo fresco e buio (e non, come si fa spesso, in cucina, magari nei ripiani alti dove finiscono tutti i vapori ed il calore della cucina stessa). Così si preserva ad ogni bottiglia, la freschezza dell'olio. Consiglio poi di non fare scorta di olio prima di febbraio, perchè così si eviterà di avere per molto tempo, dell'olio dell'anno precedente.
I contenitori grandi, man mano che si svuotano lasiano una grande quantità di aria a contatto con l'olio e l'olio irrancidisce presto.
marcomdd
Messaggi: 1975
Iscritto il: gio gen 01, 1970 2:0 1 am
Località: (RM)

Re: il miglior modo per conservare gli oli extra vergini

Messaggioda marcomdd » sab lug 26, 2008 7:0 1 am

nikinik ha scritto: Consiglio poi di non fare scorta di olio prima di febbraio, perchè così si eviterà di avere per molto tempo, dell'olio dell'anno precedente.
Ciao,

scusami ma avvenendo l'acquisto di anno in anno , indipendentemente dal mese di acquisto, ci sarà sempre un periodo in cui l'olio sarà vecchio di quasi un anno. Mi sbaglio ? E poi il contenuto di acidità di un olio prodotto a febbraio non è superiore a quello di un olio prodotto ad Ottobre ?

Mi puoi chiarire le idee ?

Grazie,
marco
nikinik
Messaggi: 18
Iscritto il: gio lug 24, 2008 10:0 1 am

contenitori olio

Messaggioda nikinik » lun lug 28, 2008 8:0 1 am

Buongiorno,
Per rispondere alla tua:
indipendentemente dal mese di acquisto, ci sarà sempre un periodo in cui l'olio sarà vecchio di quasi un anno. Mi sbaglio ?
intendevo dire che acqustando una grossa scorta di olio nei mesi di poco precedenti la produzione del nuovo olio (produzione che avviene per la maggior parte da novembre/dicembre a febbraio), poichè l'olio che si sarà acquistato sarà stato prodotto già quasi un anno prima, si rischia di continuare a consumare olio vecchio per parecchi mesi quando gia c'è invece olio nuovo prodotto. Se invece si fa scorta a febbraio/marzo si è sicuri di avere olio fresco. E' evidente che comunque verso dicembre si consumerà ancora olio che avra 10 11 mesi sulle spalle, ma sarà quasi teminato.
Per quanto riguarda l'acidità dell'olio:
E poi il contenuto di acidità di un olio prodotto a febbraio non è superiore a quello di un olio prodotto ad Ottobre ?
Normalmente è così, ma molto dipende dalle zone di produzione e da come maturano le olive. Normalmente le olive arrivano al giusto grado di invaiatura più precocemente in zone dove fa un po' più freddo e dopo dove fa più caldo.
In ogni caso a febbraio bisognerà comunque acquistare un olio con bassa acidità. Quest'olio sarà magari stato prodotto a ottobre, ma conservato in posture o cisterne dove l'olio si conserva meglio. Suggerivo febbraio perchè a febbraio i giochi sono quasi del tutto fatti. L'olio vecchio è finito e si è sicuri che quello che si acquista sarà olio nuovo. Poi secondo me ottobre è un po prematuro in linea di massima. I produttori sono spinti a raccogliere olive ancora troppo verdi a causa del fatto che c'è questa moda del "novello", e quindi in quel piccolo periodo le olive vengono pagate di più. Ma è secondo me una abbitudine sbagliata in quanto gli oli prodotti con quelle olive saranno troppo amari e piccanti e avranno unn fruttato disarmonico ed incompleto. Uno o due mesi dopo si otterrebbe un olio, che magari avrebbe una acidità leggermente superiore (0,3 invece di 0,16) ma che avrebbe tutto un altro flavor.
nello.pedone
Messaggi: 1
Iscritto il: sab mar 07, 2009 12:0 1 pm

