Inchiesta: "La Mafia dell'Olio" - Repubblica.it

Discussioni su varietà, qualità, costi di produzione, coretta conservazione dell'olio extravergine di oliva ecc.

Moderatori: Paoloadm, foxhy, torejeo, ruby

nikinik
Messaggi: 18
Iscritto il: gio lug 24, 2008 10:0 1 am

Re: Inchiesta: "La Mafia dell'Olio" - Repubblica.it

Messaggioda nikinik » ven dic 30, 2011 2:0 1 pm

Ciao Riky,
parliamo di prezzi
partiamo dal presupposto che oggi si possa acquistare olio extra vergine spagnolo organoletticamente da 6,5 a 290 peseta cioè €1,87 arrivo (costi di trasporto € 0,13 al kg) abbiamo:
olio al kg € 1,87
olio al litro € 1,712
costo bottiglia € 0,19
costo tappo € 0,0225
costo etichetta € 0,023
oneri finanziari € 0,024
costi di produzione € 0,21


totale € 2,1815 (olio comunitario)

se si vende senza marginare niente alla distribuzione e poi la distribuzione ci mette del suo con sottocosti e decidere di perdere sull'olio per richiamare consumatori il gioco è fatto.
Sono d'accordo con te sul fatto che ciò non sia sano per nessuno, ma di qui a parlare di mafia ce ne passa. E poi parlando dell'intero settore bisognerebbe fare un inchiesta suglia aiuti alla produzione che sono soldi europei e che vengono dati ai produttori sulla base di una produzione stimata di 550.000 tonnellate prodotte dall'Italia, valore che è più del doppio della reale produzione Italiana. E questa è una vera e propria truffa alla comunità europea. Da qui poi nascono anche le carte di prodotto Italiano. Quando invece la Spagna in maniera molto trasparente dichiara la sua reale produzione che è realmente di 1.400.000 tonnellate.
testiori
Messaggi: 23
Iscritto il: mar lug 24, 2007 7:0 1 pm

Re: Inchiesta: "La Mafia dell'Olio" - Repubblica.it

Messaggioda testiori » ven dic 30, 2011 2:0 1 pm

Comunque la si mette questa storia non fa bene a nessuno.
Cina Shanghai, mette sotto inchiesta l’Italia per l’olio d’oliva considerato adulterato.
http://www.baresinelmondo.it/index.php/ ... a-su-olio/
mikele
Messaggi: 23
Iscritto il: ven dic 26, 2008 10:0 1 pm

Re: Inchiesta: "La Mafia dell'Olio" - Repubblica.it

Messaggioda mikele » ven dic 30, 2011 7:0 1 pm

""E poi parlando dell'intero settore bisognerebbe fare un inchiesta suglia aiuti alla produzione che sono soldi europei e che vengono dati ai produttori sulla base di una produzione stimata di 550.000 tonnellate prodotte dall'Italia, valore che è più del doppio della reale produzione Italiana. E questa è una vera e propria truffa alla comunità europea.""

bravissimo questo è il punto! ci sono persone che percepiscono aiuti comunitari per oliveti che non hanno prodotto mai nemmeno un kg di olio,è normale?cioè,gente che negli anni del modello F dichiarava produzioni esorbitanti dalle proprie piante di olivo e ora gode dei "frutti"...questa è la gente che fa danno ,che non valorizza il prodotto,che fa perdere a tutti...ora però con la nuova IMU mi sa che qualcosa cambierà;in peggio? in meglio? non so,ma cambierà
boston90
Messaggi: 37
Iscritto il: sab mag 21, 2011 11:0 1 am

Re: Inchiesta: "La Mafia dell'Olio" - Repubblica.it

Messaggioda boston90 » dom gen 01, 2012 8:0 1 pm

Forse la colpa nn è solo dei produttori, dal modello F ci campava l intero comparto in particolare i frantoiani che ci speculavano sopra...
mikele
Messaggi: 23
Iscritto il: ven dic 26, 2008 10:0 1 pm

Re: Inchiesta: "La Mafia dell'Olio" - Repubblica.it

Messaggioda mikele » mar gen 03, 2012 4:0 1 pm

specialmente i frantoiani ,però non è affatto giusto che oggi l'intero comparto sta andando in rovina
foxhy
Messaggi: 138
Iscritto il: mar gen 09, 2007 9:0 1 pm

Re: Inchiesta: "La Mafia dell'Olio" - Repubblica.it

Messaggioda foxhy » sab gen 07, 2012 2:0 1 pm

Prima di sparare a raffica è opportuno aspettare i prosegui di questa inchiesta un po traballante, nel frattempo vi invito a leggere questo articolo di Luigi Caricato.
http://www.teatronaturale.it/strettamen ... -oliva.htm
nikinik
Messaggi: 18
Iscritto il: gio lug 24, 2008 10:0 1 am

Re: Inchiesta: "La Mafia dell'Olio" - Repubblica.it

Messaggioda nikinik » lun gen 09, 2012 3:0 1 pm

foxhy ha scritto:Prima di sparare a raffica è opportuno aspettare i prosegui di questa inchiesta un po traballante, nel frattempo vi invito a leggere questo articolo di Luigi Caricato.
http://www.teatronaturale.it/strettamen ... -oliva.htm
Condivido pienamente l'articolo di Luigi Caricato. Aggiungerei che per quanto riguarda la famosa "inchiesta" del filosofo Berizzi, dovrebbero concedergli il Nobel per aver scoperto una fonte di energia pulita e rinnovabile e per giunta economica come l'olio di oliva a € 0,1 al kg. Una persona di media cultura sa bene che anche l'olio di semi meno pregiato costa più di 1 € al kg all'ingrosso. Se l'olio andaluso, extra vergine o anche lampante che fosse, costasse come scrive il Berizzi 0,5€ al kg sarebbe molto più economico convertire tutti i nostri impianti di riscaldamento, o costruire un motore che funzionasse ad olio di oliva. Eureka!!
Coldiretti e unaprol ci stanno strumentalizzando. Ai giornali interessa solo vendere di più con titoli di effetto e a coldiretti solo di mettere le mani sui finanziamenti e mantenere le proprie poltrone. E così facendo danneggiano l'immagine dell'Italia, ma non importa, tanto domani gireranno di nuovo la frittata.
nikinik
Messaggi: 18
Iscritto il: gio lug 24, 2008 10:0 1 am

Re: Inchiesta: "La Mafia dell'Olio" - Repubblica.it

Messaggioda nikinik » lun gen 09, 2012 6:0 1 pm

Di seguito un intervista a Massimo Gargano, presidente dell'unaprol, pubblicato sul portale olive oil times, dal quale si capisce un pò di più sui reali motivi di questo attacco altrimenti insensato attraverso articoli come quello di Berizzi. Nell'articolo si parla di alchil esteri e della intenzione da parte di unaprol di abbassare il limite di questi a 20-30 contro i 75 attuali. Ma si dice anche che l'articolo intitolato "Una investigazione trova muffa in 4 bottiglie su 10 di olio in vendita" è stato fatto per promovere il progetto " geniusolei" di coldiretti- unaprol- symbola.

http://www.oliveoiltimes.com/olive-oil- ... gano/23777

Se poi andiamo ad approfondire il progetto Geniusolei promuove un consorzio denominato " extravergine i.o.o." dell'unaprol. Vedi il link seguente:

http://www.100hq.it/dblog/articolo.asp?articolo=314

Vedi anche:

http://www.extravergineioo.com/

E se poi andiamo a vedere il capitolato qulaitativo sul sito http://www.extravergineioo.com, addirittura si parla di alta qualità (provate voi comuni mortali a scrivere su una etichetta "alta qualità") e non c'è nemmeno un limite sugli alchil esteri!!

In ogni caso è svelato l'arcano. Questi articoli non sono ne più ne meno che un modo, altamente scorreto e nocivo, per farsi pubblicità sfruttando i propri potenti legami con le istituzioni e i media.
nikinik
Messaggi: 18
Iscritto il: gio lug 24, 2008 10:0 1 am

Re: Inchiesta: "La Mafia dell'Olio" - Repubblica.it

Messaggioda nikinik » mar gen 10, 2012 11:0 1 am

altro ancora bolle in pentola. I punti vendita di coldiretti! (vedi il link sotto) Ma è un flop come tutti gli altri.

http://www.campagnamica.it/

Trovo sconcertante come queste manovre scorrette che sono sotto gli occhi di tutti non siano contestate in alcun modo. Quando a questi signori non interessa altro che mantenere su il baraccone composto da Unaprol Coldiretti e il Mipaf stesso. Di noi operatotri del settore e del destino stesso del settore oleicolo in Italia a questi signori non interessa un bel niente, perche sono "politicanti" non imprenditori!
riky
Messaggi: 45
Iscritto il: lun apr 11, 2011 9:0 1 pm

Re: Inchiesta: "La Mafia dell'Olio" - Repubblica.it

Messaggioda riky » gio gen 12, 2012 9:0 1 pm

nikinik ha scritto:Tutto falso...Una inchiesta che si fregi di tale nome deve dare dei dati attendibili, e citarne le fonti. Qui non c'è ne ombra e molti dati sono di pura fantasia e altri imprecisi. Come fate a dare credito a un articolo del genere. Eppure siamo tutti operatori della filiera. Ancora mi tirate fuori dal cilindro questioni degli anni '50. Poi delle truffe, per il principio dello sbatti il mostro in prima pagina, viene sempre data la notizia e mai la smentita. In Italia non esiste una forma di informazione autorevole tranne forse il sole24ore. Bisognerebbe che noi operatori andassimo a vedere con i nostri occhi le colture super-intensive in Spagna, come producono in Grecia, in Tunisia ecc. Vedremmo che l'olio si fa dalle olive anche li e spesso sono extra vergini molto buoni. Ciao a tutti
OK! ci vogliono i nomi dei falsari ma come si giustificano questi dati diffusi da Coldiretti e non solo:
in Italia si producono in media 500mila tonnellate di olio di oliva che per il 60% è venduto come extravergine per un totale di circa 300mila tonnellate. Di queste, quasi un terzo per un totale di 100mila tonnellate sono destinate all’autoconsumo e alle vendite dirette. L’Italia è il principale importatore mondiale di olio di oliva per un totale di 470 mila tonnellate all’anno che vengono spesso miscelate alla produzione nazionale e alimentano i consumi nazionali di 700mila tonnellate e le esportazioni di circa 250mila tonnellate all’anno. La produzione nazionale si concentra in Puglia (35%), Calabria (33%), Sicilia (8%), Campania (6%), Abruzzo (4%), Lazio (4%), Toscana (3%) e Umbria (2%). Sono 42 – conclude la Coldiretti – gli oli italiani a denominazione di origine riconosciuti dall’Unione Europea.
Qui puzza di olio mal fritto il consumatore vuole la verità
Leggete anche questa notizia:
http://www.helpconsumatori.it/?p=38295

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 8 ospiti