Spagna: 485.000 tonnellate di olio di oliva in giacenza

La SPAGNA dispone 485.000 tonnellate di olio di oliva in giacenza a meno di due mesi dall'inizio della nuova Campagna Olearia


Le vendite di agosto sono state di circa 105.000 tonnellate, che confermano le previsioni di vendita già anticipate dall'organizzazione agraria ASAJA-Jaén negli ultimi mesi: "un dato sufficiente, ma non preoccupante"

ASAJA-Jaén ritiene che le vendite di olio di oliva nel mese di agosto, di 105.000 tonnellate, soddisfino le previsioni che l'organizzazione agraria ha fatto negli ultimi mesi. In attesa di vedere come si comporta il mercato nel mese di settembre (mantenendo la vendita mensile media dell'anno, 112.000 tonnellate, o la cifra dell'ultimo mese), ASAJA-Jaén prevede che ci sarà una giacenza, ma non preoccupante", soprattutto tenendo conto che lo stock attuale è di 485.000 tonnellate di olio di oliva.

La Spagna ha in magazzino/deposito 485.000 tonnellate di olio di oliva.
Secondo i dati provvisori dell'AICA (Agenzia per l'informazione e il controllo degli alimenti) a cui l'organizzazione agraria ha avuto accesso, al 31 agosto tale è la giacenza rimasta, tenendo conto delle vendite nell'ultimo mese di circa 105.000 tonnellate. Se queste cifre vengono mantenute, o la media mensile delle vendite, che è di 112.000 tonnellate, l'olio rimasto in giacenza sarà quello necessario per rifornire il mercato in attesa della nuova produzione . "Non sarà una giacenza di 300.000 tonnellate, ma non così alta da preoccuparci o far scendere i prezzi", afferma Luis Carlos Valero, manager e portavoce di ASAJA-Jaén.

Secondo i dati AICA, al 31 agosto 2018 la maggior parte delle giacenze/depositi sono nelle mani di frantoi oleari, con uno stock di 310.000 tonnellate. Gli imbottigliatori detengono 165.000 tonnellate, mentre il Patrimonio Comunale Olivarero ne ha 10.000 tonnellate.

Per quanto riguarda la destinazione dell'olio di oliva commercializzato in agosto, circa 70.000 tonnellate sono state destinate alle esportazioni e 35.000 tonnellate per il consumo interno del mercato spagnolo.

Infine, la Spagna aumenterà significativamente la sua produzione, ben al di sopra della media degli ultimi cinque anni, si prevede la metà della produzione mondiale grazie ad un aumento della produzione nazionale del 26%, raggiungendo 1.580.000 tonnellate.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

E' necessario essere Accesso effettuato per pubblicare un commento