Re: Conservazione dell'olio extravergine di oliva

Messaggioda nello.pedone » sab mar 07, 2009 12:0 1 pm

Ho comprato l'anno scorso dell'olio extra vergine da un frantoio di un agriturismo in Toscana, che dopo averlo assaggiato mi era particolarmnete piaciuto perchè praticamente privo di quel gusto acido della maggior parte degli oli extra vergine.
Ma mi è sorto un dubbio sulla bontà della verginità quando quest'inverno l'olio, tenuto nello sgabuzzino sul balcone(scrivo dalla provincia di torino dove la temperatura arrivo a 3-5° in quell'ambiente) non ha fatto quelle tipiche bolle di ghiaccio che gli altri oli extra vergine fanno.
E' normale? O è miscelato con oli di semi, visto il gusto poco acido?
Devo fare o meno un nuovo ordine?
marcomdd
Messaggi: 1975
Iscritto il: gio gen 01, 1970 2:0 1 am
Località: (RM)

Re: Conservazione dell'olio extravergine di oliva

Messaggioda marcomdd » sab mar 07, 2009 12:0 1 pm

E' molto strano che a quelle temperature nn si sia gelato, sei certo che le abbia raggiunte ?
reposti69
Messaggi: 134
Iscritto il: ven set 21, 2007 12:0 1 pm

Re: Conservazione dell'olio extravergine di oliva

Messaggioda reposti69 » sab mar 07, 2009 1:0 1 pm

nello.pedone ha scritto:Ho comprato l'anno scorso dell'olio extra vergine da un frantoio di un agriturismo in Toscana, che dopo averlo assaggiato mi era particolarmnete piaciuto perchè praticamente privo di quel gusto acido della maggior parte degli oli extra vergine.
Ma mi è sorto un dubbio sulla bontà della verginità quando quest'inverno l'olio, tenuto nello sgabuzzino sul balcone(scrivo dalla provincia di torino dove la temperatura arrivo a 3-5° in quell'ambiente) non ha fatto quelle tipiche bolle di ghiaccio che gli altri oli extra vergine fanno.
E' normale? O è miscelato con oli di semi, visto il gusto poco acido?
Devo fare o meno un nuovo ordine?
Molto strana questa cosa! prova a mettere una bottiglia nel frigo.
Un vero extravergine di oliva 100% deve fare le tipiche bolle di ghiaccio.
Il fenomeno del congelamento dell'olio extravergine di oliva inizia quando la temperatura scende al di sotto dei 10 °C, a questa temperatura inizia la cristallizzazione dei trigliceridi, innanzi tutto di quelli più saturi e poi via via quelli sempre più insaturi; se raggiunge temperature inferiori ai 4-5 °C l'olio si solidifica o "gela".
Gianluca
Messaggi: 1
Iscritto il: lun giu 22, 2009 5:0 1 pm

Re: Conservazione dell'olio extravergine di oliva

Messaggioda Gianluca » lun giu 22, 2009 5:0 1 pm

Salve,leggendo le vostre discussioni mi sono chiesto se e' possibile conservare per un periodo piu lungo di un anno,dell'olio conservato a basse temperature,senza perdere la qualita' del prodotto..
Chiedo scusa per la domanda forse azzardata....
Gianluca.
Patty
Messaggi: 3
Iscritto il: mer giu 25, 2008 3:0 1 pm
Località: Polpenazze del Garda (Bs)

Re: Conservazione dell'olio extravergine di oliva

Messaggioda Patty » mar giu 30, 2009 3:0 1 pm

ciao a tutti, mi chiamo Patrizia e sono iscritta a frantoionline da circa un anno... ora sono felice di trovare un po' di tempo per partecipare anche alle vs. interessanti discussioni. Sul tema conservazione io per esempio l'olio lo conservo in contenitori di acciaio sotto corrente di azoto, in questo modo conservo inalterate nel tempo le qualità organolettiche del prodotto ed ogni volta che lo imbottiglio per la vendita, l'olio è sempre fresco come fosse appena stato prodotto.

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti